Configurare i plug-in dell’Editor Rich Text

Ultimo aggiornamento: 2023-12-05

Le funzionalità dell’editor Rich Text sono disponibili tramite una serie di plug-in, ciascuno con la proprietà Features. È possibile configurare la proprietà features per attivare o disattivare una o più funzionalità dell’editor Rich Text. Questo articolo descrive come configurare in modo specifico i plug-in dell’editor Rich Text.

Per informazioni dettagliate sulle altre configurazioni dell’editor Rich Text, consulta configurare l’editor Rich Text.

NOTA

Quando si lavora con CRXDE Liti, si consiglia di salvare le modifiche regolarmente utilizzando Salva tutto opzione.

Attivare un plug-in e configurare la proprietà features

Per attivare un plug-in, segui la procedura riportata di seguito. Alcuni passaggi sono necessari solo quando configuri un plug-in per la prima volta, in quanto i nodi corrispondenti non esistono.

Per impostazione predefinita, format, link, list, justify, e control I plug-in e tutte le relative funzioni sono abilitati nell’editor Rich Text.

NOTA

I rispettivi rtePlugins il nodo è denominato <rtePlugins-node> per evitare duplicazioni in questo articolo.

  1. Con CRXDE Liti, individua il componente testo per il progetto.

  2. Crea il nodo principale di <rtePlugins-node> se non esiste, prima di configurare qualsiasi plug-in RTE:

    • A seconda del componente, i nodi principali sono:

      • config: .../text/cq:editConfig/cq:inplaceEditing/config
      • un nodo di configurazione alternativo: .../text/cq:editConfig/cq:inplaceEditing/inplaceEditingTextConfig
      • text: .../text/dialog/items/tab1/items/text
    • Sono di tipo: jcr:primaryType cq:Widget

    • Entrambi hanno la seguente proprietà:

      • Nome name
      • Tipo String
      • Valore ./text
  3. A seconda dell’interfaccia per la quale stai configurando, crea un nodo <rtePlugins-node>, se non esiste:

    • Nome rtePlugins
    • Tipo nt:unstructured
  4. Crea un nodo per ogni plug-in da attivare:

    • Tipo nt:unstructured
    • Nome l'ID del plug-in richiesto

Dopo aver attivato un plug-in, segui queste linee guida per configurare features proprietà.

Abilita tutte le funzioni Abilita alcune funzioni specifiche. Disattiva tutte le funzionalità.
Nome funzioni funzioni funzioni
Tipo Stringa String (multi-string; imposta Tipo su String e fai clic su Multi in CRXDE Liti) Stringa
Valore * (un asterisco) Impostate uno o più valori di feature. -

Comprendere il plug-in Findreplace

Il findreplace Il plug-in non richiede alcuna configurazione. Funziona immediatamente.

Quando si utilizza la funzionalità di sostituzione, la stringa sostitutiva deve essere immessa contemporaneamente alla stringa da trovare. Tuttavia, è ancora possibile fare clic su Trova per cercare la stringa prima di sostituirla. Se la stringa sostitutiva viene immessa dopo aver fatto clic su Trova, la ricerca riprende dall’inizio del testo.

La finestra di dialogo Trova e sostituisci diventa trasparente quando si fa clic su Trova e diventa opaca quando si fa clic su Sostituisci. Il comportamento consente all’autore di rivedere il testo da sostituire. Se si fa clic su Sostituisci tutto, la finestra di dialogo si chiude e viene visualizzato il numero di sostituzioni effettuate.

Configurare le modalità Incolla

Quando si utilizza l’editor Rich Text, gli autori possono incollare il contenuto in una delle tre modalità seguenti:

  • Modalità browser: incolla il testo utilizzando l’implementazione Incolla predefinita del browser. Non è un metodo consigliato in quanto potrebbe introdurre markup indesiderati.

  • Modalità testo normale: incolla il contenuto degli Appunti come testo normale. Elimina tutti gli elementi di stile e formattazione dal contenuto copiato prima di inserirli in Experience Manager componente.

  • Modalità MS Word: quando si copia da MS Word, incolla il testo con formattazione, incluse le tabelle. La copia e l’incolla di testo da un’altra origine, ad esempio una pagina web o MS Excel, non sono supportate e mantengono solo una formattazione parziale.

Configurare le opzioni Incolla disponibili nella barra degli strumenti dell’editor Rich Text

Nella barra degli strumenti dell’editor Rich Text è possibile fornire agli autori alcune o nessuna delle tre icone seguenti:

  • Incolla (Ctrl+V): può essere preconfigurato in modo da corrispondere a una delle tre modalità Incolla precedenti.

  • Incolla come testo: fornisce funzionalità in modalità testo normale.

  • Incolla da Word: fornisce la funzionalità della modalità MS Word.

Per configurare l’editor Rich Text in modo da visualizzare le icone richieste, effettua le seguenti operazioni.

  1. Passa al componente, ad esempio: /apps/<myProject>/components/text.
  2. Passa al nodo rtePlugins/edit. Consulta attivare un plug-in se il nodo non esiste.
  3. Creare features proprietà sul edit e aggiungi una o più funzionalità. Salva tutte le modifiche.

Configurare il comportamento dell'icona e della scelta rapida Incolla (Ctrl+V)

Puoi preconfigurare il comportamento di Incolla (Ctrl+V) , utilizzando i passaggi seguenti. Questa configurazione definisce anche il comportamento della scelta rapida da tastiera Ctrl+V utilizzata dagli autori per incollare il contenuto.

La configurazione consente i tre tipi di casi di utilizzo seguenti:

  • Incolla il testo utilizzando l’implementazione Incolla predefinita del browser. Non è un metodo consigliato in quanto potrebbe introdurre markup indesiderati. Configurato con browser di seguito.

  • Incolla il contenuto degli Appunti come testo normale. Elimina tutti gli elementi di stile e formattazione dal contenuto copiato prima di inserirli in Experience Manager componente. Configurato con plaintext di seguito.

  • Incolla il testo, incluse le tabelle, con formattazione durante la copia da MS Word. La copia e l’incolla di testo da un’altra origine, ad esempio una pagina web o MS Excel, non sono supportate e mantengono solo una formattazione parziale. Configurato con wordhtml di seguito.

  1. Nel componente, passa a <rtePlugins-node>/edit nodo. Creare i nodi se non esistono. Per ulteriori informazioni, consulta attivare un plug-in.

  2. In edit nodo creare una proprietà utilizzando i dettagli seguenti:

    • Nome defaultPasteMode
    • Tipo String
    • Valore è una delle modalità di incollamento richieste da browser, plaintext, o wordhtml modalità.

Configurare i formati consentiti quando si incollano i contenuti

Incolla-come-Microsoft-Word (paste-wordhtml) può essere ulteriormente configurata in modo da poter consentire esplicitamente alcuni stili quando si incollano Experience Manager da un altro programma, ad esempio Microsoft Word.

Ad esempio, se solo i formati e gli elenchi in grassetto devono essere consentiti quando si incollano Experience Manager, puoi filtrare gli altri formati. Questa operazione è denominata filtro di incollamento configurabile e può essere eseguita per entrambi:

Per i collegamenti, puoi anche definire i protocolli che vengono accettati automaticamente.

Per configurare i formati consentiti quando si incolla testo in Experience Manager da un altro programma:

  1. Nel componente, passa al nodo <rtePlugins-node>/edit. Crea i nodi se il nodo non esiste. Per ulteriori dettagli, consulta attivare un plug-in.

  2. Crea un nodo sotto edit nodo in cui inserire le regole HTML incolla:

    • Nome htmlPasteRules
    • Tipo nt:unstructured
  3. Crea un nodo sotto htmlPasteRules, per contenere i dettagli dei formati di base consentiti:

    • Nome allowBasics
    • Tipo nt:unstructured
  4. Per controllare i singoli formati accettati, crea una o più delle seguenti proprietà sul allowBasics nodo:

    • Nome bold
    • Nome italic
    • Nome underline
    • Nome anchor (sia per i collegamenti che per gli ancoraggi denominati)
    • Nome image

    Tutte le proprietà sono di Tipo Boolean, quindi nel caso Valore è possibile selezionare o rimuovere il segno di spunta per abilitare o disabilitare la funzionalità.

    NOTA

    Se non è definito in modo esplicito, viene utilizzato il valore predefinito true e il formato viene accettato.

  5. Altri formati possono essere definiti utilizzando un intervallo di altre proprietà o nodi, anch'essi applicati al htmlPasteRules nodo:

Proprietà Tipo Descrizione
allowBlockTags String Definisce l’elenco dei tag di blocco consentiti. Alcuni dei possibili tag di blocco includono titoli (h1, h2, h3), paragrafi §, elenchi (ol, ul), tabelle (tabella).
fallbackBlockTag String Definisce il tag di blocco utilizzato per tutti i blocchi con un tag di blocco non incluso in allowBlockTags. Di solito, p è sufficiente.
table nt:unstructured Definisce il comportamento quando si incollano le tabelle. Questo nodo deve avere la proprietà allow (tipo booleano) per definire se è consentito incollare tabelle. Se consenti è impostato su false, è necessario specificare la proprietà ignoreMode (tipo String) per definire la modalità di gestione del contenuto della tabella incollato. I valori validi per ignoreMode sono remove per rimuovere il contenuto di una tabella e paragraph per trasformare le celle di una tabella in paragrafi.
list nt:unstructured Definisce il comportamento quando si incollano gli elenchi. Deve avere la proprietà allow (tipo booleano) per definire se è consentito incollare gli elenchi. Se allow è impostato su false, specifica la proprietà ignoreMode (tipo String) per definire come gestire il contenuto di un elenco incollato. I valori validi per ignoreMode sono remove che rimuove il contenuto dell’elenco e paragraph che trasforma le voci di elenco in paragrafi.

Un esempio di valida htmlPasteRules La struttura è la seguente:

"htmlPasteRules": {
    "allowBasics": {
        "italic": true,
        "link": true
    },
    "allowBlockTags": [
        "p", "h1", "h2", "h3"
    ],
    "list": {
        "allow": false,
        "ignoreMode": "paragraph"
    },
    "table": {
        "allow": true,
        "ignoreMode": "paragraph"
    }
}
  1. Salva tutte le modifiche.

Configurare gli stili di testo

Gli autori possono applicare gli stili per modificare l'aspetto di una parte di testo. Gli stili sono basati su classi CSS predefinite nel foglio di stile CSS. Il contenuto stilizzato è racchiuso in span tag che utilizzano class attributo per fare riferimento alla classe CSS. Ad esempio:

<span class=monospaced>Monospaced Text Here</span>

Quando il plug-in Stili viene attivato per la prima volta, non sono disponibili stili predefiniti. L'elenco popup è vuoto. Per fornire agli autori stili, effettuare le seguenti operazioni:

  • Abilita il selettore a discesa Stile.
  • Specificare una o più posizioni dei fogli di stile.
  • Specificate i singoli stili che possono essere selezionati dall'elenco a comparsa degli stili.

Per le riconfigurazioni successive, per aggiungere altri stili, seguire solo le istruzioni per fare riferimento a un nuovo foglio di stile e specificare gli stili aggiuntivi.

NOTA

Gli stili possono essere definiti anche per tabelle o celle di tabella. Queste configurazioni richiedono procedure separate.

Abilitare l’elenco di selettori a discesa Stile

Questa operazione viene eseguita abilitando il plug-in stili.

  1. Nel componente, passa al nodo <rtePlugins-node>/styles. Creare i nodi se non esistono. Per ulteriori dettagli, consulta attivare un plug-in.

  2. Creare features proprietà sul styles nodo:

    • Nome features
    • Tipo String
    • Valore * (asterisco)
  3. Salva tutte le modifiche.

NOTA

Una volta attivato il plug-in Stili, l’elenco a discesa Stile viene visualizzato nella finestra di dialogo per modifica. Tuttavia, l’elenco è vuoto perché non è configurato alcuno stile.

Specificare la posizione del foglio di stile

Specificare quindi la posizione dei fogli di stile a cui si desidera fare riferimento:

  1. Passa al nodo principale del componente testo, ad esempio, /apps/<myProject>/components/text.

  2. Aggiungi la proprietà externalStyleSheets al nodo principale di <rtePlugins-node>:

    • Nome externalStyleSheets
    • Tipo String[] (stringa multipla; fare clic su Più in CRXDE)
    • Valori Percorso e nome di ogni foglio di stile che si desidera includere. Utilizza i percorsi dell’archivio.
    NOTA

    È possibile aggiungere riferimenti ad altri fogli di stile in qualsiasi momento successivo.

  3. Salva tutte le modifiche.

Quando si utilizza l’editor Rich Text in una finestra di dialogo (interfaccia classica), è possibile specificare fogli di stile ottimizzati per la modifica di testo RTF. A causa di restrizioni tecniche, il contesto CSS viene perso nell’editor, quindi puoi emulare questo contesto per migliorare l’esperienza WYSIWYG.

L’editor Rich Text utilizza un elemento DOM contenitore con un ID di CQrte che offre stili diversi per la visualizzazione e la modifica:

#CQ td {
// defines the style for viewing
 }
#CQrte td {
 // defines the style for editing
 }

Specificare gli stili disponibili nell'elenco a comparsa

  1. Nella definizione del componente, passa al nodo <rtePlugins-node>/styles, come creato in Abilitazione del selettore a discesa dello stile.

  2. Sotto il nodo styles, creare un nodo (denominato anche styles) per mantenere disponibile l'elenco:

    • Nome styles
    • Tipo cq:WidgetCollection
  3. Crea un nodo sotto styles per rappresentare un singolo stile:

    • Nome, è possibile specificare il nome, ma deve essere adatto allo stile
    • Tipo nt:unstructured
  4. Aggiungi la proprietà cssName a questo nodo per fare riferimento alla classe CSS:

    • Nome cssName
    • Tipo String
    • Valore Il nome della classe CSS (senza un "." precedente).ad esempio, cssClass invece di .cssClass)
  5. Aggiungi la proprietà text sullo stesso nodo; questo definisce il testo visualizzato nella casella di selezione:

    • Nome text
    • Tipo String
    • Valore Descrizione dello stile; viene visualizzata nella casella di selezione a discesa Stile.
  6. Salva le modifiche.

    Ripeti i passaggi precedenti per ogni stile richiesto.

Configurare l’editor Rich Text per interruzioni di parola ottimali in giapponese

Autori che utilizzano Experience Manager Per l’authoring di contenuti in lingua giapponese è possibile applicare uno stile ai caratteri per evitare interruzioni di riga laddove non siano necessarie. Questo consente agli autori di lasciare che le frasi si interrompano nella posizione desiderata. Lo stile di questa funzionalità si basa sulla classe CSS predefinita nel foglio di stile CSS.

Per creare lo stile che gli autori possono applicare al testo giapponese, effettuare le seguenti operazioni:

  1. Crea un nodo sotto il nodo degli stili. Consulta specificare uno stile.

    • Nome: jpn-word-wrap
    • Tipo: nt:unstructure
  2. Aggiungi la proprietà cssName al nodo per fare riferimento alla classe CSS. Questo nome di classe è un nome riservato per la funzione di ritorno a capo automatico giapponese.

    • Nome: cssName
    • Tipo: String
    • Valore: jpn-word-wrap (senza precedenti .)
  3. Aggiungi il testo della proprietà allo stesso nodo. Il valore è il nome dello stile visualizzato dagli autori durante la selezione dello stile.

    • Nome: text
      *Tipo: String
    • Valore: Japanese word-wrap
  4. Creare un foglio di stile e specificarne il percorso. Consulta specificare la posizione del foglio di stile. Aggiungere il contenuto seguente al foglio di stile. Modifica il colore di sfondo come desiderato.

    .text span.jpn-word-wrap {
        display:inline-block;
    }
    .is-edited span.jpn-word-wrap {
        background-color: #ffddff;
    }
    

    Foglio di stile per rendere disponibile agli autori la funzione di ritorno a capo automatico giapponese

Configurare i formati di paragrafo

Qualsiasi testo creato nell’editor Rich Text viene inserito all’interno di un tag di blocco, il cui valore predefinito è <p>. Attivando paraformat plug-in, è possibile specificare ulteriori tag di blocco che possono essere assegnati ai paragrafi utilizzando un elenco a discesa. I formati di paragrafo determinano il tipo di paragrafo assegnando il tag di blocco corretto. L’autore può selezionarli e assegnarli utilizzando il selettore Formato. I tag di blocco di esempio includono, tra gli altri, il paragrafo standard <p> e intestazioni <h1>, <h2>e così via.

ATTENZIONE

Questo plug-in non è adatto per contenuti con struttura complessa, ad esempio elenchi o tabelle.

NOTA

Se un tag di blocco, ad esempio, <hr> , non può essere assegnato a un paragrafo, non è un caso d’uso valido per un paraformat plug-in.

Quando il plug-in Formati di paragrafo viene attivato per la prima volta, non sono disponibili formati di paragrafo predefiniti. L'elenco popup è vuoto. Per fornire agli autori i formati di paragrafo, effettuare le seguenti operazioni:

  • Abilita Formato elenco di selettori a comparsa.
  • Specificate i tag di blocco che possono essere selezionati come formati di paragrafo dal menu a comparsa.

Per le riconfigurazioni successive, ad esempio per aggiungere altri formati, segui solo la parte pertinente delle istruzioni.

Abilita il selettore a discesa Formato

Per attivare paraformat plug-in, effettuare le seguenti operazioni:

  1. Nel componente, passa al nodo <rtePlugins-node>/paraformat. Creare i nodi se non esistono. Per ulteriori dettagli, consulta attivare un plug-in.

  2. Creare features proprietà sul paraformat nodo:

    • Nome features
    • Tipo String
    • Valore * (asterisco)
NOTA

Se il plug-in non viene configurato ulteriormente, i formati predefiniti attivati sono Paragrafo ( <p>), Titolo 1 ( <h1>), Titolo 2 ( <h2>), Titolo 3 ( <h3>).

ATTENZIONE

Durante la configurazione dei formati di paragrafo dell’editor Rich Text, non rimuovere il tag di paragrafo <p> come opzione di formattazione. Se il <p> viene rimosso, quindi l’autore del contenuto non può selezionare il Formati dei paragrafi anche se sono configurati altri formati.

Specificare i formati di paragrafo disponibili

I formati di paragrafo possono essere selezionati da:

  1. Nella definizione del componente, passa al nodo <rtePlugins-node>/paraformat, come creato in Abilitazione del selettore a discesa Formato.

  2. Sotto paraformat node crea un nodo, che contiene l’elenco dei formati:

    • Nome formats
    • Tipo cq:WidgetCollection
  3. Crea un nodo sotto formats , contiene i dettagli per un singolo formato:

    • Nome, è possibile specificare il nome, ma deve essere appropriato per il formato (ad esempio, myParagraph, myheader1).
    • Tipo nt:unstructured
  4. A questo nodo, aggiungi la proprietà per definire il tag di blocco utilizzato:

    • Nome tag

    • Tipo String

    • Valore Il tag di blocco per il formato, ad esempio: p, h1, h2 e così via.

      Non è necessario inserire le parentesi angolari di delimitazione.

  5. Per visualizzare il testo descrittivo nell’elenco a discesa, aggiungi un’altra proprietà allo stesso nodo:

    • Nome description
    • Tipo String
    • Valore Testo descrittivo per questo formato, ad esempio Paragrafo, Titolo 1, Titolo 2 e così via. Questo testo viene visualizzato nell'elenco di selezione Formato.
  6. Salva le modifiche.

    Ripeti i passaggi per ogni formato richiesto.

ATTENZIONE

Se si definiscono formati personalizzati, i formati predefiniti (<p>, <h1>, <h2>, e <h3>) vengono rimossi. Ricrea <p> in quanto è il formato predefinito.

Configurare caratteri speciali

In uno standard Experience Manager installazione, quando misctools il plug-in è abilitato per i caratteri speciali (specialchars) è immediatamente disponibile una selezione predefinita, ad esempio i simboli di copyright e marchio.

È possibile configurare l’editor Rich Text in modo da rendere disponibile la selezione di caratteri, definendo caratteri distinti o un’intera sequenza.

ATTENZIONE

L’aggiunta di caratteri speciali sostituisce la selezione predefinita. Se necessario, ridefinisci questi caratteri nella selezione.

Definisci un singolo carattere

  1. Nel componente, passa al nodo <rtePlugins-node>/misctools. Creare i nodi se non esistono. Per ulteriori dettagli, consulta attivare un plug-in.

  2. Creare features proprietà sul misctools nodo:

    • Nome features

    • Tipo String[]

    • Valore specialchars

      (o String / * se si applicano tutte le funzioni di questo plug-in)

  3. Sotto misctools crea un nodo che contenga le configurazioni dei caratteri speciali:

    • Nome specialCharsConfig
    • Tipo nt:unstructured
  4. Sotto specialCharsConfig crea un altro nodo per l’elenco dei caratteri:

    • Nome chars
    • Tipo nt:unstructured
  5. Sotto chars aggiungi un nodo per contenere una singola definizione di carattere:

    • Nome è possibile specificare il nome, ma deve riflettere il carattere, ad esempio metà.
    • Tipo nt:unstructured
  6. A questo nodo aggiungi la seguente proprietà:

    • Nome entity
    • Tipo String
    • Valore la rappresentazione HTML del carattere richiesto; ad esempio, &189; per la frazione metà.
  7. Salva le modifiche.

In CRXDE, una volta salvata la proprietà, viene visualizzato il carattere rappresentato. Vedi sotto l'esempio di mezzo. Ripeti i passaggi precedenti per rendere disponibili agli autori caratteri più speciali.

In CRXDE, aggiungi un singolo carattere da rendere disponibile nella barra degli strumenti dell’editor Rich Text

Definire un intervallo di caratteri

  1. Utilizza i passaggi da 1 a 3 da Definisci un singolo carattere.

  2. Sotto chars aggiungi un nodo che contenga la definizione dell’intervallo di caratteri:

    • Nome è possibile specificare il nome, ma deve riflettere l'intervallo di caratteri, ad esempio le matite.
    • Tipo nt:unstructured
  3. Sotto questo nodo (denominato in base all’intervallo di caratteri speciali) aggiungi le due proprietà seguenti:

    • Nome rangeStart

      Tipo Long
      Valore il Unicode rappresentazione (decimale) del primo carattere dell'intervallo

    • Nome rangeEnd

      Tipo Long
      Valore il Unicode rappresentazione (decimale) dell’ultimo carattere nell’intervallo

  4. Salva le modifiche.

    Ad esempio, definisci un intervallo da 9998 - 10000 fornisce i seguenti caratteri.

    In CRXDE, definisci un intervallo di caratteri da rendere disponibili nell’editor Rich Text

    Figura: In CRXDE, definisci un intervallo di caratteri da rendere disponibili nell’editor Rich Text

    I caratteri speciali disponibili nell’editor Rich Text vengono visualizzati agli autori in una finestra popup

Configurare gli stili di tabella

Gli stili vengono in genere applicati al testo, ma è possibile applicare un set separato di stili anche a una tabella o ad alcune celle di tabella. Tali stili sono disponibili per gli autori dalla casella del selettore Stile nella finestra di dialogo Proprietà cella o Proprietà tabella. Gli stili sono disponibili quando si modifica una tabella all’interno di un componente Testo (o derivata) e non nel componente Tabella standard.

NOTA

Puoi definire stili per tabelle e celle solo per l’interfaccia classica.

NOTA

Copiare e incollare tabelle nel componente Editor Rich Text o da esso dipende dal browser. Non è supportato per tutti i browser. Puoi ottenere risultati diversi a seconda della struttura della tabella e del browser. Ad esempio, quando copi e incolla una tabella in un componente Editor Rich Text in Mozilla Firefox nell’interfaccia classica e nell’interfaccia touch, il layout della tabella non viene mantenuto.

  1. All’interno del componente passa al nodo <rtePlugins-node>/table. Creare i nodi se non esistono. Per ulteriori dettagli, consulta attivare un plug-in.

  2. Creare features proprietà sul table nodo:

    • Nome features
    • Tipo String
    • Valore *
    NOTA

    Se non desiderate attivare tutte le feature di tabella, potete creare features proprietà come:

    • Tipo String[]

    • Valore s) uno dei seguenti elementi o entrambi, a seconda dei casi:

    • table per consentire la modifica delle proprietà della tabella, inclusi gli stili.

    • cellprops per consentire la modifica delle proprietà delle celle, inclusi gli stili.

  3. Definisci la posizione dei fogli di stile CSS in modo che facciano riferimento a essi. Consulta Specifica della posizione del foglio di stile come quando definisci stili per il testo. La posizione può essere definita se sono stati definiti altri stili.

  4. Sotto table nodo creare i seguenti nodi come richiesto:

    • Per definire gli stili per l'intera tabella (disponibile in Proprietà tabella):

      • Nome tableStyles
      • Tipo cq:WidgetCollection
    • Per definire gli stili per le singole celle (disponibili in Proprietà cella),

      • Nome cellStyles
      • Tipo cq:WidgetCollection
  5. Creare un nodo (sotto tableStyles o cellStyles a seconda dei casi) per rappresentare un singolo stile,

    • Nome è possibile specificare il nome, ma deve riflettere lo stile.
    • Tipo nt:unstructured
  6. In questo nodo crea le proprietà:

    • Per definire lo stile CSS a cui si fa riferimento,

      • Nome cssName
      • Tipo String
      • Valore il nome della classe CSS (senza un precedente .ad esempio: cssClass invece di .cssClass)
    • Per definire un testo descrittivo da visualizzare nel selettore a comparsa:

      • Nome text
      • Tipo String
      • Valore testo da visualizzare nell'elenco di selezione
  7. Salva tutte le modifiche.

Ripeti i passaggi precedenti per ogni stile richiesto.

Configurare le intestazioni nascoste nelle tabelle per l’accessibilità

Talvolta è possibile creare tabelle di dati senza testo visivo in un'intestazione di colonna presupponendo che lo scopo dell'intestazione sia implicito dalla relazione visiva della colonna con altre colonne. In questo caso, è necessario fornire testo interno nascosto nella cella dell’intestazione per consentire agli assistenti vocali e altre tecnologie per aiutare i lettori con varie esigenze a comprendere lo scopo della colonna.

Per migliorare l’accessibilità in tali scenari, l’editor Rich Text supporta le celle di intestazione nascoste. Inoltre, fornisce le impostazioni di configurazione relative alle intestazioni nascoste nelle tabelle. Queste impostazioni consentono di applicare stili CSS alle intestazioni nascoste nelle modalità di modifica e anteprima. Per aiutare gli autori a identificare le intestazioni nascoste nella modalità di modifica, includi i seguenti parametri nel codice:

  • hiddenHeaderEditingCSS: specifica il nome della classe CSS applicata alla cella di intestazione nascosta quando viene modificato l’editor Rich Text.
  • hiddenHeaderEditingStyle: specifica una stringa di stile applicata alla cella di intestazione nascosta quando viene modificato l’editor Rich Text.

Se nel codice specifichi sia CSS che la stringa di stile, la classe CSS ha la precedenza sulla stringa di stile e potrebbe sovrascrivere eventuali modifiche di configurazione apportate dalla stringa di stile.

Per consentire agli autori di applicare CSS sulle intestazioni nascoste nella modalità di anteprima, puoi includere i seguenti parametri nel codice:

  • hiddenHeaderClassName: specifica il nome della classe CSS applicata alla cella di intestazione nascosta in modalità anteprima.
  • hiddenHeaderStyle: specifica una stringa di stile applicata alla cella di intestazione nascosta in modalità anteprima.

Se nel codice specifichi sia CSS che la stringa di stile, la classe CSS ha la precedenza sulla stringa di stile e potrebbe sovrascrivere eventuali modifiche di configurazione apportate dalla stringa di stile.

Aggiungere dizionari per il controllo ortografico

Quando il plug-in spellcheck è attivato, l'editor Rich Text utilizza dizionari per ogni lingua appropriata. Questi vengono quindi selezionati in base alla lingua del sito web utilizzando la proprietà language della sottostruttura o estraendo la lingua dall’URL; ad esempio. il /en/ la filiale viene selezionata come inglese, il /de/ filiale come tedesco.

NOTA

Il messaggio "Controllo ortografico non riuscito". viene visualizzato se si tenta di controllare una lingua non installata.

Un Experience Manager di installazione standard include i dizionari per:

  • Inglese americano (en_us)
  • Inglese britannico (en_gb)
NOTA

I dizionari standard si trovano in /libs/cq/spellchecker/dictionaries, insieme ai file ReadMe appropriati. Non modificare i file.

Per aggiungere altri dizionari, se necessario, eseguire la procedura seguente.

  1. Passa alla pagina https://extensions.openoffice.org/.

  2. Seleziona la lingua richiesta e scarica il file ZIP con le definizioni di ortografia. Estrarre il contenuto dell'archivio nel file system.

    ATTENZIONE

    Solo dizionari nel MySpell per OpenOffice.org v2.0.1 o versioni precedenti, sono supportati. Poiché i dizionari sono ora file di archivio, si consiglia di verificare l'archivio dopo averlo scaricato.

  3. Individua i file .aff e .dic. Mantieni il nome del file in minuscolo. Ad esempio: de_de.aff e de_de.dic.

  4. Carica i file .aff e .dic nell’archivio in /apps/cq/spellchecker/dictionaries.

NOTA

Il controllo ortografico dell’editor Rich Text è disponibile su richiesta. Non viene eseguito automaticamente quando si inizia a digitare il testo.

Per eseguire il controllo ortografico, selezionare il pulsante Controllo ortografico nella barra degli strumenti. L’editor Rich Text controlla l’ortografia delle parole ed evidenzia le parole con un’ortografia errata.

Se si incorporano le modifiche suggerite dal correttore ortografico, lo stato del testo cambia e le parole digitate in modo errato non vengono più evidenziate. Per eseguire il controllo ortografico, selezionare nuovamente il pulsante Controllo ortografico.

Configurare la dimensione della cronologia per le azioni Annulla e Ripristina

L’editor Rich Text consente agli autori di annullare o ripristinare alcune delle ultime modifiche. Per impostazione predefinita, nella cronologia vengono memorizzate 50 modifiche. Puoi configurare questo valore come richiesto.

  1. All’interno del componente passa al nodo <rtePlugins-node>/undo. Crea questi nodi se non esistono. Per ulteriori dettagli, consulta attivare un plug-in.

  2. Il giorno undo nodo creare la proprietà:

    • Nome maxUndoSteps
    • Tipo Long
    • Valore il numero di passaggi di annullamento che si desidera salvare nella cronologia. Il valore predefinito è 50. Utilizzare 0 per disattivare completamente l'operazione Annulla/Ripristina.
  3. Salva le modifiche.

Configurare le dimensioni della scheda

Quando il carattere di tabulazione viene premuto all'interno di un testo, viene inserito un numero predefinito di spazi; per impostazione predefinita, si tratta di tre spazi unificatori e di uno spazio.

Per definire le dimensioni della scheda:

  1. Nel componente, passa al nodo <rtePlugins-node>/keys. Creare i nodi se non esistono. Per ulteriori dettagli, consulta attivare un plug-in.

  2. Il giorno keys nodo creare la proprietà:

    • Nome tabSize
    • Tipo String
    • Valore il numero di spazi da utilizzare per il tabulatore.
  3. Salva le modifiche.

Imposta margine rientro

Quando il rientro è abilitato (impostazione predefinita), è possibile definire la dimensione del rientro:

NOTA

Questa dimensione di rientro viene applicata solo ai paragrafi (blocchi) di testo e non influisce sul rientro degli elenchi effettivi.

  1. All’interno del componente passa al nodo <rtePlugins-node>/lists. Crea questi nodi se non esistono. Per ulteriori dettagli, consulta attivare un plug-in.

  2. Il giorno lists nodo creare il identSize parametro:

    • Nome: identSize
    • Tipo: Long
    • Valore: numero di pixel necessari per il margine di rientro.

Configurare l'altezza dello spazio modificabile

Potete definire l'altezza dello spazio modificabile visualizzato nella finestra di dialogo del componente. La configurazione è applicabile solo quando si utilizza l’editor Rich Text in una finestra di dialogo. La configurazione non modifica l’altezza della finestra di dialogo.

  1. In ../items/text nella definizione della finestra di dialogo del componente, crea una proprietà:

    • Nome height
    • Tipo Long
    • Valore altezza in pixel dell’area di lavoro per la modifica.
  2. Salva le modifiche.

Configurare stili e protocolli per i collegamenti

Quando si aggiungono collegamenti in Experience Manager, puoi definire gli stili CSS da utilizzare e i protocolli da accettare automaticamente. Per configurare la modalità di aggiunta dei collegamenti in Experience Manager da un altro programma, definisci le regole di HTML.

  1. Con CRXDE Liti, individua il componente testo per il progetto.

  2. Crea un nodo allo stesso livello di <rtePlugins-node>, ovvero crea il nodo sotto il nodo principale di <rtePlugins-node>:

    • Nome htmlRules
    • Tipo nt:unstructured
    NOTA

    Il ../items/text il nodo ha la proprietà:

    • Nome xtype
    • Tipo String
    • Valore richtext

    La posizione del ../items/text Il nodo può variare a seconda della struttura della finestra di dialogo. Due esempi sono /apps/myProject>/components/text/dialog/items/text e /apps/<myProject>/components/text/dialog/items/panel/items/text.

  3. Sotto htmlRules, crea un nodo.

    • Nome links
    • Tipo nt:unstructured
  4. Sotto links Il nodo definisce le proprietà come richiesto:

    • Stile CSS per collegamenti interni:

      • Nome cssInternal
      • Tipo String
      • Valore il nome della classe CSS (senza un "." precedente).ad esempio, cssClass invece di .cssClass)
    • Stile CSS per collegamenti esterni

      • Nome cssExternal
      • Tipo String
      • Valore il nome della classe CSS (senza un "." precedente).ad esempio, cssClass invece di .cssClass)
    • Array di validi protocolli tra cui https://, https://, file://, mailto:, e altri,

      • Nome protocols
      • Tipo String[]
      • Valore(s) uno o più protocolli
    • defaultProtocol (proprietà di tipo Stringa): protocollo da utilizzare se l’utente non ne ha specificato esplicitamente uno.

      • Nome defaultProtocol
      • Tipo String
      • Valore(s) uno o più protocolli predefiniti
    • Definizione di come gestire l’attributo target di un collegamento. Crea un nodo:

      • Nome targetConfig
      • Tipo nt:unstructured

      Sul nodo targetConfig: definisci le proprietà richieste:

      • Specifica la modalità di destinazione:

        • Nome mode

        • Tipo String)

        • Valore s) :

          • auto: indica che viene scelto un target automatico

            (specificato da targetExternal proprietà per collegamenti esterni o targetInternal per collegamenti interni).

          • manual: non applicabile in questo contesto

          • blank: non applicabile in questo contesto

      • Destinazione dei collegamenti interni:

        • Nome targetInternal
        • Tipo String
        • Valore destinazione per i collegamenti interni (da utilizzare solo quando la modalità è auto)
      • Destinazione per i collegamenti esterni:

        • Nome targetExternal
        • Tipo String
        • Valore destinazione per i collegamenti esterni (utilizzata solo quando la modalità è auto).
  5. Salva tutte le modifiche.

In questa pagina