Note sulla versione corrente per Adobe Experience Manager as a Cloud Service

La sezione seguente illustra le note generali sulla versione per la versione corrente (più recente) di Experience Manager as a Cloud Service.

NOTA

Da qui puoi passare alle note sulla versione delle versioni precedenti; per esempio, per quelli del 2020, 2021 e così via.

NOTA

Per informazioni sugli aggiornamenti della documentazione non direttamente correlati a una versione, consulta Ultimi aggiornamenti della documentazione .

Data di pubblicazione

La data di rilascio di Adobe Experience Manager come versione corrente Cloud Service (2021.8.0) è il 26 agosto 2021.
La versione seguente (2021.9.0) è del 6 ottobre 2021.

Video sulla versione

Per un riepilogo delle funzioni aggiunte, guarda il video Panoramica sulla versione di agosto 2021 .

Experience Manager Assets as a Cloud Service

Nuove funzioni in Assets

  • Quando condividi risorse digitali come collegamento, gli utenti possono copiare l’URL negli Appunti immediatamente. Questo miglioramento consente di condividere le risorse in modo più rapido e conveniente. Questa funzionalità consente una condivisione delle risorse più rapida e conveniente.

    Opzione Copia URL quando condividi una risorsa come collegamento
    Figura: Quando condividi una risorsa come collegamento, ora puoi copiare l’URL per condividerlo separatamente.

  • Quando carichi file TXT, i microservizi per le risorse generano automaticamente una miniatura. La miniatura PNG è una rappresentazione del file TXT che aiuta gli utenti a identificare il contenuto o i file in una certa misura, senza aprire i file. Questa funzionalità non richiede alcuna configurazione e funziona per impostazione predefinita.

    Un rendering di un file TXT viene generato automaticamente da  Assets in formato PNG
    Figura: Viene generato automaticamente un rendering di un file TXT per identificare il file senza aprirlo.

Nuova funzione nel canale pre-rilascio Assets

  • Gli utenti possono ora ordinare le risorse visualizzate nei risultati della ricerca nelle viste a colonne e a schede. L’ordinamento viene eseguito sulle colonne Nome, Creato, Modificato o Nessuno.

    Ordinare i risultati della ricerca  Assets nelle viste a colonne e a schede
    Figura: Ordina i risultati della ricerca Assets nelle viste a colonne e a schede.

Bug corretti in Assets

  • Quando un membro del gruppo di collaboratori accede alla console Assets, viene generata una richiesta aggiuntiva POST per cercare di creare una raccolta. Questa richiesta non è necessaria, non riesce a causa di problemi di autorizzazioni e crea molti errori nei log. (CQ-4328856)
  • Quando gli utenti visualizzano una risorsa e selezionano Timeline dal menu a comparsa nel pannello a sinistra, viene visualizzato un errore. Nei registri, molti avvisi vengono registrati a causa di una query non valida. (CQ-4328919)

Experience Manager Forms come Cloud Service

Novità in Forms

Nuove funzioni disponibili nel canale pre-rilascio Forms

  • Utilizzare i ruoli Adobe Sign in un modulo adattivo: Adobe Sign per i livelli di servizio aziendali e aziendali ha la possibilità di espandere i ruoli per i destinatari del contratto, oltre al solo firmatario, in modo da soddisfare meglio i requisiti del flusso di lavoro. Ora puoi abilitare ogni destinatario dell’accordo a configurare il proprio ruolo in un modulo adattivo, con il ruolo predefinito Firma .

  • Analytics per Forms adattivo: È ora possibile acquisire e tenere traccia del comportamento dell’utente finale tramite Adobe Analytics for Adaptive Forms per raccogliere informazioni sull’utente finale. Consente di prendere decisioni informate basate sui dati per migliorare l’esperienza dell’utente finale.

  • Collega facilmente AEM Forms con Microsoft Dynamics e Salesforce.com: Il servizio fornisce modelli di dati e configurazione dell’origine dati preconfigurati per Microsoft Dynamics e Salesforce.com, consentendo agli sviluppatori di configurare Microsoft Dynamics e Salesforce.com come origini dati per un modulo adattivo in modo più rapido e semplice.

Componente aggiuntivo CIF

Novità

  • Nuova interfaccia utente del selettore categorie per migliorare l’esperienza utente, aumentare l’efficienza e migliorare il supporto per cataloghi di prodotti complessi

    Selezione nuova categoria

  • Supporto migliorato per A11Y per i componenti core CIF

Cloud Manager

Questa sezione illustra le note sulla versione per Cloud Manager in AEM 2021.8.0 e 2021.7.0.

Data di pubblicazione

La data di rilascio di Cloud Manager in AEM as a Cloud Service 2021.8.0 è il 12 agosto 2021.
La prossima versione è prevista per il 9 settembre 2021.

Novità

  • I clienti del Cloud Service ora possono visualizzare i rapporti SLA (Service Level Agreement) in Cloud Manager. Ciò sarà progressivamente reso disponibile nei prossimi mesi.
    Per ulteriori informazioni, consulta Generazione di rapporti SLA .

  • Il tipo e la gravità delle regole di qualità IndexType e IndexDamAssetLucene sono stati modificati. Questi sono ora due bug di Blocker serverity.

  • Sono state introdotte nuove regole sulla qualità dell'indice Oak per coprire configurazioni asincrone e tika.

  • Aumenta il numero massimo di certificati SSL per programma a 50.

  • Funzionalità self-service per consentire agli utenti di creare e gestire più archivi tramite l’interfaccia utente di Cloud Manager.

  • SonarQube leggeva inutilmente i dati della cronologia Git. Su basi di codice di grandi dimensioni, ciò potrebbe comportare una multa non necessaria per le prestazioni della build.

  • È ora disponibile un’API per annullare la validità della cache di dipendenza Maven per pipeline.

  • La versione di AEM Project Archetype utilizzata da Cloud Manager è stata aggiornata alla versione 29.

Correzioni di bug

  • Lo stato Aggiorna disponibile non deve essere visualizzato quando l'ultima versione è inferiore alla versione corrente.

  • L'onboarding iniziale non riusciva per le nuove organizzazioni con nomi molto lunghi.

  • Talvolta, quando una pipeline viene attivata due volte per qualche motivo, si verifica un errore di una delle esecuzioni che non riesce con non è in grado di aggiornare lo stato di esecuzione della pipeline.

Strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti)

Data di pubblicazione

La data di rilascio dello strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti) v1.5.6 è l’11 agosto 2021.

Correzioni di bug

  • In alcuni casi non tutti gli utenti sono stati migrati all’istanza di destinazione. Per ottenere questa correzione è necessario CTT v1.5.6 insieme alla versione aem-ethos-tools 1.2.354 o successiva sull'istanza di destinazione AEM as a Cloud Service.

  • Il pulsante Interrompi acquisizione veniva disattivato durante l’acquisizione nell’istanza Publish. Questo non è necessario perché non esiste un passaggio di ripristino mongo durante l’acquisizione di Publish.

  • Il CTT non ha ripulito la directory /tmp dopo un’estrazione riuscita. Ciò a volte ha causato problemi di spazio su disco.

In questa pagina