Migrazione della configurazione Dispatcher da AMS a AEM as a Cloud Service

Ultimo aggiornamento: 2023-12-05
  • Argomenti:
  • Dispatcher
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento

Differenze principali tra Dispatcher AMS e AEM as a Cloud Service

La configurazione di Apache e Dispatcher in AEM as a Cloud Service è abbastanza simile a quella di AMS. Le principali differenze sono le seguenti:

  • In AEM as a Cloud Service è possibile che alcune direttive Apache non vengano utilizzate (ad esempio, Listen o LogLevel)
  • In AEM as a Cloud Service, solo alcune parti della configurazione di Dispatcher possono essere inserite in file di inclusione e la loro denominazione è importante. Ad esempio, le regole di filtro che desideri riutilizzare tra host diversi devono essere inserite in un file denominato filters/filters.any. Per ulteriori informazioni, consulta la pagina di riferimento.
  • In AEM as a Cloud Service è disponibile una convalida aggiuntiva per non consentire la scrittura di regole di filtro tramite /glob per evitare problemi di sicurezza. Perché deny * viene utilizzato anziché allow * (che non può essere utilizzato), i clienti traggono vantaggio dall’esecuzione locale di Dispatcher e dall’esecuzione di tentativi ed errori, esaminando i registri per sapere esattamente quali percorsi i filtri di Dispatcher stanno bloccando per poter essere aggiunti.

Linee guida per la migrazione della configurazione del dispatcher da AMS a AEM as a Cloud Service

La struttura di configurazione del Dispatcher presenta delle differenze tra Managed Services e AEM as a Cloud Service. Di seguito è riportata una guida dettagliata su come migrare dalla versione 2 della configurazione del Dispatcher AMS a AEM as a Cloud Service.

Come convertire una configurazione AMS in una configurazione AEM as a Cloud Service Dispatcher

La sezione seguente fornisce istruzioni dettagliate su come convertire una configurazione AMS. Si presuppone che tu disponga di un archivio con una struttura simile a quella descritta in Configurazione del Dispatcher di Cloud Manager

Estrarre l’archivio e rimuovere un eventuale prefisso

Estrai l’archivio in una cartella e assicurati che le sottocartelle immediate inizino con conf, conf.d,
conf.dispatcher.d e conf.modules.d. In caso contrario, spostarli verso l'alto nella gerarchia.

Eliminare le sottocartelle e i file inutilizzati

Rimuovi sottocartelle conf e conf.modules.d, e i file corrispondenti conf.d/*.conf.

Eliminare tutti gli host virtuali non relativi alla pubblicazione

Rimuovi eventuali file host virtuali in conf.d/enabled_vhosts che ha author, unhealthy, health,
lc o flush nel suo nome. Tutti i file host virtuali in conf.d/available_vhosts possono essere rimossi anche quelli non collegati a.

Rimuovere o impostare come commento le sezioni di host virtuali che non fanno riferimento alla porta 80

Se nei file host virtuali sono ancora presenti sezioni che fanno riferimento esclusivamente a porte diverse dalla porta 80, ad esempio:

<VirtualHost *:443>
...
</VirtualHost>

rimuovile o impostale come commenti. Le istruzioni in queste sezioni non verranno elaborate, ma se le mantieni potresti comunque finire per modificarle senza alcun effetto, il che creerebbe confusione.

Controlla riscritture

Inserisci directory conf.d/rewrites.

Rimuovi qualsiasi file denominato base_rewrite.rules e xforwarded_forcessl_rewrite.rules e ricorda di rimuovere Include nei file host virtuali che vi fanno riferimento.

Se conf.d/rewrites ora contiene un singolo file, deve essere rinominato in rewrite.rules e non dimenticare di adattare il Include istruzioni che fanno riferimento a tale file anche nei file host virtuali.

Tuttavia, se la cartella contiene più file virtuali specifici dell’host, il loro contenuto deve essere copiato nel Include nei file host virtuali.

Controlla variabili

Inserisci directory conf.d/variables.

Rimuovi qualsiasi file denominato ams_default.vars e ricorda di rimuovere Include nei file host virtuali che vi fanno riferimento.

Se conf.d/variables ora contiene un singolo file, deve essere rinominato in custom.vars e non dimenticare di adattare il Include istruzioni che fanno riferimento a tale file anche nei file host virtuali.

Tuttavia, se la cartella contiene più file virtuali specifici dell’host, il loro contenuto deve essere copiato nel Include nei file host virtuali.

Inserire nell'elenco Consentiti Rimuovi

Rimuovi la cartella conf.d/whitelists e rimuovere Include istruzioni nei file host virtuali che fanno riferimento ad alcuni file in tale sottocartella.

Sostituisci le variabili non più disponibili

In tutti i file host virtuali:

Rinomina PUBLISH_DOCROOT a DOCROOT
Rimuovi le sezioni che fanno riferimento a variabili denominate DISP_ID, PUBLISH_FORCE_SSL o PUBLISH_WHITELIST_ENABLED

Controllare lo stato eseguendo la convalida

Esegui la convalida del Dispatcher nella directory, con httpd sottocomando:

$ validator httpd .

Se vengono visualizzati errori relativi a file di inclusione mancanti, verifica di averli rinominati correttamente.

Se vengono visualizzate direttive Apache non inserite nell'elenco Consentiti, rimuovile.

Eliminare tutte le farm non relative alla pubblicazione

Rimuovi eventuali file di farm in conf.dispatcher.d/enabled_farms che ha author, unhealthy, health,
lc o flush nel suo nome. Tutti i file farm in conf.dispatcher.d/available_farms possono essere rimossi anche quelli non collegati a.

Rinominare i file farm

Tutte le farm in conf.dispatcher.d/enabled_farms deve essere rinominato per corrispondere al pattern *.farm, quindi, ad esempio, un file farm denominato customerX_farm.any deve essere rinominato customerX.farm.

Verifica cache

Inserisci directory conf.dispatcher.d/cache.

Rimuovi eventuali file con prefisso ams_.

Se conf.dispatcher.d/cache è ora vuoto, copia il file conf.dispatcher.d/cache/rules.any
dalla configurazione standard di Dispatcher a questa cartella. La configurazione standard del Dispatcher si trova nella cartella src di questo SDK. Non dimenticare di adattare
$include dichiarazioni che fanno riferimento alla ams_*_cache.any file delle regole anche nei file della farm.

Se invece conf.dispatcher.d/cache ora contiene un singolo file con suffisso _cache.any, deve essere rinominato in rules.any e non dimenticare di adattare il $include istruzioni che fanno riferimento a tale file anche nei file di farm.

Tuttavia, se la cartella contiene più file specifici della farm con tale pattern, il loro contenuto deve essere copiato nella cartella $include nei file di farm.

Rimuovi eventuali file con il suffisso _invalidate_allowed.any.

Copiare il file conf.dispatcher.d/cache/default_invalidate_any dall’AEM predefinito nella configurazione di Cloud Dispatcher a quella posizione.

In ciascun file di farm, rimuovi eventuali contenuti nel cache/allowedClients e sostituirla con:

$include "../cache/default_invalidate.any"

Verifica intestazioni client

Inserisci directory conf.dispatcher.d/clientheaders.

Rimuovi eventuali file con prefisso ams_.

Se conf.dispatcher.d/clientheaders ora contiene un singolo file con suffisso _clientheaders.any, deve essere rinominato in clientheaders.any e non dimenticare di adattare il $include istruzioni che fanno riferimento a tale file anche nei file di farm.

Tuttavia, se la cartella contiene più file specifici della farm con tale pattern, il loro contenuto deve essere copiato nella cartella $include nei file di farm.

Copiare il file conf.dispatcher/clientheaders/default_clientheaders.any dalla configurazione di Dispatcher as a Cloud Service per l’AEM predefinita a quella posizione.

In ciascun file di farm, sostituisci qualsiasi istruzione di inclusione clientheader di questo tipo:

$include "/etc/httpd/conf.dispatcher.d/clientheaders/ams_publish_clientheaders.any"
$include "/etc/httpd/conf.dispatcher.d/clientheaders/ams_common_clientheaders.any"

con l’istruzione:

$include "../clientheaders/default_clientheaders.any"

Controlla filtro

Inserisci directory conf.dispatcher.d/filters.

Rimuovi eventuali file con prefisso ams_.

Se conf.dispatcher.d/filters ora contiene un singolo file in cui deve essere rinominato
filters.any e non dimenticare di adattare il $include istruzioni che fanno riferimento a tale file anche nei file di farm.

Tuttavia, se la cartella contiene più file specifici della farm con tale pattern, il loro contenuto deve essere copiato nella cartella $include nei file di farm.

Copiare il file conf.dispatcher/filters/default_filters.any dalla configurazione di Dispatcher as a Cloud Service per l’AEM predefinita a quella posizione.

In ciascun file di farm, sostituisci eventuali istruzioni di inclusione di questo tipo:

$include "/etc/httpd/conf.dispatcher.d/filters/ams_publish_filters.any"

con l’istruzione:

$include "../filters/default_filters.any"

Controlla rendering

Inserisci directory conf.dispatcher.d/renders.

Rimuovi tutti i file presenti nella cartella.

Copiare il file conf.dispatcher.d/renders/default_renders.any dalla configurazione di Dispatcher as a Cloud Service per l’AEM predefinita a quella posizione.

In ciascun file di farm, rimuovi eventuali contenuti nel renders e sostituirla con:

$include "../renders/default_renders.any"

Controlla gli host virtuali

Rinomina la directory conf.dispatcher.d/vhosts a conf.dispatcher.d/virtualhosts e inseriscilo.

Rimuovi eventuali file con prefisso ams_.

Se conf.dispatcher.d/virtualhosts ora contiene un singolo file in cui deve essere rinominato
virtualhosts.any e non dimenticare di adattare il $include istruzioni che fanno riferimento a tale file anche nei file di farm.

Tuttavia, se la cartella contiene più file specifici della farm con tale pattern, il loro contenuto deve essere copiato nella cartella $include nei file di farm.

Copiare il file conf.dispatcher/virtualhosts/default_virtualhosts.any dalla configurazione di Dispatcher as a Cloud Service per l’AEM predefinita a quella posizione.

In ciascun file di farm, sostituisci eventuali istruzioni di inclusione di questo tipo:

$include "/etc/httpd/conf.dispatcher.d/vhosts/ams_publish_vhosts.any"

con l’istruzione:

$include "../virtualhosts/default_virtualhosts.any"

Controllare lo stato eseguendo la convalida

Esegui la convalida del Dispatcher as a Cloud Service per l’AEM nella directory, con dispatcher sottocomando:

$ validator dispatcher .

Se vengono visualizzati errori relativi a file di inclusione mancanti, verifica di averli rinominati correttamente.

Se vengono visualizzati errori relativi a una variabile PUBLISH_DOCROOT non definita, rinominala in DOCROOT.

Per ogni altro errore, consulta la sezione Risoluzione dei problemi nella documentazione relativa allo strumento di convalida.

Verifica la configurazione con una distribuzione locale (richiede l’installazione di Docker)

Utilizzo dello script docker_run.sh negli Strumenti di Dispatcher as a Cloud Service dall’AEM, puoi verificare che la configurazione non contenga altri errori che potrebbero verificarsi solo durante la distribuzione:

Passaggio 1: generare le informazioni di distribuzione con la convalida

validator full -d out .

In questo modo viene convalidata la configurazione completa e vengono generate le informazioni di distribuzione in out

Passaggio 2: avvia Dispatcher in un’immagine docker con tali informazioni di distribuzione

Con il server di pubblicazione AEM in esecuzione sul computer macOS, in ascolto sulla porta 4503, puoi avviare il Dispatcher prima di tale server nel modo seguente:

$ docker_run.sh out docker.for.mac.localhost:4503 8080

In questo modo verrà avviato il contenitore e Apache sarà esposto sulla porta locale 8080.

Utilizza la nuova configurazione di Dispatcher

Congratulazioni. Se la funzione di convalida non segnala più alcun problema e il contenitore docker si avvia senza errori o avvisi, puoi spostare la configurazione in un dispatcher/src sottodirectory dell’archivio Git.

I clienti che utilizzano la versione 1 della configurazione del Dispatcher AMS devono contattare l’assistenza clienti per aiutarli a migrare dalla versione 1 alla versione 2, in modo da poter seguire le istruzioni precedenti.

In questa pagina