Guida all’interfaccia utente di Attribution AI

Nell’ambito di Intelligent Services, Attribution AI è un servizio di attribuzione algoritmica multicanale che calcola l’influenza e l’impatto incrementale delle interazioni dei clienti rispetto a risultati specifici. Con Attribution AI, gli esperti di marketing possono misurare e ottimizzare le spese di marketing e pubblicitarie comprendendo l’impatto di ogni singola interazione con i clienti in ogni fase del percorso del cliente.

Questo documento funge da guida per l’interazione con Attribution AI nell’interfaccia utente di Intelligent Services.

Creare un’istanza

In Adobe Experience Platform Interfaccia utente, seleziona Servizi nella navigazione a sinistra. La Servizi viene visualizzato il browser e vengono visualizzati i servizi intelligenti di Adobe disponibili. Nel contenitore per Attribution AI, seleziona Apri.

Accesso all’istanza

Viene visualizzata la pagina del servizio Attribution AI. In questa pagina sono elencate le istanze di servizio di Attribution AI e vengono visualizzate informazioni su di esse, tra cui il nome dell’istanza, gli eventi di conversione, la frequenza di esecuzione dell’istanza e lo stato dell’ultimo aggiornamento.

È possibile trovare le Totale degli eventi di conversione valutati in basso a destra Crea istanza contenitore. Questa metrica tiene traccia del numero totale di eventi di conversione valutati per Attribution AI per l’anno solare corrente, inclusi tutti gli ambienti sandbox ed eventuali istanze di servizio eliminate.

conversioni totali

Le istanze del servizio possono essere modificate, clonate ed eliminate utilizzando i controlli sul lato destro dell’interfaccia utente. Per visualizzare questi controlli, seleziona un'istanza dal tuo esistente Istanze del servizio. I controlli contengono le seguenti informazioni:

  • Modifica: Selezione Modifica consente di modificare un’istanza di servizio esistente. Puoi modificare il nome, la descrizione, lo stato e la frequenza di punteggio dell’istanza.
  • Clona: Selezione Clona copia l'istanza di servizio selezionata. Puoi quindi modificare il flusso di lavoro per apportare modifiche minori e rinominarlo come nuova istanza.
  • Elimina: Puoi eliminare un’istanza di servizio, comprese eventuali esecuzioni cronologiche. Il set di dati di output corrispondente verrà eliminato da Platform. Tuttavia, i punteggi sincronizzati con Profilo cliente in tempo reale non vengono eliminati.
  • Origine dati: Un collegamento al set di dati in uso. Se Attribution AI utilizza più di un set di dati, viene visualizzato "Multiplo" seguito dal numero di set di dati. Quando si seleziona il collegamento ipertestuale, viene visualizzato il profilo di anteprima dei set di dati.
  • Dettagli dell'ultima esecuzione: Viene visualizzato solo in caso di errore di un'esecuzione. Informazioni sul motivo per cui l’esecuzione non riuscita, ad esempio i codici di errore, sono visualizzati qui.

Riquadro laterale

  • Eventi di conversione: Panoramica rapida degli eventi di conversione configurati per questa istanza.
  • Intervallo di lookback: Intervallo di tempo definito che indica quanti giorni prima dei punti di contatto dell’evento di conversione sono inclusi.
  • Punti di contatto: Elenco di tutti i punti di contatto definiti durante la creazione dell’istanza.

Seleziona Crea istanza per iniziare.

Crea istanza

Viene quindi visualizzata la pagina di configurazione per Attribution AI in cui puoi specificare un nome e una descrizione facoltative per l’istanza del servizio.

denominazione di un’istanza

Seleziona dati

Per progettazione, Attribution AI può utilizzare i dati di Adobe Analytics, Experience event e Consumer Experience Event per calcolare i punteggi di attribuzione. Quando selezioni un set di dati vengono elencati solo quelli compatibili con Attribution AI. Per selezionare un set di dati, seleziona il (+) accanto al nome del set di dati o seleziona la casella di controllo per aggiungere più set di dati contemporaneamente. Puoi anche utilizzare l’opzione di ricerca per trovare rapidamente i set di dati che ti interessano.

Dopo aver selezionato i set di dati da utilizzare, seleziona la Aggiungi per aggiungere i set di dati al riquadro di anteprima del set di dati.

Seleziona set di dati

Selezione dell’icona delle informazioni icona info accanto a un set di dati viene aperto il set di dati preview pover.

Selezionare e cercare il set di dati

L’anteprima del set di dati contiene dati quali l’ora dell’ultimo aggiornamento, lo schema di origine e un’anteprima delle prime dieci colonne.

Seleziona Salva per salvare le bozze mentre ci si sposta nel flusso di lavoro. È inoltre possibile salvare le configurazioni del modello 2D e passare al passaggio successivo nel flusso di lavoro. Utilizzo Salva e continua per creare e salvare le bozze durante le configurazioni del modello. La funzione consente di creare e salvare le bozze della configurazione del modello ed è particolarmente utile quando si devono definire molti campi nel flusso di lavoro di configurazione.

Crea flusso di lavoro della scheda Attribution AI Servizi di scienza dei dati con Salva e Salva e continua evidenziato.

Completezza del set di dati

Nell’anteprima del set di dati è presente un valore percentuale di completezza del set di dati. Questo valore fornisce un’istantanea rapida del numero di colonne del set di dati vuote o nulle. Se un set di dati contiene molti valori mancanti e questi valori vengono acquisiti altrove, si consiglia vivamente di includere il set di dati contenente i valori mancanti.

NOTA

La completezza del set di dati viene calcolata utilizzando la finestra di addestramento massima per le Attribution AI (un anno). Ciò significa che i dati di età superiore a un anno non vengono presi in considerazione quando visualizzi il valore di completezza del set di dati.

Completezza del set di dati

Selezionare un'identità

È ora possibile unire più set di dati tra loro in base alla mappa identità (campo ). È necessario selezionare un tipo di identità (noto anche come "spazio dei nomi identità") e un valore di identità all’interno di tale spazio dei nomi. Se hai assegnato più di un campo come identità all’interno dello schema sotto lo stesso spazio dei nomi, tutti i valori di identità assegnati vengono visualizzati nel menu a discesa Identità preceduto dallo spazio dei nomi, ad esempio EMAIL (personalEmail.address) o EMAIL (workEmail.address).

IMPORTANTE

Lo stesso tipo di identità (namespace) deve essere utilizzato per ogni set di dati selezionato. Accanto al tipo di identità all'interno della colonna Identity, viene visualizzato un segno di spunta verde che indica che i set di dati sono compatibili. Ad esempio, quando utilizzi lo spazio dei nomi Telefono e mobilePhone.number come identificatore, tutti gli identificatori per i set di dati rimanenti devono contenere e utilizzare lo spazio dei nomi Telefono .

Per selezionare un'identità, selezionare il valore sottolineato che si trova nella colonna identità. Viene visualizzato il puntatore di selezione di un'identità.

seleziona lo stesso namespace

Se in uno spazio dei nomi sono disponibili più identità, accertati di selezionare il campo di identità corretto per il caso d’uso. Ad esempio, due identità e-mail sono disponibili all’interno dello spazio dei nomi e-mail, un messaggio e-mail aziendale e personale. A seconda del caso d’uso, è più probabile che un’e-mail personale venga compilata ed è più utile nelle singole previsioni. Ciò significa che puoi selezionare EMAIL (personalEmail.address) come la tua identità.

Chiave del set di dati non selezionata

NOTA

Se non esiste un tipo di identità (namespace) valido per un set di dati, è necessario impostare un'identità primaria e assegnarla a uno spazio dei nomi di identità utilizzando editor di schemi. Per ulteriori informazioni sugli spazi dei nomi e le identità, visita il Namespace del servizio Identity documentazione.

Mappatura dei campi del canale e della campagna multimediale

Dopo aver selezionato e aggiunto i set di dati, la Mappa viene visualizzato il passaggio di configurazione. Attribution AI richiede di mappare il campo Canale multimediale per ogni set di dati selezionato nel passaggio precedente. Questo perché senza la mappatura del canale multimediale tra set di dati, le informazioni derivate da Attribution AI potrebbero non essere visualizzate correttamente rendendo difficile l’interpretazione della pagina delle informazioni. Anche se è richiesto solo il canale Media, si consiglia vivamente di mappare alcuni dei campi facoltativi quali azione Media, nome della campagna, gruppo Campaign e tag Campaign. In questo modo le Attribution AI possono fornire informazioni più chiare e risultati ottimali.

mappatura

Definizione degli eventi

Esistono tre diversi tipi di dati di input utilizzati per definire gli eventi:

  • Eventi di conversione: Obiettivi aziendali che identificano l'impatto delle attività di marketing, come ordini di e-commerce, acquisti in-store e visite a siti web.
  • Intervallo di lookback: Fornisce un intervallo di tempo che indica quanti giorni prima dei punti di contatto dell’evento di conversione devono essere inclusi.
  • Punti di contatto: eventi di marketing a livello di destinatari, singoli e o cookie utilizzati per valutare l’impatto numerico o basato sui ricavi delle conversioni.

Definire gli eventi di conversione

Per definire un evento di conversione, devi assegnare un nome all’evento e selezionare il tipo di evento selezionando il set di dati e il campo dalla Selezionare un set di dati e un campo menu a discesa.

menu a discesa sì

Una volta selezionato un evento, viene visualizzato un nuovo menu a discesa a destra di tale evento. Il secondo menu a discesa viene utilizzato per fornire ulteriore contesto all’evento attraverso le operazioni. Per questo evento di conversione, l’operazione predefinita esiste viene utilizzato.

NOTA

Una stringa sotto il tuo nome conversione viene aggiornato mentre definisci l’evento.

nessun menu a discesa

Successivamente, puoi selezionare un set di dati combinato generato dalla combinazione di tutti i set di dati di input nel passaggio precedente. In alternativa, puoi selezionare una colonna basata su singoli set di dati dal Selezionare un set di dati e un campo menu a discesa.

La Aggiungi evento e Aggiungi gruppo i pulsanti vengono utilizzati per definire ulteriormente la conversione. A seconda della conversione che stai definendo, potrebbe essere necessario utilizzare il Aggiungi evento e Aggiungi gruppo per fornire ulteriore contesto.

aggiungi evento

Selezione Aggiungi evento crea campi aggiuntivi che possono essere compilati utilizzando lo stesso metodo descritto in precedenza. In questo modo viene aggiunta un'istruzione AND alla definizione della stringa sotto il nome di conversione. Seleziona la x per rimuovere un evento aggiunto.

aggiungi menu eventi

Selezione Aggiungi gruppo consente di creare campi aggiuntivi separati dall’originale. Con l'aggiunta di gruppi, un blu E viene visualizzato il pulsante . Selezione E offre un’opzione per modificare il parametro in modo che contenga "OR". "OR" viene utilizzato per definire più percorsi di conversione riusciti. "And" estende il percorso di conversione per includere condizioni aggiuntive.

utilizzando e

Se hai bisogno di più di una conversione, seleziona Aggiungi conversione per creare una nuova scheda di conversione. Puoi ripetere il processo sopra descritto per definire più conversioni.

aggiungi conversione

Definisci l’intervallo di lookback

Dopo aver definito la conversione, devi confermare l’intervallo di lookback. Utilizzando i tasti freccia o selezionando il valore predefinito (56), specifica quanti giorni prima dell’evento di conversione da cui desideri includere i punti di contatto. I punti di contatto sono definiti nel passaggio successivo.

lookback

Definire i punti di contatto

La definizione dei punti di contatto segue un flusso di lavoro simile a definizione delle conversioni. Inizialmente devi denominare il punto di contatto e selezionare un valore del punto di contatto dal Immettere il nome del campo menu a discesa. Una volta selezionato, viene visualizzato il menu a discesa dell’operatore con il valore predefinito "exists" (esiste). Seleziona il menu a discesa per visualizzare un elenco di operatori.

operatori

Per questo punto di contatto, seleziona è.

passaggio 1

Quando viene selezionato un operatore per un punto di contatto, Immetti valore campo è reso disponibile. Valori a discesa per Immetti valore campo viene compilata in base all’operatore e al valore del punto di contatto precedentemente selezionati. Se un valore non viene compilato nel menu a discesa, è possibile digitarlo manualmente. Seleziona il menu a discesa e seleziona FAI CLIC SU.

NOTA

Agli operatori "esiste" e "non esiste" non sono associati valori di campo.

elenco a discesa dei punti di contatto

La Aggiungi evento e Aggiungi gruppo i pulsanti vengono utilizzati per definire ulteriormente il punto di contatto. A causa della complessità dei punti di contatto, non è raro che si disponga di più eventi e gruppi per un singolo punto di contatto.

Se selezionato, Aggiungi evento consente l’aggiunta di campi aggiuntivi. seleziona la x per rimuovere un evento aggiunto.

aggiungi evento

Selezione Aggiungi gruppo consente di creare campi aggiuntivi separati dall’originale. Con l'aggiunta di gruppi, un blu E viene visualizzato il pulsante . Seleziona E per modificare il parametro, il nuovo parametro "OR" viene utilizzato per definire più percorsi riusciti. Questo particolare punto di contatto ha un solo percorso di successo, quindi non è necessario "O".

panoramica dei punti di contatto

NOTA

Usa la stringa sotto Nome punto di contatto per una rapida panoramica del punto di contatto. La stringa corrisponde al nome del punto di contatto.

Per aggiungere altri punti di contatto, seleziona Aggiungi punto di contatto e ripetendo il processo di cui sopra.

aggiungi punto di contatto

Al termine della definizione di tutti i punti di contatto necessari, scorri verso l’alto e seleziona Successivo nell’angolo in alto a destra per passare al passaggio finale.

definire finito

Impostazione avanzata di formazione e valutazione

La pagina finale in Attribution AI è la Avanzate pagina utilizzata per l’impostazione della formazione e del punteggio.

nuove opzioni set di pagine

Formazione programmata

Utilizzo della Pianificazione, puoi selezionare un giorno e un’ora della settimana in cui desideri eseguire il punteggio.

Seleziona il menu a discesa sotto Frequenza punteggio per selezionare il punteggio giornaliero, settimanale e mensile. Quindi, seleziona i giorni della settimana in cui desideri che si verifichi il punteggio. È possibile selezionare più giorni. Selezionando di nuovo lo stesso giorno, lo deseleziona.

Formazione programmata

Per modificare l’ora del giorno in cui si desidera che si verifichi il punteggio, selezionare l’icona dell’orologio. Nella nuova sovrapposizione visualizzata, immetti l’ora del giorno in cui desideri che venga effettuato il punteggio. Seleziona all’esterno della sovrapposizione per chiuderla.

NOTA

Il completamento di ogni processo di punteggio può richiedere fino a 24 ore.

icona dell'orologio

Colonne di set di dati con punteggio aggiuntivo (facoltativo)

Per impostazione predefinita, viene creato un set di dati di punteggio per ogni istanza di servizio in uno schema standard. Puoi scegliere di aggiungere ulteriori colonne in base alle configurazioni Evento di conversione e Punto di contatto all’output del set di dati di valutazione. Per iniziare, seleziona le colonne dal set di dati di input, puoi trascinarle e rilasciarle per modificare l’ordine tenendo premuto il pulsante sinistro del mouse sull’icona hamburger.

aggiunta a una colonna di set di dati di punteggio

Modellazione basata su regione (facoltativo)

I comportamenti dei clienti possono variare in modo significativo a seconda del paese e dell’area geografica. Per le aziende globali, l’utilizzo di modelli basati su paesi o aree geografiche può aumentare l’accuratezza dell’attribuzione. Ogni area aggiunta crea un nuovo modello con i dati di tale area.

Per definire una nuova area, inizia selezionando Aggiungi area. Specifica un nome per la regione nel contenitore visualizzato. Viene compilato un solo valore ("placeContext.geo.countryCode") dal Immettere il nome del campo a discesa. Selezionare questo valore.

Seleziona la regione in

Quindi, seleziona un operatore.

operatore regionale

Infine, digitare il codice del paese nel Immetti valore campo a discesa.

NOTA

I codici paese sono lunghi due caratteri. Un elenco completo è disponibile qui ISO 3166-1 alfa-2.

regione

Finestra di formazione

Per garantire che il modello sia il più accurato possibile, è importante addestrare il modello con dati storici che rappresentano la vostra attività. Per impostazione predefinita, il modello viene addestrato utilizzando 2 quarti (6 mesi) dei dati degli eventi di conversione. Seleziona il menu a discesa per modificare il valore predefinito. Puoi scegliere di allenarti con uno o quattro quarti di dati (3-12 mesi).

NOTA

Una finestra di formazione più breve è più sensibile alle tendenze recenti, mentre una finestra di formazione più lunga crea un modello più robusto ed è meno sensibile alle tendenze recenti.

finestra di formazione

Dopo aver selezionato la finestra di formazione, seleziona Fine nell'angolo in alto a destra. Consentire un po' di tempo per l'elaborazione dei dati. Una volta completata, viene visualizzata una finestra di dialogo di attivazione che conferma il completamento della configurazione dell'istanza. Seleziona Ok da reindirizzare al Istanze del servizio in cui puoi vedere la tua istanza di servizio.

configurazione completata

Politiche di governance

Una volta avviato il flusso di lavoro per creare un'istanza e inviare la configurazione del modello, il applicazione delle norme controlli per verificare l'esistenza di eventuali violazioni. Se si verifica una violazione di un criterio, viene visualizzato un puntatore che indica la violazione di uno o più criteri. In questo modo, assicurati che le operazioni dati e le azioni di marketing all’interno di Platform siano conformi ai criteri di utilizzo dei dati.

manifesto che mostra la violazione dei criteri

Il puntatore fornisce informazioni specifiche sulla violazione. Puoi risolvere queste violazioni tramite le impostazioni dei criteri e altre misure che non sono direttamente correlate al flusso di lavoro di configurazione. Ad esempio, puoi modificare le etichette in modo che alcuni campi possano essere utilizzati a scopo di scienza dei dati. In alternativa, puoi anche modificare la configurazione del modello stesso in modo che non utilizzi nulla con un'etichetta. Consulta la documentazione per ulteriori informazioni su come configurare politiche.

Controllo dell’accesso basato su attributi

IMPORTANTE

Il controllo dell'accesso basato su attributi è attualmente disponibile solo in una versione limitata.

Controllo dell'accesso basato su attributi è una funzionalità di Adobe Experience Platform che consente agli amministratori di controllare l’accesso a oggetti e/o funzionalità specifici in base agli attributi. Gli attributi possono essere metadati aggiunti a un oggetto, ad esempio un’etichetta aggiunta a un campo o a un segmento dello schema. Un amministratore definisce i criteri di accesso che includono gli attributi per gestire le autorizzazioni di accesso degli utenti.

Questa funzionalità ti consente di etichettare i campi dello schema Experience Data Model (XDM) con etichette che definiscono gli ambiti di utilizzo organizzativi o dei dati. In parallelo, gli amministratori possono utilizzare l’interfaccia utente e l’interfaccia di amministrazione dei ruoli per definire i criteri di accesso ai campi dello schema XDM e gestire meglio l’accesso dato a utenti o gruppi di utenti (utenti interni, esterni o di terze parti). Inoltre, il controllo degli accessi basato sugli attributi consente agli amministratori di gestire l’accesso a segmenti specifici.

Grazie al controllo degli accessi basato sugli attributi, gli amministratori possono controllare l’accesso degli utenti ai dati personali sensibili (SPD) e alle informazioni personali identificabili (PII) in tutti i flussi di lavoro e le risorse di Platform. Gli amministratori possono definire ruoli utente con accesso solo a campi e dati specifici corrispondenti a tali campi.

A causa del controllo degli accessi basato sugli attributi, alcuni campi e funzionalità potrebbero avere accesso limitato e non essere disponibili per alcune istanze del servizio Attribution AI. Ad esempio, "Identity", "Score Definition" e "Clone".

Nella parte superiore dell’area di lavoro Attribution AI pagina approfondimenti, i dettagli visualizzati nella barra laterale hanno accesso limitato.

Area di lavoro Attribution AI con i campi dello schema limitati evidenziati.

Se selezioni set di dati con schemi limitati nel Creare un flusso di lavoro delle istanze accanto al nome del set di dati viene visualizzato un avviso con il messaggio: Sono escluse le informazioni limitate.

Area di lavoro Attribution AI con i campi set di dati limitati evidenziati.

Quando si visualizzano in anteprima i set di dati con schema limitato nel Creare un flusso di lavoro delle istanze viene visualizzato un avviso che informa che A causa di restrizioni di accesso, alcune informazioni non vengono visualizzate nell’anteprima del set di dati.

Risultati evidenziati nell’area di lavoro di Attribution AI con i campi dello schema con anteprima limitata.

Dopo aver creato un'istanza con informazioni limitate e passare alla Definire l'obiettivo viene visualizzato un avviso nella parte superiore: A causa di restrizioni di accesso, alcune informazioni non vengono visualizzate nella configurazione.

L’area di lavoro Attribution AI con i campi limitati dei risultati dell’istanza evidenziata.

Passaggi successivi

Seguendo questa esercitazione, hai creato correttamente un'istanza di servizio in Attribution AI. Al termine del punteggio dell’istanza (consenti fino a 24 ore), puoi scoprire informazioni approfondite sulle Attribution AI. Inoltre, se desideri scaricare i risultati del punteggio, visita il download dei punteggi documentazione.

Risorse aggiuntive

Il video seguente illustra un flusso di lavoro end-to-end per la creazione di una nuova istanza in Attribution AI.

In questa pagina