Importazione ed esportazione di impostazioni globali

È possibile importare ed esportare le definizioni dei modelli di ricerca e le impostazioni globali per Workspace.

NOTA

Flex Workspace è obsoleto per AEM versione dei moduli.

Ad esempio, puoi passare da un ambiente di sviluppo a un ambiente di produzione esportando le definizioni dei modelli di ricerca e le impostazioni globali da un ambiente e importandole nell’altro.

Dopo aver esportato il file delle impostazioni globali, è possibile modificare le impostazioni in un editor XML o di testo. Tuttavia, le uniche impostazioni che è possibile modificare sono le impostazioni JChannelConnectionProperties, formViewOnly e specialRoutes. Per ulteriori informazioni, consulta Impostazioni globali di Workspace.

NOTA

Se si modificano le proprietà dell'evento nel file delle impostazioni globali, è necessario riavviare il server.

Importare una definizione di modello di ricerca

  1. Nella console di amministrazione, fai clic su Servizi > Area di lavoro > Amministrazione globale.
  2. Nella casella Importa definizione modello di ricerca fare clic su Scegli file e selezionare il modello di ricerca. È possibile importare solo le definizioni dei modelli di ricerca originariamente esportate da un’istanza di Workspace.
  3. Fai clic su Importa.

Esportare una definizione di modello di ricerca

  1. Nella pagina Amministrazione globale fare clic su Elenco tutto nella sezione Definizione del modello di ricerca Esportazione.

  2. Nell’elenco dei modelli di ricerca, seleziona il modello da esportare.

    NOTA

    È possibile selezionare più di un modello, ma viene esportato solo l’ultimo modello selezionato.

  3. Fare clic su Esporta, quindi salvare il file sul computer.

Importa impostazioni globali

  1. Nella pagina Amministrazione globale, in Importa impostazioni globali fare clic su Scegli file e selezionare il file di impostazioni globali. Il file delle impostazioni globali deve essere in formato XML.
  2. Fai clic su Importa.

Esporta impostazioni globali

  1. Nella pagina Amministrazione globale fare clic su Esporta impostazioni globali in Esporta impostazioni globali.
  2. Salvare il file sul computer.

Impostazioni globali di Workspace

È possibile modificare il file delle impostazioni globali; tuttavia, le uniche impostazioni che è possibile modificare sono le impostazioni JChannelConnectionProperties, formViewOnly e specialRoutes.

NOTA

Flex Workspace è obsoleto per AEM versione dei moduli.

Il file delle impostazioni globali di Workspace include le seguenti impostazioni:

impostazioni specialiRoutes

Le impostazioni specialRoutes specificano le proprietà delle route speciali, approvate e negate, in Workspace. In alcune situazioni, i pulsanti relativi a tali percorsi vengono visualizzati sulle schede attività in Workspace e l’utente può selezionarli senza aprire il modulo. È possibile modificare le impostazioni specialRoutes nel file delle impostazioni globali per aggiungere nomi personalizzati per l'approvazione e la negazione o per creare percorsi aggiuntivi.

client_specialRoutes_route_authorization_style: il nome dello stile che si trova nel tema Workspace, che identifica le icone dei pulsanti di approvazione. Lo stile deve includere valori per un’icona abilitata e disabilitata. Per definire uno stile per un pulsante personalizzato, è necessario utilizzare il modello seguente:
 .buttonApprove {  icon: Embed('images/LC_DirectApprove_Sm_N.png');  disabledIcon: Embed('images/LC_DirectApprove_Sm_D.png');  paddingLeft: 5;  } Il file CSS Workspace è incorporato nel file workspace-theme.swf, che si trova nel file adobe-workspace-client.ear > adobe-workspace-client.war . Per modificare l’aspetto di Workspace, è necessario ricompilare il file workspace-theme.swf.

client_specialRoutes_Route_deny_names: La varietà di stringhe che un utente di Workbench può utilizzare per essere interpretata come "negazione". Le stringhe distinguono tra maiuscole e minuscole. Ad esempio, il valore predefinito è deny. Se l’utente di Workbench utilizza la parola Rifiuta in un processo, la parola non verrà riconosciuta. Per personalizzare il pulsante di route è necessario aggiungere la parola Rifiuta a questa impostazione e applicare lo stile al pulsante.

client_specialRoutes_Route_deny_style: Il nome dello stile che si trova nel file tema Workspace, che identifica le icone del pulsante di rifiuto. Lo stile deve includere valori per un’icona abilitata e disabilitata. Per definire uno stile per un pulsante personalizzato, è necessario utilizzare il modello seguente:
  .buttonDeny {   icon: Embed('images/LC_DirectDeny_Sm_N.png');   disabledIcon: Embed('images/LC_DirectDeny_Sm_D.png');   paddingLeft: 0;   } client_specialRoutes_Route_authorization_names: La varietà di stringhe che un utente di Workbench può utilizzare per essere interpretata come “approvata”. Le stringhe distinguono tra maiuscole e minuscole. Ad esempio, il valore predefinito è Approvato. Se l’utente di Workbench utilizza la parola Approva in un processo, la parola non verrà riconosciuta. Per personalizzare il pulsante di route, è necessario aggiungere la parola Approva a questa impostazione e applicare lo stile desiderato.

client_specialRoutes_names: le chiavi utilizzate per individuare il valore stringa personalizzato dai file di risorse. Ogni voce in questa impostazione deve includere i valori per i nomi e lo stile.

Impostazioni del gruppo di lavoro

Queste impostazioni vengono visualizzate solo se si è eseguito l'aggiornamento da Adobe LiveCycle ES 2.5 o versioni precedenti.

server_remoteevents_ClientTimeoutMilliseconds: il tempo massimo in cui il gruppo JG attende i messaggi evento. Questa impostazione non deve essere modificata.

server_remoteevents_ServerTimeoutMilliseconds: timeout per la ricezione dei messaggi JGroup sul server. Questa opzione imposta il ritardo per l’invio dei messaggi dal server al client.

server_remoteevents_JChannelConnectionProperties: le proprietà di connessione del gruppo JGroup utilizzate per comunicare tra il server (in cui un evento di servizio viene elaborato dal servizio RemoteEvent) e tutte le istanze di Workspace.

Potrebbe essere necessario modificare i valori UDP per l'indirizzo IP multicast (mcast_addr), la porta IP multicast (mcast_port) e il TTL per i pacchetti multicast (ip_ttl). Per impostazione predefinita, i valori dell'indirizzo IP multicast e della porta vengono generati in modo casuale e, in genere, non è necessario modificare i valori. Tuttavia, se la tua azienda dispone di criteri di rete relativi a intervalli multicast specifici per gli indirizzi IP multicast, potrebbe essere necessario modificare i valori.

NOTA

Il TTL deve essere maggiore del numero di switch di rete tra i server del cluster; tuttavia, se il valore è troppo alto, può causare il trasferimento dei pacchetti multicast nelle subnet, dove verranno scartati.

Le proprietà rimanenti in questa impostazione non devono essere modificate.

server_remoteevents_JGroupName: il nome del gruppo JG utilizzato per la comunicazione degli eventi remoti. Questo valore viene generato in modo casuale per evitare conflitti nei cluster. Questo valore non deve essere modificato.

impostazioni formView

client_formView_openFormInFullScreen: per visualizzare tutti i moduli in Workspace in modalità a schermo intero, imposta questa opzione su true. Per impostazione predefinita, questa opzione è impostata su false e i moduli non vengono visualizzati in modalità a schermo intero. Il servizio Utente contiene un'opzione per aprire il documento associato a un'attività in modalità a schermo intero. Questo consente di controllare la visualizzazione in base al processo.

client_route_formViewOnly: se è impostato su True, le route non vengono visualizzate nella vista a schede o a elenco in Workspace. Il valore predefinito è False, il che significa che le route vengono visualizzate nella vista a schede e nella vista a elenco.

Altre impostazioni

client_mimeTypes_openOutsideBrowser: il tipo MIME di documenti che verranno aperti al di fuori dell’istanza del browser Workspace. Se i processi della tua organizzazione richiedono un tipo MIME aggiuntivo, specificalo qui. I valori predefiniti sono:

  • application/msword
  • application/msexcel
  • application/ms-powerpoint

client_customUI_caching: memorizza nella cache un’interfaccia utente personalizzata per l’attività.

server_debugLevel: non modificare questa impostazione.

client_pollingInterval: imposta l'intervallo di polling (in secondi) utilizzato in Flex Workspace (obsoleto per i moduli AEM su JEE) per rilevare le attività nuove e modificate. Il valore predefinito è 3 secondi. Questo non funziona per AEM Forms Workspace.

client_systemContext_name: specifica un nome personalizzato (ad esempio, cittadino) da visualizzare nel campo Aggiunto da (nella scheda Allegati) per gli allegati di un'attività in AEM Forms Workspace.

Per definire il nome personalizzato:

<client_systemContext_name>[custom name to display]</client_systemContext_name>

NOTA

Per l'applicazione Demo, il nome visualizzato predefinito è Citizen. Per un'applicazione personalizzata creata, il nome visualizzato predefinito è Account di contesto di sistema.

In questa pagina