AEM Project Archetype

AEM Project Archetype è un modello Maven che crea un progetto Adobe Experience Manager (AEM) minimale basato su best practice come punto di partenza per il sito web.

SUGGERIMENTO

L’ultimo Archetipo di progetto AEM è disponibile su GitHub.

Riferimenti

  • Documentazione di Archetype (questo documento): panoramica dell’architettura dell’archetipo e dei suoi diversi moduli.
  • Le seguenti esercitazioni sono basate su questo archetipo:

Funzioni

  • Procedure consigliate: Bootstrap il sito con tutte le ultime procedure consigliate di Adobe.
  • Codice basso: modifica i modelli, crea contenuti, distribuisci i CSS e il tuo sito è pronto per essere live.
  • Cloud-Ready: se lo desideri, utilizza AEM as a Cloud Service per vivere in pochi giorni e semplificare scalabilità e manutenzione.
  • Dispatcher: un progetto è completo solo con una configurazione di Dispatcher che ne garantisca la velocità e la sicurezza.
  • Multi-sito: se necessario, l’archetipo genera la struttura del contenuto per una configurazione multilingue e con più aree geografiche.
  • Componenti core: gli autori possono creare quasi tutti i layout con il nostro versatile set di componenti standard.
  • Modelli modificabili: assembla virtualmente qualsiasi modello senza codice e definisci cosa gli autori possono modificare.
  • Layout reattivo: nei modelli o nelle singole pagine, definisci il flusso degli elementi per i punti di interruzione definiti.
  • Intestazione e piè di pagina: assemblali e localizzali senza codice, utilizzando le funzioni di localizzazione dei componenti.
  • Sistema di stili: evita di creare componenti personalizzati consentendo agli autori di applicare loro stili diversi.
  • Build front-end: gli sviluppatori front-end possono simulare AEM pagine e creare librerie client con Webpack, TypeScript e SASS.
  • WebApp-Ready: per i siti che utilizzano 🔗 Reactor Angular, utilizza l’ SPA SDK per mantenere la creazione in-context dell’app.
  • Commerce Enabled: per progetti che desiderano integrare AEM Commerce con soluzioni commerce come 🔗 Magentousing the Commerce Core Components.
  • Esempio di codice: seleziona il componente HelloWorld e i modelli, i servlet, i filtri e i programmatori di esempio.
  • Apri origine: se qualcosa non è come dovrebbe, 🔗 contribuire ai tuoi miglioramenti!

Utilizzo

Per generare un progetto, regola la seguente riga di comando in base alle tue esigenze:

mvn -B archetype:generate \
 -D archetypeGroupId=com.adobe.aem \
 -D archetypeArtifactId=aem-project-archetype \
 -D archetypeVersion=27 \
 -D appTitle="My Site" \
 -D appId="mysite" \
 -D groupId="com.mysite" \
  • Imposta aemVersion=cloud per AEM come Cloud Service;
    Imposta aemVersion=6.5.0 per Adobe Managed Services o on-premise.
    La dipendenza dai componenti core viene aggiunta solo per le versioni aem non cloud, in quanto i componenti core vengono forniti come Cloud Service da OOTB per AEM.
  • Regola appTitle="My Site" per definire il titolo del sito web e i gruppi di componenti.
  • Regola appId="mysite" per definire l’artifactId Maven, i nomi delle cartelle dei componenti, della configurazione e del contenuto e i nomi delle librerie client.
  • Regola groupId="com.mysite" per definire il valore groupId Maven e il pacchetto di origine Java.
  • Ricercare l’elenco delle proprietà disponibili per verificare se è necessario apportare ulteriori modifiche.

Proprietà disponibili

Nome Predefiniti Descrizione

| appTitle | | Titolo applicazione, verrà utilizzato per i gruppi di titoli e componenti del sito web (ad es. "My Site"). |
| appId | | Nome tecnico, verrà utilizzato per i nomi dei componenti, delle cartelle di configurazione e di contenuto, nonché per i nomi delle librerie client (ad esempio "mysite"). |
| artifactId | ${appId} | ID artifact Maven di base (ad es. "mysite"). |
| groupId | | ID gruppo Maven di base (ad es. "com.mysite"). |
| package | ${groupId} | Pacchetto sorgente Java (ad esempio "com.mysite"). |
| version | 1.0-SNAPSHOT | Versione del progetto (ad esempio 1.0-SNAPSHOT). |
| aemVersion | cloud | Versione AEM di destinazione (può essere cloud per AEM come Cloud Service; oppure 6.5.0 o 6.4.4 per Adobe Managed Services o on-premise). |
| sdkVersion | latest | Quando è possibile specificare una versione aemVersion=cloud di SDK (ad esempio 2020.02.2265.20200217T222518Z-200130). |
| includeDispatcherConfig | y | Include una configurazione del dispatcher sia per il cloud che per AMS/on-premise, a seconda del valore di aemVersion (può essere y o n). |
| frontendModule | general | Include un modulo di generazione front-end Webpack che genera le librerie client (può essere general o none per i siti normali; può essere angular o react per un’app a pagina singola che implementa l’ SPA Editor). |
| language | en | Codice lingua (ISO 639-1) per creare la struttura del contenuto da (ad esempio en, deu). |
| country | us | Codice del paese (ISO 3166-1) da cui creare la struttura del contenuto (ad esempio US). |
| singleCountry | y | Include una struttura di contenuto principale per la lingua (può essere y o n). |
| includeExamples | n | Include un sito di esempio Libreria componenti (può essere y o n). |
| includeErrorHandler | n | Include una pagina di risposta 404 personalizzata che sarà globale per l’intera istanza (può essere y o n). |
| includeCommerce | n | Include le dipendenze dei componenti core CIF e genera gli artefatti corrispondenti. |
| commerceEndpoint | | Obbligatorio solo per CIF. Endpoint opzionale del servizio GraphQL del sistema commerce da utilizzare (ad esempio https://hostname.com/grapql). |
| datalayer | y | Attiva l’integrazione con Adobe Client Data Layer. |
| amp | n | Abilita il supporto di AMP per i modelli di progetto generati. |

Requisiti di sistema

Archetipo AEM as a Cloud Service AEM 6.5 AEM 6.4 Java SE Maven
26 Continuo 6.5.5.0+ 6.4.8.1+ 8, 11 3.3.9+

Imposta l'ambiente di sviluppo locale per AEM come Cloud Service SDK o per versioni precedenti di AEM.

Problemi noti

Quando si esegue su Windows e si genera la configurazione del dispatcher, è necessario eseguire un prompt dei comandi con privilegi elevati o il sottosistema Windows per Linux (vedere #329).

Durante l’esecuzione dell’archetipo in modalità interattiva (senza il parametro -B ), le proprietà con i valori predefiniti non possono essere modificate, a meno che la conferma finale non venga saltata, il che ripete le domande includendo nelle domande le proprietà con i valori predefiniti (consulta
ARCHETYPE-308 per i dettagli).

Ulteriori letture

Per ulteriori dettagli sull'utilizzo dell'archetipo, compresi i vantaggi, le opzioni e il funzionamento dei moduli, vedere il documento Utilizzo dell'archetipo.

In questa pagina