Note sulla versione corrente per Adobe Experience Manager as a Cloud Service

La sezione seguente illustra le note generali sulla versione per la versione corrente (più recente) di Experience Manager come Cloud Service.

NOTA

Da qui puoi passare alle note sulla versione delle versioni precedenti; per esempio, per quelli del 2020, 2021 e così via.

NOTA

Per informazioni sugli aggiornamenti della documentazione non direttamente correlati a una versione, consulta Ultimi aggiornamenti della documentazione .

Data di rilascio

La data di rilascio di Adobe Experience Manager come versione corrente Cloud Service (2021.7.0) è il 29 luglio 2021.
La versione seguente (2021.8.0) è del 26 agosto 2021.

Video sulla versione

Per un riepilogo delle funzioni aggiunte, guarda il video Panoramica sulla versione di luglio 2021 .

Experience Manager Foundation as a Cloud Service

Novità

  • Configurazione più flessibile del dispatcher: I progetti possono essere organizzati più facilmente. Ad esempio, ora puoi includere più file di regole di riscrittura che riflettono la struttura del sito. Scopri questa modalità flessibile, tra cui come strutturare la configurazione del dispatcher per sfruttarla.
  • L’interfaccia utente di replica ad albero nella scheda "Distribute" dell’agente di replica deve essere considerata obsoleta ed è prevista la rimozione dopo il 30 settembre. Scopri le strategie di replica alternative.
  • Il bundle org.apache.sling.datasource-1.0.4.jar per il supporto per Sling datasource è stato rimosso, perché presenta funzionalità obsolete e non è utilizzato dai clienti.

Experience Manager Assets as a Cloud Service

Nuove funzioni in Assets

  • La funzionalità di automazione dei contenuti consente a Experience Manager Assets di sfruttare le API Adobe Creative Cloud per automatizzare la produzione delle risorse su larga scala. Migliora la velocità dei contenuti riducendo notevolmente il tempo impiegato e le iterazioni necessarie per creare varianti della stessa risorsa. La funzionalità non richiede alcuna programmazione e funziona dall’interno di DAM. Consulta generare varianti di risorse utilizzando l’integrazione Creative Cloud.

  • Experience Manager Assets include il visualizzatore Document Cloud PDF per l’anteprima nativa dei documenti PDF. Questa funzione consente agli utenti di visualizzare in anteprima i file PDF multipagina senza alcuna elaborazione o conversione di file. Questa funzione migliora la parità con Experience Manager 6.5. I controlli disponibili nel visualizzatore includono zoom, navigazione alle pagine, sganciare i controlli e visualizzarli a schermo intero. Gli utenti visualizzano anche l’anteprima e passano alle pagine e ai segnalibri. Sono supportati i commenti sul file stesso e in una versione futura verranno aggiunte annotazioni e commenti sul contenuto del file PDF.

    Anteprima di file PDF  Experience Manager con visualizzatore PDF

  • La funzionalità di download di Linkshare utilizza download asincroni che aumentano la velocità di download. Consulta Scaricare risorse condivise utilizzando la condivisione dei collegamenti.

    Scarica casella in entrata

  • Le impostazioni di visualizzazione vengono migliorate per consentire agli utenti di scegliere una vista predefinita e un parametro di ordinamento predefinito.

    Imposta la visualizzazione predefinita in Impostazioni  vista

  • Gli utenti possono cercare e filtrare le cartelle in base ai predicati delle proprietà.

    Filtrare le cartelle di ricerca utilizzando i predicati di ricerca

Nuove funzioni disponibili nel canale pre-rilascio Assets

  • Quando condividi risorse digitali come collegamento, gli utenti possono copiare l’URL negli Appunti. Questo miglioramento consente di condividere le risorse in modo più rapido e conveniente.

Bug corretti in Assets

L'API com.day.cq.dam.api.collection.SmartCollection non è disponibile in Experience Manager come Cloud Service. (CQ-4326322)

Experience Manager Forms come Cloud Service

Novità in Forms

  • È ora possibile utilizzare il servizio Automated forms conversion per convertire i PDF forms in francese, tedesco e spagnolo nei moduli adattivi.
  • È stato aggiunto un pannello separato all’editor modelli per visualizzare gli errori relativi ai componenti per moduli adattivi. Consente di consolidare tutti gli errori dei moduli adattivi in un'unica posizione e di ridurre i tempi di risoluzione.

Nuove funzioni disponibili nel canale pre-rilascio Forms

  • AEM Forms as a Cloud Service - Communications: Communication APIshelp combina modelli XDP e dati XML per generare documenti di stampa in vari formati. Il servizio consente di generare documenti in modalità sincrona. Le API consentono di creare applicazioni che consentono di:

    • Genera i documenti compilando i file modello con dati XML.
    • Generare moduli di output in vari formati, compresi flussi di stampa PDF non interattivi.
    • Generare file PDF di stampa da un modulo XFA PDF e Adobe Acrobat Form.
  • Esternalizzatore dati variabile: È possibile salvare i dati delle variabili AEM flusso di lavoro su un sistema di storage esterno gestito dalla propria organizzazione.

  • Documento di registrazione basato su Acroform: È inoltre possibile utilizzare Adobe Acrobat Form PDF (Acrobat PDF) come modello per i documenti di record oltre a quello basato su XFA.

  • Connettore archivio dati di Microsoft Azure: È ora possibile collegare il modello dati modulo a Microsoft Azure Storage. Consente di recuperare e archiviare dati adattivi del modulo in Microsoft Azure Storage as a BLOB.

Componente aggiuntivo CIF

Novità

  • Componenti core CIF v2

    • Configurazioni semplificate e migliorate per URL PDP/PLP e SEO
    • Indicatore visivo per i dati di prodotto in fase di creazione in modalità per una migliore visibilità delle imminenti modifiche
    • Nuovo componente mappa del sito per le pagine di contenuto e di e-commerce
  • Supporto per Adobe Commerce Sensei Product Recommendation, con tecnologia Adobe Sensei in AEM Storefront tramite consigli predefiniti o al momento dell’esecuzione

Experience Manager Screens come Cloud Service

Correzioni di bug

  • Le impostazioni di Content Provider vengono ora convalidate durante la creazione o l’aggiornamento.

  • Tutte le visualizzazioni presentano la colonna delle cartelle.

  • È possibile espandere la struttura del contenuto Screens.

  • bulk-offline-update-service Mancavano tutte le autorizzazioni per alcuni ambienti.

  • È stato aggiornato il collegamento dell’Aiuto per far corrispondere la nuova documentazione cloud di screens.

  • È ora possibile annullare l'assegnazione delle playlist e impedire la rimozione delle playlist con i lettori assegnati.

  • Il lettore ora scarica di nuovo le risorse quando la cache "ALL" viene cancellata.

  • La pianificazione ripetuta ora funziona se Ora di fine è impostato per il giorno successivo.

  • Back&Forward ora funziona in Screens come interfaccia utente di Cloud Service.

  • Impossibile creare in precedenza tag con lo stesso nome ma con spazi dei nomi diversi.

Documentazione XML per Experience Manager come Cloud Service

Novità

La documentazione XML, ad Experience Manager come Cloud Service, è generalmente disponibile. Consente ai clienti di Experience Manager as a Cloud Service di elaborare la documentazione XML e di importare, creare, gestire e distribuire contenuti tecnici su più canali, inclusi Experience Manager Sites.

Cloud Manager

Questa sezione illustra le note sulla versione di Cloud Manager in AEM as a Cloud Service 2021.7.0.

Data di rilascio

La data di rilascio di Cloud Manager in AEM as a Cloud Service 2021.7.0 è il 15 luglio 2021.
La prossima versione è prevista per il 12 agosto 2021.

Novità

  • I clienti ora possono utilizzare Azul 8 e 11 JDK per i processi di creazione di Cloud Manager e possono scegliere di utilizzare uno di questi JDK per i plug-in Maven compatibili con toolchain o per l’intera esecuzione del processo Maven.

  • L'IP in uscita verrà ora registrato nel file di registro dei passaggi della build.

  • Gli ambienti di stage e produzione che eseguono versioni precedenti di AEM ora segnalano lo stato Aggiorna disponibile.

  • Il numero massimo di certificati SSL supportati è aumentato a 20 per programma.

  • Il numero massimo di domini configurabili è aumentato a 500 per ambiente.

  • I pulsanti Manage Git (Gestisci Git) sono stati rinominati in Access Git Info e la finestra di dialogo è stata aggiornata visivamente.

  • La versione di AEM Project Archetype utilizzata da Cloud Manager è stata aggiornata alla versione 28.

Correzioni di bug

  • In alcune situazioni, l’opzione Anteprima non era disponibile durante il binding di un Elenco consentiti IP a un ambiente.

  • La navigazione manuale alla pagina dei dettagli di esecuzione per un’esecuzione non esistente non mostrava un errore, ma solo una schermata di caricamento infinita.

  • Il messaggio di errore visualizzato quando è stato raggiunto il numero massimo di certificati SSL non è stato utile.

  • In alcune circostanze, potrebbe esserci una discrepanza nella versione di rilascio mostrata nella scheda della pipeline nella pagina Panoramica .

  • Aggiunta guidata programma non corretta: il nome non può essere modificato dopo la creazione.

Problemi noti

I clienti che passano all'uso di Azul JDK dovrebbero essere consapevoli che non tutte le applicazioni esistenti si compileranno senza errori su Azul JDK. Si consiglia vivamente di eseguire il test localmente prima di passare a un altro metodo.

Cloud Acceleration Manager

Data di rilascio

La data di rilascio di Cloud Acceleration Manager è il 15 luglio 2021.

Novità

Cloud Acceleration Manager è un'applicazione basata su cloud progettata per guidare i team IT durante l'intero percorso di transizione, dalla pianificazione al Cloud Service. Imposta i team per una migrazione di successo con best practice, suggerimenti, documentazione e strumenti consigliati da Adobe per aiutarti in ogni fase del percorso a AEM come Cloud Service. Ulteriori informazioni qui.

NOTA

Guarda questo video dimostrativo di Cloud Acceleration Manager.

In questa pagina