Note sulla versione corrente per Adobe Experience Manager as a Cloud Service

La sezione seguente illustra le note generali sulla versione per la versione corrente (più recente) di Experience Manager come Cloud Service.

NOTA

Da qui puoi passare alle note sulla versione delle versioni precedenti; per esempio, per quelli del 2020, 2021 e così via.

NOTA

Per informazioni sugli aggiornamenti della documentazione non direttamente correlati a una versione, consulta Ultimi aggiornamenti della documentazione .

Data di rilascio

La data di rilascio per Adobe Experience Manager as a Cloud Service 2021.5.0 è il 27 maggio 2021.
La versione seguente (2021.6.0) sarà del 28 giugno 2021.

AEM come base di Cloud Service

Novità di AEM as a Cloud Service Foundation

  • Canale pre-rilascio: Anteprima delle prossime funzionalità per un mese intero prima che diventino live in produzione!

  • Obsolescenza API: è disponibile un elenco delle API obsolete più recenti per AEM as a Cloud Service .

  • AEM come Cloud Service SDK Build Analyzer Maven Plugin: Aggiorna i progetti Maven all’ultima versione, che include un controllo Java API obsoleto e altri miglioramenti.

Adobe Experience Manager Sites as a Cloud Service

Novità in Sites

  • A breve potrai verificare il contenuto di un nuovo livello di anteprima per simulare l’aspetto e l’aspetto dell’esperienza finale come faresti sul livello di pubblicazione. Questa opzione è abilitata dalla procedura guidata Pubblicazione gestita di AEM Sites che consente di scegliere una destinazione di pubblicazione tra Pubblica o Anteprima. È quindi possibile accedere alle esperienze in anteprima tramite un URL dedicato. Dopo la convalida in Anteprima, il contenuto può essere pubblicato come di consueto da Author a Publish. L’abilitazione del servizio di anteprima in ambienti AEM come Cloud Service verrà gradualmente implementato nelle prossime settimane.

Adobe Experience Manager Assets come Cloud Service

Novità in Assets

  • Puoi scaricare le risorse condivise utilizzando la funzionalità Condivisione collegamenti . Questo download ora utilizza un servizio asincrono che offre download più rapidi e ininterrotti, anche per download di grandi dimensioni. Consulta scaricare risorse.

    Scarica casella in entrata

Nuove funzioni disponibili nel canale prerelease

  • Gli schemi di metadati possono essere applicati direttamente alle proprietà della cartella.

    Aggiungi schema metadati dalle proprietà della cartella

  • Lo strumento Asset Bulk Ingestor consente di aggiungere metadati durante un’acquisizione in blocco.

  • I miglioramenti dell’esperienza utente visualizzano il numero di risorse presenti in una cartella. Per più di 1000 risorse in una cartella, Assets visualizza più di 1000 risorse.

    Nell’interfaccia viene visualizzato il numero di risorse presenti in una cartella

Bug corretti in Assets

  • Il caricamento di file di grandi dimensioni causa l'arresto anomalo del sistema Experience Manager desktop app. (CQ-4320942)
  • Le opzioni della barra degli strumenti sono diverse quando la stessa raccolta è selezionata all’interno di una cartella e quando è selezionata da un risultato di ricerca. (CQ-4321406)

Novità in Dynamic Media

Adobe Experience Manager Forms come Cloud Service

Novità in Forms

  • Aiuto contestuale: È stata aggiunta l’aiuto contestuale per l’editor di moduli adattivi, l’editor di modelli e l’editor di temi, per aiutare gli autori a comprendere meglio le varie funzioni degli editor.
  • Messaggi di errore nel browser Proprietà: Sono stati aggiunti messaggi di errore per ciascuna proprietà nel browser Proprietà adattive Forms. Questi messaggi consentono di comprendere i valori consentiti per un campo.

Prossima funzionalità beta di Forms

Output as a Cloud Service: Il servizio di output consente di combinare i modelli XDP e i dati XML per generare documenti di stampa in vari formati. Il servizio consente di generare documenti in modalità batch sincrona e asincrona. Il servizio di output consente di creare applicazioni che consentono di:

  • Generare documenti modulo finali compilando i file modello con dati XML.
  • Generare moduli di output in vari formati, compresi flussi di stampa PDF non interattivi.
  • Genera PDF per la stampa da PDF di moduli XFA.

Puoi scrivere su formscsbeta@adobe.com per iscriverti al programma beta.

Bug corretti in Forms

  • In una fase Assegna attività dei flussi di lavoro AEM Forms, quando sostituisci l'icona predefinita dei pulsanti di azione con un'icona coral, il flusso di lavoro smette di funzionare e registra un'eccezione. Il flusso di lavoro funziona come previsto quando si utilizzano le icone predefinite.
  • Nel livello di layout, quando si modifica il numero di colonne, si apre il livello di modifica e si trascina alcuni componenti in un pannello, le caselle blu quadrate iniziano a comparire nell’area contenuto dell’editor di moduli adattivi e l’editor non risponde.
  • Il messaggio di errore di un’opzione dell’editor di regole relativa alla fornitura dell’URL di una risorsa adattiva o esterna è troppo lungo e non è di facile utilizzo.

Cloud Manager

Questa sezione illustra le note sulla versione di Cloud Manager in AEM as a Cloud Service 2021.5.0.

Data di rilascio

La data di rilascio di Cloud Manager in AEM as a Cloud Service 2021.5.0 è il 6 maggio 2021.
La prossima versione è prevista per il 3 giugno 2021.

Novità

  • La regola di qualità PackageOverlaps ora rileva i casi in cui lo stesso pacchetto è stato distribuito più volte, ovvero in più posizioni incorporate, nello stesso set di pacchetti distribuito.

  • L’endpoint dell’archivio nell’API pubblica ora include l’URL Git.

  • Il registro di distribuzione scaricato da un utente di Cloud Manager sarà più dettagliato e ora includerà dettagli sugli errori e sugli scenari di successo.

  • Sono stati risolti gli errori intermittenti durante il push del codice all’Git di Adobe.

  • È ora possibile applicare il componente aggiuntivo Commerce ai programmi Sandbox durante il flusso di lavoro Modifica programma .

  • L'esperienza del programma Edit è stata aggiornata.

  • La tabella Nomi di dominio nella pagina Dettagli ambiente visualizza fino a 250 nomi di dominio tramite impaginazione.

  • La scheda Soluzioni nei flussi di lavoro Aggiungi programma e Modifica programma visualizzerà la soluzione, anche se per il programma è disponibile una sola soluzione.

  • Il messaggio di errore nel registro dei passaggi della build quando la build non produceva pacchetti di contenuto distribuiti non era chiaro.

Correzioni di bug

  • In alcuni casi, l’utente potrebbe visualizzare uno stato verde "attivo" accanto a un Elenco consentiti IP anche quando tale configurazione non è stata distribuita.

  • Invece di rimuovere le variabili "eliminate", le variabili delle pipeline API le contrassegnavano solo con lo stato ELIMINATO.

  • Alcuni problemi di qualità del tipo di odore del codice hanno avuto un impatto errato sul rating di affidabilità.

  • Poiché i domini con caratteri jolly non sono supportati, l’interfaccia utente non consente all’utente di inviare un dominio con caratteri jolly.

  • Quando è stata avviata l’esecuzione di una pipeline tra la mezzanotte e l’1:00 UTC, la versione dell’artefatto generata da Cloud Manager non era garantita come maggiore di una versione creata il giorno precedente.

  • Durante la configurazione del programma Sandbox, una volta che il progetto con codice di esempio è stato creato correttamente, Manage Git (Gestisci Git) apparirà come collegamento dalla scheda eroe nella pagina Overview (Panoramica).

Strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti)

Data di rilascio

La data di rilascio dello strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti) v1.4.6 è il 27 maggio 2021.

Novità

  • È stata aggiunta una nuova istruzione di registrazione al registro degli errori di quickstart, se l’utente non dispone dell’autorizzazione di esecuzione sull’eseguibile Java.

  • Quando un utente elimina un set di migrazione dall’interfaccia utente CTT, in cui è stata eseguita un’estrazione, la cartella tmp associata a tale set di migrazione verrà eliminata per risparmiare spazio.

Correzioni di bug

  • Quando si elimina un set di migrazione, occasionalmente nell’interfaccia utente del CTT viene visualizzato un messaggio di errore non utile. Questo problema è stato risolto.

  • Durante l’esecuzione di User Mapping, se gli utenti avevano lo stesso indirizzo e-mail sulla destinazione e sull’host ma nomi utente diversi, l’intera acquisizione avrebbe esito negativo. Questo problema è stato risolto. In questo scenario in conflitto, l'utente/gruppo viene ignorato e registrato come conflitto nel file di log.

Data di rilascio

La data di rilascio dello strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti) v1.4.0 è l’11 maggio 2021.

Novità

  • Questa versione dello strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti) crea rappresentazioni di testo per le risorse da migrare al Cloud Service. Le rappresentazioni di testo sono necessarie per supportare la ricerca full-text sulle risorse acquisite.
  • Il numero massimo di set di migrazione dello strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti) che un utente può creare è stato aumentato da 4 a 10.

Correzioni di bug

  • Correzioni di bug multipli relative alla funzione di aggiornamento automatico nell’interfaccia utente dello strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti).
  • Lo strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti) con wipe=true causava un indice di contatore errato nel target. Questo problema è stato risolto.

Componente aggiuntivo Commerce

Novità

  • Supporto per l’impaginazione del contenuto associato nelle proprietà della console del prodotto

Correzioni di bug

  • Miniature delle risorse non visualizzate nella scheda Risorsa delle proprietà del prodotto

  • Breadcrumb ripristina i dati di anteprima nella console del prodotto

In questa pagina