Configura Azure archiviazione

Experience Manager Forms Integrazione dei dati fornisce un Azure configurazione di archiviazione per integrare i moduli con Azure servizi di storage. Il modello dati modulo può essere utilizzato per creare un Forms adattivo che interagisca con Azure per abilitare i flussi di lavoro aziendali. Esempio:

  • Scrivere dati in Azure all’invio di moduli adattivi.
  • Scrivi dati in Azure attraverso entità personalizzate definite in Form Data Model e viceversa.
  • Query Azure server per i dati e precompilare Adaptive Forms.
  • Leggi dati da Azure server.

Crea Azure configurazione dello storage

Prima di eseguire questi passaggi, assicurati di disporre di un Azure l'account di archiviazione e una chiave di accesso per autorizzare l'accesso al Azure account di archiviazione.

  1. Passa a Strumenti > Cloud Services > Archiviazione di Azure.
  2. Seleziona una cartella per creare la configurazione e tocca Crea.
  3. Specifica un titolo per la configurazione nella Titolo campo .
  4. Specifica il nome della Azure account di archiviazione nel Account di archiviazione di Azure campo .
  5. Specifica la chiave per accedere all’account di archiviazione di Azure nel Chiave di accesso di Azure campo e tocco Salva.

Crea modello dati modulo

Dopo aver creato il Azure configurazione dell'archiviazione, è possibile creare il modello dati del modulo. Specifica la cartella contenente la Azure nella configurazione Configurazione origine dati durante la creazione del modello dati del modulo. Puoi quindi selezionare la configurazione dall’elenco delle configurazioni esistenti nel nome della cartella specificato.

Aggiungi Azure servizi al modello dati modulo

Dopo aver creato gli oggetti modello dati modulo e modello dati, è possibile aggiungere Azure servizi per il modello dati del modulo.

Per aggiungere Azure servizi:

  1. In modalità Modifica, seleziona i servizi dalla Servizi nel riquadro a sinistra e tocca Aggiungi selezionati. I servizi selezionati vengono visualizzati nella Servizi scheda del modello dati del modulo.

    Aggiungi servizi selezionati

  2. In Servizi , seleziona il servizio e Modifica proprietà. In base al servizio, definisci gli oggetti modello di input o output per il servizio.

  3. Tocca Salva per salvare il modello dati del modulo.

    La tabella seguente descrive i dati disponibili Azure servizi:

    Nome servizio Descrizione
    Ottieni BLOB da Azure Recupera i dati memorizzati come BLOB nell’archiviazione di Azure utilizzando un ID o un nome
    Ottieni BLOB con URL binari da Azure Recupera i dati memorizzati come BLOB con URL per i binari nell’archiviazione di Azure utilizzando un ID o un nome
    Salva BLOB in Azure Utilizzare un ID BLOB per salvare i dati nell’archiviazione di Azure
    Aggiorna BLOB in Azure Utilizzare un ID BLOB per aggiornare i dati nell’archiviazione di Azure
    Recupera elenco di ID BLOB da Azure Recupera un elenco di ID BLOB da Azure in base al numero definito nella richiesta di input.
    Recupera gli URL SAS per i BLOB da Azure Recupera gli URL SAS per i BLOB da Azure in base agli ID BLOB nella richiesta di input.
    Elimina BLOB da Azure Utilizzare un ID BLOB per eliminare i dati dall’archiviazione di Azure

Definire una proprietà dell’oggetto modello dati come chiave di ricerca

Per definire una proprietà dell'oggetto modello dati come chiave di ricerca:

  1. In Modello , seleziona la proprietà dell’oggetto modello dati e tocca Modifica proprietà.
  2. Passa alla Chiave di ricerca attiva l'opzione. Questa opzione è disponibile solo per i tipi di dati principali.
  3. Tocca Fine quindi tocca Salva per salvare il modello dati del modulo.

Dopo aver definito le proprietà dell'oggetto del modello dati come chiavi di ricerca, i valori hash vengono memorizzati nei tag di indice di Azure e i valori codificati di Base64 sono memorizzati nei metadati di Azure.

NOTA

Per l’entità Azure sono consentite solo 10 chiavi di ricerca, in quanto Azure consente solo 10 tag per BLOB e il valore delle proprietà contrassegnato come chiavi di ricerca viene memorizzato nei tag di indice di Azure dopo l’hashing.

In questa pagina