Note sulla versione 2021.2.0 di Cloud Manager in Adobe Experience Manager as a Cloud Service

Ultimo aggiornamento: 2023-09-22

Questa pagina illustra le note sulla versione 2021.2.0 di Cloud Manager in Adobe Experience Manager (AEM) as a Cloud Service.

Data di pubblicazione

La data di pubblicazione di Cloud Manager in AEM as a Cloud Service 2021.2.0 è il 11 febbraio 2021.

Cloud Manager

Novità

  • I clienti di Assets ora possono scegliere quando e dove distribuire l’istanza Brand Portal in modalità self-service tramite l’interfaccia utente di Cloud Manager. Ora per un programma normale (non sandbox) con soluzione Assets è possibile eseguire il provisioning di Brand Portal nell’ambiente di produzione. Il provisioning può essere eseguito una sola volta nell’ambiente di produzione.

  • L’archetipo del progetto AEM utilizzato nella creazione di progetti e sandbox è stato aggiornato alla versione 25.

  • L’elenco delle API obsolete identificate durante il controllo del codice è stato perfezionato per includere classi e metodi obsoleti aggiuntivi rilevati nelle versioni più aggiornate dell’SDK di Cloud Service.

  • Il profilo SonarQube per Cloud Manager è stato aggiornato per rimuovere la regola Sonar squid:S2142. Non è più in conflitto con i controlli di interruzione del thread.

  • Ora l’interfaccia utente di Cloud Manager informa l’utente che temporaneamente potrebbe non essere possibile aggiungere/aggiornare un nome di dominio in quanto all’ambiente associato è collegata una pipeline in esecuzione. Oppure è in attesa del passaggio di approvazione.

  • Le proprietà impostate nei file pom.xml del cliente con prefisso sonar vengono ora rimosse dinamicamente, per evitare errori di build e del controllo di qualità.

  • Ora l’interfaccia utente di Cloud Manager informa l’utente che temporaneamente potrebbe non essere possibile selezionare un certificato SSL se questo è in uso da un nome di dominio attualmente in fase di distribuzione.

  • Sono state aggiunte ulteriori regole per la qualità del codice per risolvere i problemi relativi alla compatibilità con Cloud Service.

Correzioni di bug

  • La corrispondenza tra un certificato SSL e un nome di dominio non fa più distinzione tra maiuscole e minuscole.

  • Ora l’interfaccia utente di Cloud Manager informa l’utente se le chiavi private del certificato non soddisfano il limite di 2048 bit con un messaggio di errore appropriato.

  • Ora l’interfaccia utente di Cloud Manager informa l’utente che temporaneamente potrebbe non essere possibile selezionare un certificato SSL se questo è in uso da un nome di dominio in fase di distribuzione.

  • A volte, un problema interno può causare il blocco dell’eliminazione dell’ambiente.

  • Alcuni problemi della pipeline venivano erroneamente segnalati come errori della pipeline.

In questa pagina