Configurazione di ContextHub in AEM Screens

Questa sezione sottolinea come creare e gestire le modifiche alle risorse basate sui dati utilizzando un archivio dati.

Termini chiave

Prima di iniziare a creare e gestire i canali basati sulle scorte nel progetto AEM Screens, devi conoscere alcuni dei termini chiave importanti e rilevanti per i diversi scenari.

​BrandFa riferimento alla descrizione del progetto di alto livello.

​AreaFa riferimento al nome del progetto AEM Screens, ad esempio Digital Ad Signage

​AttivitàDefinisce la categoria di regole come Basata su inventario, Basata su tempo, Basata sulla disponibilità del reparto e così via.

​AudienceDefinisce la regola.

​SegmentSi riferisce alla versione della risorsa da riprodurre per la regola data, ad esempio se la temperatura è inferiore a 50 gradi fahrenheit, lo schermo visualizza l'immagine di un caffè caldo altrimenti di una bevanda fredda.

Il diagramma seguente fornisce una rappresentazione visiva di come le configurazioni ContextHub coincidono con attività, pubblico e canali.

screen_shot_2019-05-29at53729pm

Condizioni preliminari

Prima di iniziare a configurare le configurazioni Context Hub per un progetto AEM Screens, devi configurare Google Sheets (a scopo dimostrativo).

IMPORTANTE

Google Sheets è utilizzato nell'esempio seguente come un sistema di database di esempio da cui i valori vengono recuperati ed è esclusivamente a scopo educativo. Adobe non supporta l’utilizzo di Google Sheets per ambienti di produzione.

Per ulteriori informazioni, consulta Ottieni chiave API nella documentazione di Google.

Passaggio 1: Impostazione di un archivio dati

È possibile impostare l’archivio dati come evento I/O locale o come evento di database locale.

L’esempio seguente di trigger a livello di risorsa mostra un evento di database locale che imposta un archivio dati, ad esempio un foglio Excel, che consente di utilizzare le configurazioni ContextHub e il percorso dei segmenti per il canale AEM Screens.

Una volta configurato correttamente il foglio google, ad esempio come mostrato di seguito:

immagine

La seguente convalida è ciò che verrà visualizzato quando si controlla la connessione immettendo i due valori ID di Google sheet e Chiave API nel formato seguente:

https://sheets.googleapis.com/v4/spreadsheets/<your sheet id>/values/Sheet1?key=<your API key>

immagine

NOTA

L’esempio specifico seguente mostra i fogli google come archivio dati che attiveranno la modifica delle risorse se il valore è superiore a 100 o inferiore a 50.

Passaggio 2: Configurazione delle configurazioni del negozio

  1. Navigazione a ContextHub

    Passa all’istanza AEM e fai clic sull’icona degli strumenti nella barra laterale sinistra. Fai clic su Sites —> ContextHub, come illustrato nella figura riportata di seguito.

    immagine

  2. Creazione di una nuova configurazione dell’archivio ContextHub

    1. Passa al contenitore di configurazione denominato screens.

    2. Fai clic su Crea > Crea contenitore di configurazione e immetti il titolo come ContextHubDemo.

      immagine

    3. ​Passa a ContextHubDemo > Crea configurazione ContentHub e fai clic su Salva.

      NOTA

      Dopo aver fatto clic su Salva ti troverai nella schermata Configurazione ContextHub.

    4. Dalla schermata Configurazione ContextHub, fai clic su Crea > Configurazione ContentHub Store…

      immagine

      ATTENZIONE

      Come parte del Feature Pack 4 di AEM 6.5 o del Feature Pack 8 di AEM 6.4, i clienti devono aggiornare /conf/screens/settings/cloudsettings a sling:Folder.

      Effettua le seguenti operazioni:

      1. Passa a CRXDE Lite e quindi a /conf/screens/settings/cloudsettings.
      2. Controlla se cloudsettings jcr:primaryType è in sling:Folder. Se il jcr:primaryType non è compreso in sling:folder, procedi ai passaggi successivi.
      3. Fai clic con il pulsante destro del mouse su /conf/screens/settings e crea un nuovo nodo con nome come cloudsettings1 e Tipo come sling:Folder e salva le modifiche.
      4. Sposta tutti i nodi sotto /conf/screens/settings/cloudsettings a cloudsettings1.
      5. Elimina cloudsettings e salva.
      6. Rinomina cloudsettings1 in cloudsettings e salva.
      7. A questo punto è necessario notare che /conf/screens/settings/cloudsettings ha jcr:primaryType come sling:Folder.

      Segui questi passaggi in authoring e pubblicazione prima o dopo l’aggiornamento.

    5. Inserisci il Titolo come Fogli di Google, Nome del negozio come fogli di Google e Tipo di archivio come contexthub.generic-jsonp e Successivo.

      ATTENZIONE

      Se utilizzi Adobe Experience Manager (AEM) 6.4, immetti il Titolo configurazione come googlesheets e il Tipo di archivio come contexthub.generic-jsonp.

      immagine

    6. Immetti la tua configurazione json specifica. Ad esempio, puoi utilizzare il seguente json a scopo dimostrativo e fare clic su Salva e vedrai la configurazione dell'archivio intitolata Google Sheets nella configurazione ContextHub.

      IMPORTANTE

      Assicurati di sostituire il codice con il tuo <Sheet ID> e <API Key>, che hai recuperato durante la configurazione dei fogli Google.

       {
        "service": {
        "host": "sheets.googleapis.com",
        "port": 80,
        "path": "/v4/spreadsheets/<your google sheets id>/values/Sheet1",
        "jsonp": false,
        "secure": true,
        "params": {
        "key": "<your Google API key>"
       }
      },
      "pollInterval": 10000
      }
      
      NOTA

      Nel codice di esempio riportato sopra, pollInterval definisce la frequenza con cui i valori vengono aggiornati (in ms).
      Sostituisci il codice con il tuo <Sheet ID> e <API Key>, recuperato durante la configurazione dei fogli di Google.

      ATTENZIONE

      Se crei le configurazioni dell’archivio di Google Sheets al di fuori della cartella globale (ad esempio nella cartella del progetto), il targeting non funzionerà automaticamente.

  3. Impostazione della segmentazione dello store

    1. Passa a Configurazione archivio ContentHub. crea un’altra configurazione dell’archivio nel contenitore di configurazione delle schermate e imposta ​Titleas segmentation-contexthub, Store Name ​segmentatione Store Typeas aem.segmentation.

      immagine

    2. Fare clic su Avanti, quindi su Salva.

      NOTA

      Devi saltare il processo di definizione del json e lasciarlo vuoto.

Passaggio 3: Configurazione dei segmenti nel pubblico

  1. Creazione di segmenti in Audiences

    1. Passa dall'istanza AEM a Personalizzazione > Audiences > screens.

    2. Fai clic su Crea > Crea segmento di Context Hub. Viene visualizzata la finestra di dialogo Nuovo segmento ContextHub .

    3. Inserisci il Titolo come Superiore a 50 e fai clic su Crea. Allo stesso modo, crea un altro segmento denominato Lowerthan50.

      immagine

    4. Seleziona il segmento Superiore a 50 e fai clic su Proprietà nella barra delle azioni.

      immagine

    5. Seleziona la scheda Personalizzazione da Proprietà segmento. Imposta il percorso ContextHub su /conf/screens/settings/cloudsettings/ContextHubDemo/contexthub configurations e Percorso segmenti su /conf/screens/settings/wcm/segments e fai clic su Salva, come mostrato nella figura seguente.

      immagine

    6. Allo stesso modo, imposta anche il segmento ContextHub Path e Segments Path per Lowerthan50.

Passaggio 4: Configurazione del marchio e dell’area

Segui i passaggi riportati di seguito per creare un marchio nelle attività e nell’area sotto il marchio:

  1. Creazione di un marchio nelle attività

    1. Passa dall'istanza AEM a Personalizzazione > Attività.

    2. Fai clic su Crea > Crea marchio.

    3. Seleziona Marchio dalla procedura guidata Crea pagina e fai clic su Avanti.

    4. Inserisci il Titolo come ScreensBrand e fai clic su Crea. Il tuo marchio viene ora creato come mostrato di seguito.

      immagine

      ATTENZIONE

      Problema noto:

Per aggiungere un’area, rimuovere il master dall’URL, ad esempio
http://localhost:4502/libs/cq/personalization/touch-ui/content/v2/activities.html/content/campaigns/screensbrand/master.

  1. Creazione di un’area nel brand

    Per creare un’area del marchio, effettua le seguenti operazioni:

    1. Fare clic su Crea, quindi su Crea area.

      immagine

    2. Seleziona Area dalla procedura guidata Crea pagina e fai clic su Avanti.

    3. Inserisci il Titolo come ScreensValue e fai clic su Crea.
      Verrà creata un’area nel tuo marchio.

Passaggio 5: Creazione di segmenti in un’attività

Dopo aver configurato un archivio dati e definito l’attività (marchio e area), segui i passaggi seguenti per creare segmenti nell’attività.

  1. Creazione di segmenti nelle attività

    1. Passa dall’istanza AEM a Personalizzazione > Attività > ScreensBrand >ScreensValue.

    2. Fai clic su Crea > Crea attività. Le Procedure Guidate Configura Attività .

    3. Inserisci il Titolo come ValoreCheck50 e Nome come valoreCheck50. Seleziona il motore di targeting come ContextHub (AEM) dal menu a discesa e fai clic su Avanti.

      immagine

    4. Fai clic su Aggiungi esperienza nella Configurazione guidata attività.

    5. In Tipi di pubblico, seleziona Più alto di 50 e fai clic su Aggiungi esperienza e immetti Titolo come più alto di 50 Nome come <a 12/>superiore a 50 . Fare clic su Ok.

    6. In Tipi di pubblico, seleziona il Lowerthan50 e fai clic su Aggiungi esperienza e immetti il Titolo come inferiore a 50 Nome come a12/>lowerthan50 . Fare clic su Ok.

      immagine

    7. Fare clic su Avanti, quindi su Salva. L’attività ValueCheck50 viene ora creata e configurata.

      immagine

Passaggio 5: Modifica dei segmenti in Audiences

  1. Modifica dei segmenti

    1. Passa dall'istanza AEM a Personalizzazione > Audiences > screens.

    2. Seleziona il segmento Superiore a 50 e fai clic su Modifica nella barra delle azioni.

    3. Trascina e rilascia il Confronto: Proprietà - Componente Value nell'editor.

    4. Fai clic sull'icona a forma di chiave inglese per aprire la finestra di dialogo Confronto di una proprietà con valore .

    5. Seleziona googlesheets/value/1/0 dal menu a discesa in Nome proprietà.

      NOTA

      Il foglio googlesheets/value/1/0 si riferisce alla riga 2 e alla colonna compilati nei fogli google nella figura seguente:

      immagine

    6. Seleziona Operatore come maggiore di dal menu a discesa.

    7. Inserisci il Valore come 70.

      NOTA

      Il AEM convalida i dati da Google Sheet mostrando il segmento come verde.

      immagine
      Allo stesso modo, modifica i valori della proprietà in Lowerthan50.

    8. Trascina e rilascia il Confronto: Proprietà - Componente Value nell'editor.

    9. Fai clic sull'icona a forma di chiave inglese per aprire la finestra di dialogo Confronto di una proprietà con valore .

    10. Seleziona googlesheets/value/1/0 dal menu a discesa in Nome proprietà.

    11. Seleziona Operatore come minore di dal menu a discesa.

    12. Inserisci il Valore come 50.

Abilitazione del targeting nei canali

Segui i passaggi seguenti per abilitare il targeting nei tuoi canali.

  1. Passa a uno dei canali AEM Screens. I passaggi seguenti mostrano come abilitare il targeting utilizzando DataDrivenChannel creato in un canale AEM Screens.

  2. Seleziona il canale TargetChannel e fai clic su Proprietà nella barra delle azioni.

    immagine

  3. Seleziona la scheda Personalizzazione per impostare le configurazioni di ContextHub.

    1. Imposta il percorso ContextHub su /conf/screens/settings/cloudsettings/ContextHubDemo/contexthub configurations e Percorso segmenti su /conf/screens/settings/wcm/segments e fai clic su Salva.

    2. Fai clic su Salva e chiudi.

      NOTA

      Utilizza ContextHub e il percorso Segmenti, in cui hai inizialmente salvato le configurazioni e i segmenti dell'hub di contesto.

      immagine

    3. Naviga e seleziona il canale TargetChannel e fai clic su Modifica nella barra delle azioni.

      NOTA

      Se hai configurato tutto correttamente, vedrai l'opzione Targeting nel menu a discesa dall'editor, come mostrato nella figura seguente.

      immagine

Ulteriori informazioni: Esempi di casi d'uso

Dopo aver configurato ContextHub per il progetto AEM Screens, puoi seguire i diversi casi d’uso per comprendere in che modo i dati che hanno attivato le risorse svolgono un ruolo fondamentale in settori diversi:

  1. Attivazione mirata inventario retail
  2. Attivazione temperatura centro viaggi
  3. Attivazione prenotazione alberghiera

In questa pagina