Configurazione di ContextHub

ContextHub è un framework per la memorizzazione, la manipolazione e la presentazione dei dati contestuali. Per ulteriori informazioni su ContextHub, consulta la documentazione pergli sviluppatori. ContextHub sostituisce Client Context nell'interfaccia utente touch.

Configurate la barra degli strumenti ContextHub per controllare se viene visualizzata in modalità Anteprima, per creare store ContextHub e aggiungere moduli di interfaccia tramite l’interfaccia utente ottimizzata per il tocco.

Disattivazione di ContextHub

Per impostazione predefinita, ContextHub è attivato in un'installazione AEM. ContextHub può essere disattivato per impedire il caricamento di js/css e l'inizializzazione. Esistono due opzioni per disabilitare ContextHub:

  • Modificate la configurazione di ContextHub e verificate l'opzione Disattiva ContextHub

    1. Nella barra laterale fate clic o toccate Strumenti > Siti > ContextHub
    2. Tocca o fai clic sul contenitore di configurazione predefinito
    3. Selezionate la configurazione ​ContextHub e toccate o fate clic su Modifica elemento selezionato
    4. Tocca o fai clic su Disattiva ContextHub e tocca o fai clic su Salva

o

  • Utilizzare CRXDE Lite per impostare la proprietà disabled su true in /libs/settings/cloudsettings
Nota

A causa della ristrutturazione del repository in AEM 6.4, la posizione delle configurazioni ContextHub è cambiata da /etc/cloudsettings a:

  • /libs/settings/cloudsettings
  • /conf/global/settings/cloudsettings
  • /conf/<tenant>/settings/cloudsettings

Visualizzazione e disattivazione dell’interfaccia utente ContextHub

Configurate il servizio OSGi Adobe di Granite ContextHub per mostrare o nascondere l’interfaccia utente ContextHub sulle pagine. Il PID di questo servizio è com.adobe.granite.contexthub.impl.ContextHubImpl.

Per configurare il servizio è possibile utilizzare la console Web o utilizzare un nodo JCR nell'archivio:

  • Console Web: Per visualizzare l'interfaccia utente, selezionare la proprietà Mostra interfaccia utente. Per nascondere l'interfaccia utente, deselezionare la proprietà Nascondi interfaccia utente.
  • Nodo JCR: Per visualizzare l'interfaccia utente, impostare la com.adobe.granite.contexthub.show_ui proprietà booleana su true. Per nascondere l’interfaccia utente, impostare la proprietà su false.

Quando viene visualizzata l’interfaccia utente ContextHub, questa viene visualizzata solo sulle pagine AEM istanze dell’autore. L’interfaccia utente non viene visualizzata sulle pagine delle istanze pubblicate.

Aggiunta di modalità e moduli dell’interfaccia utente ContextHub

Configurare le modalità e i moduli dell’interfaccia utente visualizzati nella barra degli strumenti ContextHub in modalità Anteprima:

  • Modalità interfaccia utente: Gruppi di moduli correlati
  • Moduli: Widget che espongono i dati contestuali da uno store e consentono agli autori di manipolare il contesto

Le modalità di interfaccia utente sono visualizzate come una serie di icone sul lato sinistro della barra degli strumenti. Quando è selezionata questa opzione, i moduli di una modalità di interfaccia vengono visualizzati a destra.

chlimage_1-319

Le icone sono riferimenti dalla libreria delle icone Coral UI (interfaccia utente Coral).

Aggiunta di una modalità di interfaccia

Aggiungere una modalità di interfaccia utente ai moduli ContextHub correlati al gruppo. Quando create la modalità di interfaccia utente, fornite il titolo e l’icona che vengono visualizzati nella barra degli strumenti ContextHub.

  1. Nella barra Experience Manager, fai clic o tocca Strumenti > Siti > Context Hub.

  2. Tocca o fai clic sul contenitore di configurazione predefinito.

  3. Tocca o fai clic su Configurazione Context Hub.

  4. Tocca o fai clic sul pulsante Crea, quindi tocca o fai clic su Modalità interfaccia utente Context Hub.

    chlimage_1-320

  5. Immettete i valori per le seguenti proprietà:

    • Titolo modalità interfaccia utente: Titolo che identifica la modalità di interfaccia
    • Icona modalità: Selettore per l’icona dell’interfaccia Coral da usare, ad esempio coral-Icon--user
    • Abilitato: Selezionate questa opzione per visualizzare la modalità dell’interfaccia utente nella barra degli strumenti ContextHub
  6. Tocca o fai clic su Salva.

Aggiunta di un modulo dell'interfaccia utente

Aggiungete un modulo dell’interfaccia utente ContextHub a una modalità dell’interfaccia utente in modo che venga visualizzato nella barra degli strumenti ContextHub per visualizzare l’anteprima del contenuto della pagina. Quando si aggiunge un modulo dell'interfaccia utente, si sta creando un'istanza di un tipo di modulo registrato con ContextHub. Per aggiungere un modulo dell'interfaccia utente, è necessario conoscere il nome del tipo di modulo associato.

AEM fornisce un tipo di modulo dell'interfaccia utente di base e diversi tipi di moduli dell'interfaccia utente di esempio sui quali è possibile basare un modulo dell'interfaccia utente. Nella tabella seguente è riportata una breve descrizione di ciascuno di essi. Per informazioni sullo sviluppo di un modulo di interfaccia utente personalizzato, consultate Creazione di modulidi interfaccia utente ContextHub.

Le proprietà del modulo dell'interfaccia utente includono una configurazione di dettaglio in cui è possibile specificare i valori per le proprietà specifiche del modulo. Fornite la configurazione dei dettagli in formato JSON. La colonna Tipo di modulo nella tabella contiene collegamenti verso informazioni sul codice JSON richiesto per ciascun tipo di modulo dell’interfaccia utente.

Tipo modulo Descrizione Store
contexthub.base Tipo di modulo interfaccia utente generico Configurate nelle proprietà del modulo dell'interfaccia utente
contexthub.browserinfo Visualizza informazioni sul browser surferinfo
contexthub.datetime Visualizza informazioni su data e ora datetime
contexthub.device Visualizzare il dispositivo client emulatori
contexthub.location Visualizza la latitudine e la longitudine del client, nonché la posizione su una mappa. Consente di cambiare la posizione. geolocalizzazione
contexthub.screen-orientation Visualizza l'orientamento dello schermo del dispositivo (orizzontale o verticale) emulatori
contexthub.tagcloud Visualizza statistiche sui tag pagina tagcloud
granite.profile Visualizza le informazioni del profilo per l’utente corrente, inclusi AuthorizableID, displayName e familyName. È possibile modificare il valore di displayName e familyName. profilo
  1. Nella barra Experience Manager, fai clic o tocca Strumenti > Siti > ContextHub.

  2. Tocca o fai clic sul Contenitore di configurazione al quale vuoi aggiungere un modulo di interfaccia utente.

  3. Fate clic o digitate la configurazione ContextHub alla quale desiderate aggiungere il modulo dell'interfaccia utente.

  4. Tocca o fai clic sulla modalità dell’interfaccia a cui stai aggiungendo il modulo dell’interfaccia utente.

  5. Tocca o fai clic sul pulsante Crea, quindi tocca o fai clic su Modulo interfaccia utente ContextHub (generico).

    chlimage_1-321

  6. Immettete i valori per le seguenti proprietà:

    • Titolo modulo interfaccia utente: Titolo che identifica il modulo dell'interfaccia utente
    • Tipo di modulo: Tipo di modulo
    • Abilitato: Selezionare questa opzione per visualizzare il modulo dell'interfaccia utente nella barra degli strumenti ContextHub
  7. (Facoltativo) Per ignorare la configurazione predefinita dello store, immettete un oggetto JSON per configurare il modulo dell'interfaccia utente.

  8. Tocca o fai clic su Salva.

Creazione di un archivio ContextHub

Create un archivio Context Hub per mantenere i dati utente e accedere ai dati in base alle esigenze. Gli store ContextHub si basano sui candidati store registrati. Quando create lo store, è necessario il valore di storeType con cui è stato registrato il candidato. Consultate Creazione di candidatistore personalizzati.

Configurazione dettagliata dello store

Quando configurate uno store, la proprietà Configurazione dettagli consente di fornire valori per proprietà specifiche dello store. Il valore si basa sul config parametro della init funzione dello store. Pertanto, la necessità di fornire questo valore e il formato del valore dipende dallo store.

Il valore della proprietà Configurazione dettagli è un config oggetto in formato JSON.

Candidati store di esempio

AEM fornisce i seguenti esempi di store candidati ai quali potete basare uno store.

Tipo di archivio Descrizione
aem.segmentation Memorizzazione per segmenti ContextHub risolti e non risolti. Recupera automaticamente i segmenti da ContextHub SegmentManager
aem.resolvedsegment Memorizza i segmenti attualmente risolti. Ascolta il servizio ContextHub SegmentManager per aggiornare automaticamente lo store
contexthub.geolocation Memorizza la latitudine e la longitudine della posizione del browser.
contexthub.datetime Memorizza la data, l'ora e la stagione correnti per la posizione del browser
granite.emulators Definisce proprietà e funzionalità per un certo numero di dispositivi e rileva il dispositivo client corrente
contexthub.Generic-jsonp Recupera e memorizza i dati da un servizio JSONP
granite.profile Memorizza i dati del profilo per l'utente corrente
contexthub.surferinfo Memorizza informazioni sul client, quali informazioni sul dispositivo, tipo di browser e orientamento della finestra
contexthub.tagcloud Memorizza i tag e i conteggi dei tag delle pagine
  1. Nella barra Experience Manager, fai clic o tocca Strumenti > Siti > ContextHub.

  2. Tocca o fai clic sul contenitore di configurazione predefinito.

  3. Tocca o fai clic su Configurazione contestub

  4. Per aggiungere uno store, tocca o fai clic sull'icona Crea, quindi tocca o fai clic su Configurazione store ContexHub.

    chlimage_1-322

  5. Immettete i valori per le proprietà di configurazione di base, quindi fate clic o toccate Avanti:

    • Titolo configurazione: Titolo che identifica lo store
    • Tipo store: Il valore della proprietà storeType del candidato store su cui basare lo store
    • Obbligatorio: Select
    • Abilitato: Selezionare per abilitare lo store
  6. (Facoltativo) Per ignorare la configurazione predefinita dello store, immettete un oggetto JSON nella casella Configurazione dettagli (JSON).

  7. Tocca o fai clic su Salva.

Esempio: Utilizzo di un servizio JSONP

Questo esempio illustra come configurare uno store e visualizzare i dati in un modulo dell'interfaccia utente. In questo esempio, il servizio MD5 del sito jsontest.com viene utilizzato come origine dati per uno store. Il servizio restituisce il codice hash MD5 di una stringa specificata, in formato JSON.

Un archivio contestexthub.Generic-jsonp è configurato in modo da memorizzare i dati per la chiamata al servizio https://md5.jsontest.com/?text=%22text%20to%20md5%22. Il servizio restituisce i seguenti dati visualizzati in un modulo dell'interfaccia utente:

{
   "md5": "919a56ab62b6d5e1219fe1d95248a2c5",
   "original": "\"text to md5\""
}

Creazione di un archivio contestexthub.Generic-jsonp

Il candidato per l'archivio di esempio contexthub.Generic-jsonp consente di recuperare dati da un servizio JSONP o da un servizio Web che restituisce dati JSON. Per questo store candidato, utilizzate la configurazione dello store per fornire dettagli sul servizio JSONP da utilizzare.

La funzione init della classe ContextHub.Store.JSONPStore Javascript definisce un config oggetto che inizializza il candidato store. L' config oggetto contiene un service oggetto che include dettagli sul servizio JSONP. Per configurare lo store, fornite l' service oggetto in formato JSON come valore per la proprietà Configurazione dettagli.

Per salvare i dati dal servizio MD5 del sito jsontest.com, utilizzate la procedura descritta in Creazione di uno store ContextHub con le seguenti proprietà:

  • Titolo configurazione: md5

  • Tipo store: contexthub.Generic-jsonp

  • Obbligatorio: Select

  • Abilitato: Select

  • Configurazione dettagli (JSON):

    {
     "service": {
     "jsonp": false,
     "timeout": 1000,
     "ttl": 1800000,
     "secure": false,
     "host": "md5.jsontest.com",
     "port": 80,
     "params":{
     "text":"text to md5"
         }
       }
     }
    

Aggiunta di un modulo dell’interfaccia utente per i dati md5

Aggiungete un modulo dell’interfaccia utente alla barra degli strumenti ContextHub per visualizzare i dati memorizzati nell’archivio di esempio di md5. In questo esempio, il modulo contexthub.base viene utilizzato per generare il seguente modulo dell’interfaccia utente:

chlimage_1-323

Utilizzate la procedura descritta in Aggiunta di un modulo dell'interfaccia utente per aggiungere il modulo dell'interfaccia utente a una modalità dell'interfaccia utente esistente, ad esempio la modalità dell'interfaccia utente di Perona. Per il modulo dell'interfaccia utente, utilizzate i seguenti valori delle proprietà:

  • Titolo modulo interfaccia utente: MD5

  • Tipo di modulo: contexthub.base

  • Configurazione dettagli (JSON):

    {
     "icon": "coral-Icon--data",
     "title": "MD5 Converstion",
     "storeMapping": { "md5": "md5" },
     "template": "<p> {{md5.original}}</p>;
                  <p>{{md5.md5}}</p>"
    }
    

Debug di ContextHub

È possibile abilitare una modalità di debug per ContextHub per consentire la risoluzione dei problemi. La modalità di debug può essere abilitata tramite la configurazione ContextHub o tramite CRXDE.

Tramite la configurazione

Modificare la configurazione di ContextHub e selezionare l'opzione Debug

  1. Nella barra laterale fate clic o toccate Strumenti > Siti > ContextHub
  2. Tocca o fai clic sul contenitore di configurazione predefinito
  3. Selezionate la configurazione ​ContextHub e toccate o fate clic su Modifica elemento selezionato
  4. Tocca o fai clic su Debug e tocca o fai clic su Salva

Via CRXDE

Utilizzare CRXDE Lite per impostare la proprietà debug su true in:

  • /conf/global/settings/cloudsettings o
  • /conf/<tenant>/settings/cloudsettings
Nota

Per le configurazioni ContextHub ancora presenti nei percorsi legacy, la posizione da impostare debug property è /libs/settings/cloudsettings/legacy/contexthub.

Modalità silenziosa

La modalità silenziosa sopprime tutte le informazioni di debug. A differenza della normale opzione di debug, che può essere impostata in modo indipendente per ogni configurazione ContextHub, la modalità silenziosa è un'impostazione globale che ha precedenza rispetto a qualsiasi impostazione di debug a livello di configurazione ContextHub.

Questa funzione è utile per l’istanza di pubblicazione, in cui non sono necessarie informazioni di debug. Poiché è un’impostazione globale, è abilitata tramite OSGi.

  1. Apri la configurazione della console Web di Adobe Experience Manager in http://<host>:<port>/system/console/configMgr
  2. Ricerca Adobe Granite ContextHub
  3. Fai clic sulla configurazione Adobe Granite ContextHub per modificarne le proprietà
  4. Selezionate l’opzione Modalità ​invisibile e fate clic su Salva

Ripristino delle configurazioni ContextHub dopo l'aggiornamento

Quando si esegue un aggiornamento a AEM , le configurazioni ContextHub vengono sottoposte a backup e memorizzate in una posizione sicura. Durante l'aggiornamento, vengono installate le configurazioni ContextHub predefinite, sostituendo le configurazioni esistenti. Il backup è necessario per mantenere eventuali modifiche o aggiunte apportate.

Le configurazioni ContextHub sono memorizzate in una cartella denominata contexthub sotto i nodi seguenti:

  • /conf/global/settings/cloudsettings
  • /conf/<tenant>/settings/cloudsettings

Dopo un aggiornamento, il backup viene memorizzato in una cartella denominata contexthub sotto il nodo denominato:

/conf/global/settings/cloudsettings/default-pre-upgrade_yyyymmdd_xxxxxxx o
/conf/<tenant>/settings/cloudsettings/default-pre-upgrade_yyyymmdd_xxxxxxx

La yyyymmdd parte del nome del nodo è la data in cui è stato eseguito l'aggiornamento.

Per ripristinare le configurazioni ContextHub, utilizza il CRXDE Lite per copiare i nodi che rappresentano i tuoi store, le modalità di interfaccia utente e i moduli di interfaccia dall'area sotto il default-pre-upgrade_yyyymmdd_xxxxxx nodo al di sotto:

  • /conf/global/settings/cloudsettings o
  • /conf/<tenant>/settings/cloudsettings

In questa pagina