Integrazione con Adobe Target tramite Adobe I/O

L’integrazione di AEM con Adobe Target tramite l’API di Target Standard richiede la configurazione di Adobe IMS (Identity Management System) e di Adobe I/O.

NOTA

Il supporto per l’API Adobe Target Standard è stato introdotto nella AEM 6.5. L’API di Target Standard utilizza l’autenticazione IMS.

L’utilizzo dell’API Adobe Target Classic in AEM è ancora supportato per la compatibilità con le versioni precedenti. L' API di Target Classic utilizza l'autenticazione delle credenziali utente.

La selezione API è guidata dal metodo di autenticazione utilizzato per l’integrazione AEM/Target.
Vedi anche la sezione ID tenant e codice client .

Prerequisiti

Prima di avviare questa procedura:

  • Adobe Support deve fornire il proprio account per:

    • Console Adobe
    • Adobe I/O
    • Adobe Target e
    • Adobe IMS (sistema Identity Management)
  • L’amministratore di sistema della tua organizzazione deve utilizzare l’Admin Console per aggiungere gli sviluppatori necessari nella tua organizzazione ai profili di prodotto pertinenti.

    • Questo fornisce agli sviluppatori specifici le autorizzazioni per abilitare le integrazioni all’interno di Adobe I/O.
    • Per ulteriori dettagli, consulta Gestire gli sviluppatori.

Configurazione di una configurazione IMS - Generazione di una chiave pubblica

La prima fase della configurazione consiste nel creare una configurazione IMS in AEM e generare la chiave pubblica.

  1. In AEM aprire il menu Strumenti.

  2. Nella sezione Sicurezza , seleziona Configurazioni Adobe IMS.

  3. Seleziona Crea per aprire Configurazione account tecnico Adobe IMS.

  4. Utilizzando il menu a discesa in Configurazione cloud, seleziona Adobe Target.

  5. Attiva Crea nuovo certificato e immetti un nuovo alias.

  6. Conferma con Crea certificato.

  7. Seleziona Scarica (o Scarica chiave pubblica) per scaricare il file sull'unità locale, in modo che sia pronto per l'uso durante la configurazione di Adobe I/O per l'integrazione di Adobe Target con AEM.

    ATTENZIONE

    Tieni aperta questa configurazione, sarà necessaria di nuovo quando Completamento della configurazione IMS in AEM.

Configurazione di Adobe I/O per l’integrazione di Adobe Target con AEM

Devi creare il progetto di Adobe I/O (integrazione) con Adobe Target che AEM utilizzare, quindi assegnare i privilegi richiesti.

Creazione del progetto

Apri la console Adobe I/O per creare un progetto I/O con Adobe Target che AEM utilizzare:

NOTA

Vedi anche i tutorial di Adobe I/O.

  1. Apri la console Adobe I/O per Progetti :

    https://console.adobe.io/projects

  2. Verranno visualizzati tutti i progetti che hai. Seleziona Crea nuovo progetto : la posizione e l’utilizzo dipendono da:

    • Se non hai ancora un progetto, Crea nuovo progetto sarà al centro e in basso.

      Crea nuovo progetto - Primo progetto

    • Se disponi già di progetti esistenti, questi verranno elencati e Crea nuovo progetto sarà in alto a destra.

      Crea nuovo progetto - Più progetti

  3. Seleziona Aggiungi al progetto seguito da API:

  4. Seleziona Adobe Target, quindi Avanti:

    NOTA

    Se sei abbonato ad Adobe Target ma non lo vedi nell'elenco, devi controllare i Prerequisiti.

  5. Carica la chiave pubblica e, una volta completata, continua con Successivo:

  6. Rivedi le credenziali e continua con Successivo:

  7. Seleziona i profili di prodotto richiesti e continua con Salva API configurata:

    NOTA

    I profili di prodotto visualizzati con dipendono dall’esistenza o meno di:

    • Adobe Target Standard - è disponibile solo Area di lavoro predefinita
    • Adobe Target Premium : vengono elencate tutte le aree di lavoro disponibili, come illustrato di seguito

  8. La creazione verrà confermata.

Assegnazione di privilegi all'integrazione

Ora devi assegnare i privilegi richiesti all’integrazione:

  1. Apri l'Adobe Admin Console:

  2. Passa a Prodotti (barra degli strumenti in alto), quindi seleziona Adobe Target - <your-tenant-id (dal pannello a sinistra).

  3. Seleziona Profili di prodotto, quindi l'area di lavoro richiesta dall'elenco visualizzato. Ad esempio, Area di lavoro predefinita.

  4. Seleziona Integrazioni, quindi la configurazione di integrazione richiesta.

  5. Seleziona Editor come Ruolo prodotto; invece di Osservatore.

Dettagli memorizzati per il progetto di integrazione Adobe I/O

Dalla console Progetti di Adobe I/O è disponibile un elenco di tutti i progetti di integrazione:

Seleziona Visualizza (a destra di una voce specifica del progetto) per visualizzare ulteriori dettagli sulla configurazione. Comprendono:

  • Panoramica del progetto
  • Approfondimenti
  • Credenziali
    • Account di servizio (JWT)
      • Dettagli delle credenziali
      • Genera JWT
  • API
    • Ad esempio, Adobe Target

Alcuni di questi sono necessari per completare l’integrazione di Adobe I/O per Target in AEM.

Completamento della configurazione IMS in AEM

Di nuovo AEM puoi completare la configurazione IMS aggiungendo i valori richiesti dall’integrazione Adobe I/O per Target:

  1. Torna alla Configurazione IMS aperta in AEM.

  2. Seleziona Avanti.

  3. Qui puoi utilizzare i dettagli dell'Adobe I/O:

    • Titolo: Testo.
    • Server autorizzazioni: Copia/incolla questo dalla "aud" riga della sezione ​Payload seguente, ad esempio "https://ims-na1.adobelogin.com" nell’esempio seguente
    • Chiave API: Copialo dalla sezione 🔗 Panoramica dell’integrazione di Adobe I/O per Target
    • Segreto client: Generalo nella sezione 🔗 Panoramica dell’integrazione di Adobe I/O per Target e copia
    • Payload: Copialo dalla sezione Genera JWTdell’integrazione di Adobe I/O per Target

  4. Conferma con Crea.

  5. La configurazione di Adobe Target verrà visualizzata nella console AEM.

Conferma della configurazione IMS

Per confermare che la configurazione funziona come previsto:

  1. Apri:

    • https://localhost<port>/libs/cq/adobeims-configuration/content/configurations.html

    Esempio:

    • https://localhost:4502/libs/cq/adobeims-configuration/content/configurations.html
  2. Seleziona la configurazione.

  3. Seleziona Verifica stato dalla barra degli strumenti, seguito da Verifica.

  4. In caso di esito positivo, verrà visualizzato il messaggio:

Configurazione dell’Cloud Service Adobe Target

È ora possibile fare riferimento alla configurazione affinché un Cloud Service utilizzi l’API di Target Standard:

  1. Apri il menu Strumenti . Quindi, nella sezione Cloud Services, selezionare Cloud Services legacy.

  2. Scorri verso il basso fino a Adobe Target e seleziona Configura ora.

    Viene aperta la finestra di dialogo Crea configurazione .

  3. Immetti un Titolo e, se lo desideri, un Nome (se lasciato vuoto, questo verrà generato dal titolo).

    È inoltre possibile selezionare il modello richiesto (se sono disponibili più modelli).

  4. Conferma con Crea.

    Viene aperta la finestra di dialogo Modifica componente .

  5. Immetti i dettagli nella scheda Impostazioni Adobe Target :

    • Autenticazione: IMS

    • ID tenant: l’ID tenant di Adobe IMS. Vedi anche la sezione ID tenant e codice client .

      NOTA

      Per IMS questo valore deve essere tratto da Target stesso. Puoi accedere a Target ed estrarre l’ID tenant dall’URL.

      Ad esempio, se l’URL è:

      https://experience.adobe.com/#/@yourtenantid/target/activities

      Quindi si utilizza yourtenantid.

    • Codice client: Consulta la sezione ID tenant e codice client .

    • Configurazione IMS: seleziona il nome della configurazione IMS

    • Tipo API: REST

    • Configurazione di A4T Analytics Cloud: Seleziona la configurazione cloud di Analytics utilizzata per gli obiettivi e le metriche delle attività di destinazione. È necessario se utilizzi Adobe Analytics come origine per la generazione di rapporti durante il targeting del contenuto. Se non visualizzi la configurazione cloud, consulta la nota in Configurazione di A4T Analytics Cloud Configuration.

    • Utilizza targeting accurato: Per impostazione predefinita questa casella di controllo è selezionata. Se questa opzione è selezionata, la configurazione del servizio cloud attenderà il caricamento del contesto prima di caricare il contenuto. Vedi la nota che segue.

    • Sincronizzare segmenti da Adobe Target: Seleziona questa opzione per scaricare i segmenti definiti in Target e utilizzarli in AEM. Devi selezionare questa opzione quando la proprietà Tipo API è REST, perché i segmenti in linea non sono supportati e devi sempre utilizzare i segmenti da Target. Il termine AEM "segmento" è equivalente al "pubblico" di Target.

    • Libreria client: Seleziona se desideri la libreria client AT.js o mbox.js (obsoleto).

    • Utilizza Tag Management System per distribuire la libreria client: Utilizza DTM (obsoleto), Adobe Launch o qualsiasi altro sistema di gestione dei tag.

    • AT.js personalizzato: Lascia vuoto se hai selezionato la casella Gestione tag o per utilizzare il file AT.js predefinito. In alternativa, carica il tuo AT.js personalizzato. Viene visualizzato solo se è stato selezionato AT.js.

    NOTA

    La configurazione di un Cloud Service per l’utilizzo dell’ API di Target Classic è stata dichiarata obsoleta (utilizza la scheda Impostazioni di Adobe Recommendations ).

  6. Fai clic su Connetti a Target per inizializzare la connessione con Adobe Target.

    Se la connessione ha esito positivo, viene visualizzato il messaggio Connessione riuscita.

  7. Seleziona OK sul messaggio, seguito da OK nella finestra di dialogo per confermare la configurazione.

  8. Ora puoi passare a Aggiunta di un framework di Target per configurare i parametri ContextHub o di ClientContext che verranno inviati a Target. Questo potrebbe non essere necessario per esportare AEM frammenti esperienza in Target.

ID tenant e codice client

Con Adobe Experience Manager 6.5.8.0, il campo Codice client è stato aggiunto alla finestra di configurazione di Target.

Durante la configurazione dei campi ID tenant e Codice client, tieni presente quanto segue:

  1. Per la maggior parte dei clienti, l’ID tenant e il codice client sono gli stessi. Ciò significa che entrambi i campi contengono le stesse informazioni e sono identici. Assicurati di inserire l’ID tenant in entrambi i campi.
  2. Per scopi precedenti, puoi anche immettere valori diversi nei campi ID tenant e Codice client .

In entrambi i casi, tieni presente che:

  • Per impostazione predefinita, anche il codice client (se aggiunto per primo) viene copiato automaticamente nel campo ID tenant.
  • Hai la possibilità di modificare il set di ID tenant predefinito.
  • Di conseguenza, le chiamate di backend a Target saranno basate sull’ID tenant e le chiamate lato client a Target saranno basate sul codice client.

Come indicato in precedenza, il primo caso è il più comune per AEM 6.5. In entrambi i casi, assicurati che i campi entrambi contengano le informazioni corrette a seconda delle tue esigenze.

NOTA

Per modificare una configurazione di destinazione esistente:

  1. Immetti nuovamente l'ID tenant.
  2. Riconnettersi a Target.
  3. Salva la configurazione.

In questa pagina