Note sulla versione corrente per Adobe Experience Manager as a Cloud Service

La sezione seguente illustra le note generali sulla versione per la versione corrente (più recente) di Experience Manager as a Cloud Service.

NOTA

Da qui puoi passare alle note sulla versione delle versioni precedenti; per esempio, per quelli del 2020, 2021 e così via.

NOTA

Consulta Ultimi aggiornamenti della documentazione per informazioni dettagliate sugli aggiornamenti della documentazione non direttamente correlati a una versione.

Data di pubblicazione

Data di rilascio per Adobe Experience Manager as a Cloud Service 2021.6.0 è il 28 giugno 2021.
La versione seguente (2021.7.0) sarà del 29 luglio 2021.

Video sulla versione

Dai un'occhiata al Panoramica sulla versione di giugno 2021 video per un riepilogo delle funzioni aggiunte.

XML Documentation for AEM as a cloud Service

Novità

  • XML Documentation per AEM as a Cloud Service è ora GA.
  • In questo modo, i clienti AEM Cloud Service esistenti potranno acquistare addon XML Documentation per l’importazione, la creazione, la gestione e la distribuzione di contenuti tecnici su più canali, compresi i siti di AEM

Cloud Manager

Questa sezione illustra le note sulla versione per Cloud Manager in AEM 2021.6.0 e 2021.5.0.

Data di pubblicazione

La data di rilascio di Cloud Manager in AEM as a Cloud Service 2021.6.0 è il 10 giugno 2021.
La prossima versione è prevista per il 15 luglio 2021.

Novità

  • Preview Service verrà distribuito su base continua a tutti i programmi. I clienti riceveranno una notifica interna al prodotto quando il loro programma è abilitato per Preview Service. Fai riferimento a Accesso al servizio di anteprima per ulteriori dettagli.

  • Le dipendenze Maven scaricate durante il passaggio di creazione ora verranno memorizzate nella cache tra le esecuzioni della pipeline. Questa funzione verrà attivata per i clienti nelle prossime settimane.

  • È ora possibile modificare il nome del programma tramite la finestra di dialogo modifica programma.

  • Il nome del ramo predefinito utilizzato sia durante la creazione del progetto che nel comando push predefinito tramite gestione flussi di lavoro Git è stato modificato in main.

  • L’esperienza di modifica del programma nell’interfaccia utente è stata aggiornata.

  • Regola di qualità ImmutableMutableMixCheck è stato aggiornato per classificare /oak:index nodi immutabili.

  • Le norme di qualità CQBP-84 e CQBP-84--dependencies sono stati consolidati in un'unica regola. Come parte di questo consolidamento, la scansione delle dipendenze identifica più accuratamente i problemi nelle dipendenze di terze parti che vengono distribuiti nel runtime di AEM.

  • Per evitare confusione, le righe del segmento Pubblica AEM e Pubblica dispatcher nella pagina Dettagli ambiente sono state consolidate.

  • È stata aggiunta una nuova regola di qualità del codice per convalidare la struttura di damAssetLucene indici. Fai riferimento a Indici Oak Lucene della risorsa DAM personalizzati per ulteriori dettagli.

  • Nella pagina dei dettagli dell’ambiente vengono ora visualizzati più nomi di dominio per i servizi di pubblicazione e anteprima (a seconda dei casi). Fai riferimento a Dettagli dell'ambiente per ulteriori dettagli.

Correzioni di bug

  • Le definizioni dei nodi JCR contenenti una nuova riga dopo che il nome dell'elemento principale non è stato analizzato correttamente.

  • L'API degli archivi di elenco non filtrerebbe gli archivi eliminati.

  • Veniva visualizzato un messaggio di errore non corretto quando veniva fornito un valore non valido per il passaggio di pianificazione.

  • A volte l'utente può vedere un verde attivo stato accanto a un Elenco consentiti IP anche quando tale configurazione non è stata distribuita.

  • Alcune sequenze di modifica dei programmi potrebbero impedire la creazione o la modifica della pipeline di produzione.

  • Alcune sequenze di modifica del programma potrebbero causare Panoramica visualizzazione di un messaggio fuorviante per eseguire nuovamente la configurazione del programma.

Experience Manager Assets as a Cloud Service

Nuove funzioni in Assets

  • Funzionalità di automazione dei contenuti Experience Manager Assets sfruttare Adobe Creative Cloud API per automatizzare la produzione di risorse su larga scala. Migliora la velocità dei contenuti riducendo notevolmente il tempo impiegato e le iterazioni necessarie per creare varianti della stessa risorsa. La funzionalità non richiede alcun codice e funziona dall’interno di DAM.

  • Adobe Asset Link v3.0 per Adobe Photoshop, Adobe Illustratore Adobe InDesign e Adobe Asset Link v2.0 per Adobe XD viene rilasciato. Fornisce:

    • Supporto per Assets Essentials.
    • Possibilità di connettersi automaticamente a Experience Manager come Cloud Service o Assets Essentials.

Nuove funzioni disponibili in Assets canale prerelease

  • Le impostazioni di visualizzazione vengono migliorate per consentire agli utenti di scegliere una vista predefinita e un parametro di ordinamento predefinito.
  • La funzionalità di download di Linkshare utilizza download asincroni che aumentano la velocità di download.
  • Gli utenti possono cercare e filtrare le cartelle in base ai predicati delle proprietà.
  • Experience Manager Assets incorpora il visualizzatore PDF basato su Adobe Document Cloud per visualizzare in anteprima i documenti supportati. Questa funzione consente agli utenti di visualizzare in anteprima i file PDF e altri file multipagina senza alcuna elaborazione complessa. Ciò migliora la parità delle funzioni con Experience Manager 6.5.

Bug fissati in Assets

  • Quando si aggiunge un proprietario a una sottocartella, Assets aggiunge anche lo stesso utente di un proprietario della cartella principale. (CQ-4323737)
  • Quando si aggiungono risorse alle raccolte, se un utente applica un filtro alla ricerca Raccolte, non può visualizzare le Raccolte nella vista Elenco. (CQ-4323181)
  • Durante la ricerca di file e cartelle, se l'utente applica un filtro e seleziona File e cartelle, vengono visualizzati solo i file ma non la cartella . (CQ-4319543)

Experience Manager Sites come Cloud Service

Nuove funzioni in Sites

  • Pubblica nel livello anteprima ora mostrato come stato della pagina nell’interfaccia utente di amministrazione di Sites
  • Pubblica nel livello di anteprima ora con l’URL di anteprima alla fine dell’azione e la persistenza dell’URL nelle proprietà della pagina per un riferimento successivo

Experience Manager Forms come Cloud Service

Novità in Forms

  • È stata aggiunta la possibilità di filtrare colonne personalizzate nella casella in entrata AEM.
  • È stata aggiunta la possibilità di utilizzare l’editor di temi e il livello di stile dell’editor di moduli adattivi per personalizzare lo stile del componente captcha.
  • Velocità e precisione migliorate per rilevare automaticamente le sezioni logiche nei PDF forms sorgente e convertirle in corrispondenti pannelli di moduli adattivi.
  • È stata aggiunta l’azione Sposta per spostare un file PDF o XDP da una cartella all’altra.

Funzione beta di Forms

  • AEM Forms as a Cloud Service - Communications: Le API di comunicazione consentono di combinare modelli XDP e dati XML per generare documenti di stampa in vari formati. Il servizio consente di generare documenti in modalità sincrona. Le API consentono di creare applicazioni che permettono di:

    • Generare documenti modulo finali compilando i file modello con dati XML.
    • Generare moduli di output in vari formati, compresi flussi di stampa PDF non interattivi.
    • Generare PDF di stampa da un modulo XFA PDF e Adobe Acrobat Form (AcroForm).
  • Esternalizzatore dati variabile: È possibile salvare i dati delle variabili AEM flusso di lavoro su un sistema di storage esterno gestito dalla propria organizzazione.

Puoi scrivere in formscsbeta@adobe.com per iscriversi al programma beta.

Bug fissati in Forms

  • Quando un campo viene convalidato prima dell’invio di dati al servizio back-end tramite Form Data Model (FDM), le convalide hanno esito positivo, ma il servizio Form Data Model non riesce ad avviare la convalida post-convalida.
  • Quando si invia un modulo contenente un campo di caricamento HTML standard da un dispositivo Apple iOS, a volte il contenuto del file non viene inviato e viene ricevuto un file a 0 byte dall’altro lato. Questo è un problema noto in Apple iOS. FB9117687

Experience Manager Screens come Cloud Service

Questa sezione illustra le note sulla versione per AEM Screens as a Cloud Service.

Data di pubblicazione

La data di rilascio per AEM Screens as a Cloud Service è il 24 giugno 2021.

Novità

NOTA

Vedi AEM Screens as a Cloud Service Guida alle conoscenze di base necessarie per la corretta installazione, configurazione ed esecuzione di Screens as a Cloud Service e collegamento alla documentazione tecnica dei concetti dettagliati.

  • Gestione della registrazione di massa dei dispositivi significa che il provisioning di grandi quantità di dispositivi di riproduzione è più veloce ed efficiente.

  • Sono state migliorate le opzioni di ricerca e filtro per ciascuna delle visualizzazioni di inventario Dispositivo, Visualizzazione e Canale.

  • Lo snapshot dell'integrità del dispositivo consente di risparmiare tempo, fornendo uno stato critico come uno sguardo.

  • La pagina dei dettagli dell’oggetto offre un riepilogo delle informazioni più rilevanti per ciascun oggetto del progetto.

Componente aggiuntivo CIF

Novità

  • Nuovi tipi di dati di riferimento CIF per prodotti e categorie per Frammenti di contenuto (Incl. supporto per l'interfaccia utente del selettore prodotti/categorie)
  • Nuovo componente core Frammento di contenuto Commerce
  • Ricerca di e-commerce full-text supportata nel backend AEM
  • I componenti core di Commerce supportano la raccolta dati di Adobe Commerce Sensei Recs
  • URL ottimizzati per l’ottimizzazione SEO (Search Engine Optimization) per le pagine di categorie
  • Supporto per intestazioni HTTP personalizzate per sito/configurazione

Strumento Trasferimento contenuti

Data di pubblicazione

La data di rilascio dello strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti) v1.5.4 è il 28 giugno 2021.

Novità

  • Supporto per un pre-copia è stato aggiunto il passaggio da utilizzare con CTT. Il passaggio di pre-copia può essere utilizzato per accelerare in modo significativo le fasi di estrazione e acquisizione dell’attività di trasferimento dei contenuti quando l’istanza di AEM di origine è configurata per l’utilizzo di un archivio dati di archiviazione BLOB di Amazon S3 o Azure.

  • Guardrail aggiunto al CTT per evitare che gli utenti interrompano un’acquisizione e potenzialmente danneggiano i dati una volta raggiunto il punto critico durante la fase di acquisizione.

  • I registri di estrazione sono più descrittivi per facilitare la risoluzione dei problemi.

  • Nell’interfaccia utente sono stati aggiunti messaggi di stato dell’acquisizione più descrittivi.

Correzioni di bug

  • Durante l’arresto di un’acquisizione sull’istanza Author, l’interfaccia utente ha sovrascritto un’acquisizione precedente sull’istanza Publish in STOPPED da FINISHED. Questo problema è stato risolto.

Analisi delle best practice

Data di pubblicazione

La data di rilascio di Best Practices Analyzer v2.1.16 è il 30 giugno 2021.

Novità

  • Possibilità di rilevare e segnalare i nodi figlio mancanti nelle cartelle in /content/dam.

  • Possibilità di rilevare e segnalare la versione di Best Practices Analyzer utilizzata.

Correzioni di bug

  • Errore di registrazione relativo alla correzione di URS (Unsupported Repository Structure).

In questa pagina