Per scegliere i giusti KPI, inizia con gli obiettivi aziendali

In un mondo digitale, si può misurare quasi tutto. La scelta di tre KPI per l’implementazione di Adobe Experience Manager aiuterà il tuo team a concentrarsi su ciò che conta di più.

Segui questi 6 passaggi per decidere cosa misurare e come

  1. Inizia con gli obiettivi aziendali. Ad esempio, gli obiettivi aziendali possono essere la crescita dei ricavi online, la riduzione delle spese operative o la riduzione delle spese legali associate alle violazioni della gestione dei diritti digitali (DRM).

  2. In base ai tuoi obiettivi, stabilisci i tuoi obiettivi. I tuoi obiettivi sono i risultati specifici che desideri raggiungere adottando l’Experience Manager come piattaforma di gestione dei contenuti. Se il tuo obiettivo è quello di aumentare i ricavi online, il tuo obiettivo potrebbe essere quello di raggiungere un aumento di 2 punti nella conversione per tutte le pagine con contenuti di marketing. Se l'obiettivo è quello di ridurre i costi operativi, l'obiettivo potrebbe essere quello di migliorare la produttività dei team che creano contenuti digitali del 20%.

    Idealmente, ogni obiettivo dovrebbe avere un numero di linea di base, come il tasso di conversione corrente per una specifica categoria di pagine. I numeri di base relativi alle visite al sito o alle conversioni o ai ricavi online sono relativamente facili da trovare. Per gli obiettivi relativi alla produttività o al tempo di commercializzazione, probabilmente ci vorrà del lavoro per calcolare una linea di base. Tuttavia, vale la pena fare uno sforzo, perché avere obiettivi chiari ti aiuterà a ottenere più valore dal tuo investimento in Experience Manager.

  3. Per ogni obiettivo, individua gli indicatori di prestazioni. Ad esempio, se il tuo obiettivo è quello di ridurre i costi legali associati alle violazioni DRM di 100.000 dollari, un buon indicatore di prestazioni potrebbe essere: "Il 100% delle risorse scadute viene rimosso dalle proprietà digitali alla data di scadenza o prima di essa." Prova a trovare più indicatori per ogni obiettivo. Se hai iniziato con 2-3 obiettivi aziendali e 3-5 obiettivi, potresti avere un elenco di 15-20 indicatori di prestazioni.

  4. Scegli i 3 indicatori più importanti per la tua attività. Questi sono i tuoi KPI. Possono essere allineati con 3 obiettivi aziendali, ciascuno sostenuto da un dirigente di livello C diverso, o tutti e 3 i KPI possono supportare lo stesso obiettivo, se tutti concordano sul fatto che sia quello più importante.

  5. Crea una metodologia misurabile per ogni KPI. Dopo aver scelto i KPI, scarica il modello Metodologia KPI che ti guiderà nel resto del processo.

  6. Definisci il pubblico per ogni KPI. L’ultimo passo della settimana è quello di identificare il gruppo di soggetti interessati maggiormente interessati a ciascun KPI. La prossima settimana lavorerai con ogni gruppo per confermare l’indicatore KPI, perfezionare la metodologia e concordare il formato e la tempistica dei tuoi rapporti.

In questa pagina