Installazione personalizzata indipendente

Questa sezione descrive le opzioni disponibili durante l'installazione di un'istanza AEM autonoma. Per ulteriori informazioni sulla scelta del tipo di storage di back-end dopo aver installato AEM 6, è inoltre possibile leggere Storage Elements .

Modifica del numero di porta rinominando il file

La porta predefinita per AEM è 4502. Se la porta non è disponibile o è già in uso, Quickstart si configura automaticamente per utilizzare il primo numero di porta disponibile, come segue: 4502, 8080, 8081, 8082, 8083, 8084, 8085, 8888, 9362, <random>.

Potete anche impostare il numero di porta rinominando il file JAR di QuickStart in modo che il nome del file includa il numero di porta; ad esempio cq5-publish-p4503.jar o cq5-author-p6754.jar.

Quando si rinomina il file Jar di QuickStart è necessario attenersi a diverse regole:

  • Quando si rinomina il file, questo deve iniziare con cq; come in cq5-publish-p4503.jar.

  • Si consiglia di assegnare sempre il prefisso -p al numero di porta; come in cq5-publish-p4503.jar o cq5-author-p6754.jar.

Nota

Per evitare di dover rispettare le regole utilizzate per l'estrazione del numero di porta:

  • il numero di porta deve essere di 4 o 5 cifre
  • queste cifre devono essere riportate dopo un trattino
  • se nel nome del file sono presenti altre cifre, il numero della porta deve avere il prefisso -p
  • il prefisso "cq5" all’inizio del nome del file viene ignorato
Nota

È inoltre possibile modificare il numero di porta utilizzando l' -port opzione nel comando start.

Modalità di esecuzione

Le modalità di esecuzione consentono di sintonizzare l’istanza AEM per uno scopo specifico; ad esempio, autore o pubblicazione, test, sviluppo, Intranet ecc. Queste modalità consentono anche di controllare l’utilizzo di contenuti campione. Questo contenuto di esempio viene definito prima della creazione dell'avvio rapido e può includere pacchetti, configurazioni e così via. Questa funzione può essere particolarmente utile per le installazioni pronte per la produzione, quando si desidera mantenere l'installazione snella e senza contenuti campione. Per ulteriori informazioni, consultare:

Aggiunta di un provider di installazione file

Per impostazione predefinita, la cartella crx-quickstart/install viene controllata per i file.
Questa cartella non esiste, ma può essere creata semplicemente in fase di esecuzione.

Se in questa directory viene inserito un bundle, un pacchetto di configurazione o un pacchetto di contenuti, questo viene automaticamente rilevato e installato. Se viene rimosso, viene disinstallato.
È un altro modo per inserire pacchetti, pacchetti di contenuti o configurazioni nella directory archivio.

Questo è particolarmente interessante per diversi casi d'uso:

  • Durante lo sviluppo, potrebbe essere più semplice inserire qualcosa nel file system.
  • Se qualcosa va storto, la console Web e il repository non sono raggiungibili. Con questo è possibile inserire pacchetti aggiuntivi in questa directory e dovrebbero essere installati.
  • La crx-quickstart/install cartella può essere creata prima dell'avvio rapido e possono essere inseriti pacchetti aggiuntivi.
Nota

Per esempi, vedere anche Come installare automaticamente i pacchetti CRX all'avvio del server.

Installazione e avvio di Adobe Experience Manager come servizio Windows

Nota

Assicuratevi di eseguire la procedura seguente durante l'accesso come amministratore oppure di avviare/eseguire questi passaggi tramite la selezione del menu di scelta rapida Esegui come amministratore .

L'accesso come utente con privilegi di amministratore è insufficiente. Se non avete eseguito l'accesso come amministratore al completamento di questi passaggi, ricevete errori Accesso negato .

Per installare e avviare AEM come servizio Windows:

  1. Aprite il file crx-quickstart\opt\helpers\instsrv.bat in un editor di testo.

  2. Se state configurando un server Windows a 64 bit, sostituite tutte le istanze di prunsrv con uno dei seguenti comandi, in base al sistema operativo in uso:

    • prunsrv_amd64
    • prunsrv_ia64

    Questo comando richiama lo script appropriato che avvia il daemon del servizio Windows in Java a 64 bit anziché in Java a 32 bit.

  3. Per evitare che il processo si trasformi in più processi, aumentare la dimensione massima dell'heap e i parametri JVM PermGen. Individuate il set jvm_options comando e impostate il valore come segue:

    set jvm_options=-XX:MaxPermSize=256M;-Xmx1792m

  4. Aprite il prompt dei comandi, modificate la directory corrente nella cartella crx-quickstart/opt/helpers dell'installazione AEM, quindi immettete il comando seguente per creare il servizio:

    instsrv.bat cq5

    Per verificare che il servizio sia stato creato, aprire Servizi nel pannello di controllo Strumenti di amministrazione o digitare start services.msc in Prompt dei comandi. Il servizio cq5 viene visualizzato nell’elenco.

  5. Avviate il servizio effettuando una delle seguenti operazioni:

    • Nel pannello di controllo Servizi, fate clic su cq5 e fate clic su Avvia.

    chlimage_1-71

    • Nella riga di comando, digitare net start cq5.

    chlimage_1-72

  6. Windows indica che il servizio è in esecuzione. AEM viene avviato e l'eseguibile prunsrv viene visualizzato in Task Manager. Nel browser Web, andate a AEM, ad esempio, http://localhost:4502 per iniziare a utilizzare AEM.

    chlimage_1-73

Nota

I valori delle proprietà nel file instsrv.bat vengono utilizzati durante la creazione del servizio Windows. Se modificate i valori delle proprietà in instsrv.bat, dovete disinstallare e reinstallare il servizio.

Nota

Durante l'installazione di AEM come servizio, dovete fornire il percorso assoluto per la directory dei registri in com.adobe.xmp.worker.files.ncomm.XMPFilesNComm da Configuration Manager.

Per disinstallare il servizio, fare clic su Interrompi nel pannello di controllo Servizi o nella riga di comando, passare alla cartella e digitare instsrv.bat -uninstall cq5. Il servizio viene rimosso dall'elenco nel pannello di controllo Servizi o dall'elenco nella riga di comando quando si digita net start.

Ridefinizione della posizione della directory di lavoro temporaneo

Il percorso predefinito della cartella temporanea del computer Java è /tmp. AEM utilizza anche questa cartella, ad esempio per la creazione di pacchetti.

Se si desidera modificare la posizione della cartella temporanea (ad esempio, se è necessaria una directory con più spazio libero), definire una <new-tmp-path> aggiungendo il parametro JVM:

-Djava.io.tmpdir="/<new-tmp-path>"

a:

  • la riga di comando di avvio del server
  • parametro di ambiente CQ_JVM_OPTS nello script serverctl o start

Ulteriori opzioni disponibili nel file Quickstart

Ulteriori opzioni e convenzioni di ridenominazione sono descritte nel file della guida di Quickstart, disponibile tramite l'opzione -help. Per accedere alla guida, digitare:

  • java -jar cq5-<version>.jar -help
Loading quickstart properties: default
Loading quickstart properties: instance
Setting properties from filename '/Users/Desktop/AEM/cq-quickstart-5.6.0.jar'
--------------------------------------------------------------------------------
Adobe Experience Manager Quickstart (build 20130129)                            
--------------------------------------------------------------------------------
Usage:                                                                          
 Use these options on the Quickstart command line.                              
--------------------------------------------------------------------------------

-help (--help,-h)
         Show this help message                                                 
-quickstart.server.port (-p,-port) <port>
         Set server port number                                                 
-contextpath (-c,-org.apache.felix.http.context_path) <contextpath>
         Set context path                                                       
-debug <port>
         Enable Java Debugging on port number; forces forking                   
-gui 
         Show GUI if running on a terminal                                      
-nobrowser (-quickstart.nobrowser)
         Do not open browser at startup                                         
-unpack
         Unpack installation files only, do not start the server (implies       
         -verbose)                                                              
-v (-verbose)
         Do not redirect stdout/stderr to files and do not close stdin          
-nofork
         Do not fork the JVM, even if not running on a console                  
-fork
         Force forking the JVM if running on a console, using recommended       
         default memory settings for the forked JVM.                            
-forkargs <args> [<args> ...]
         Additional arguments for the forked JVM, defaults to '-Xmx1024m        
         -XX:MaxPermSize=256m '.  Use -- to specify values starting with -,     
         example: '-forkargs -- -server'                                        
-a (--interface) <interface>
         Optional IP address (interface) to bind to                             
-pt <string>
         Process type (main/fork) - do not use directly, used when forking a    
         process                                                                
-r <string> [<string> [<string> [<string> [<string> [<string> [<string> [<string> [<string> [<string>]]]]]]]]]
         Runmode(s) - Use this to define the run mode(s)                        
-b <string>
         Base folder - defines the path under which the quickstart work folder  
         is created                                                             
-low-mem-action <string>
         Low memory action - what to do if memory is insufficient at startup    
-use-control-port
         Start a control port                                                   
-ll <level>
         Define launchpad log level (1 = error...4 = debug)                     
--------------------------------------------------------------------------------
Quickstart filename options                                                     
--------------------------------------------------------------------------------
Usage:                                                                          
 Rename the jar file, including one of the patterns shown below, to set the     
corresponding option. Command-line options have priority on these filename      
patterns.                                                                       
--------------------------------------------------------------------------------

-NNNN
         Include -NNNN.jar or -pNNNN in the renamed jar filename to run on port 
         NNNN, for example: quickstart-8085.jar                                 
-nobrowser
         Include -nobrowser in the renamed jar filename to avoid opening the    
         browser at startup, example: quickstart-nobrowser-8085.jar             
-publish
         Include -publish in the renamed jar filename to run cq5 in "publish"   
         mode, example: cq5-publish-7502.jar                                    
--------------------------------------------------------------------------------
The license.properties file
--------------------------------------------------------------------------------
  The license.properties file stores licensing information, created from the    
  licensing form displayed on first startup and stored in the folder from where 
  Quickstart is run.                                                            
--------------------------------------------------------------------------------
Log files
--------------------------------------------------------------------------------
  Once Quickstart has been unpacked and started, log files can be found under   
  ./crx-quickstart/logs.                                                        
--------------------------------------------------------------------------------

Installazione di AEM nell'ambiente Amazon EC2

Durante l'installazione di AEM su un'istanza di Amazon Elastic Compute Cloud (EC2) , se si installano sia l'autore che la pubblicazione sull'istanza EC2, l'istanza Author viene installata correttamente seguendo la procedura per installare un'istanza di AEM; tuttavia, l’istanza Pubblica diventa Autore.

Prima di installare l’istanza Pubblica nell’ambiente EC2, effettuate le seguenti operazioni:

  1. Decomprimete il file jar per l’istanza Pubblica prima di avviare l’istanza per la prima volta. Per decomprimere il file, utilizzare il comando seguente:

    java -jar quickstart.jar -unpack
    
    Nota

    Se si modifica la modalità dopo l'avvio dell'istanza la prima volta, non è possibile modificare la modalità di esecuzione.

  2. Avviare l'istanza eseguendo:

    java -jar quickstart.jar -r publish
    
    ATTENZIONE

    Prima di eseguire l'istanza dopo averlo decompresso, eseguire il comando precedente. In caso contrario, il riempimento quickstart.properties non verrà generato. Senza questo file, eventuali aggiornamenti futuri AEM non funzioneranno.

  3. Nella cartella bin , aprite lo script start e verificate la sezione seguente:

    # runmode(s)
    if [ -z "$CQ_RUNMODE" ]; then
     CQ_RUNMODE='author'
    fi
    
  4. Modificate la modalità di esecuzione per pubblicare e salvare il file.

    # runmode(s)
    if [ -z "$CQ_RUNMODE" ]; then
     CQ_RUNMODE='publish'
    fi
    
  5. Arrestate l'istanza e riavviatela eseguendo lo script start .

Verifica dell’installazione

I seguenti collegamenti possono essere utilizzati per verificare che l'installazione sia operativa (tutti gli esempi si basano sul fatto che l'istanza è in esecuzione sulla porta 8080 del localhost, che CRX è installato in /crx e Launchpad in /):

  • http://localhost:8080/crx/de

    La console CRXDE Lite.

  • http://localhost:8080/system/console

    Console Web.

Azioni dopo l’installazione

Anche se esistono molte possibilità di configurare AEM WCM, alcune azioni devono essere intraprese, o almeno revisionate immediatamente dopo l'installazione:

  • Consultate l' elenco di controllo della sicurezza per verificare che il sistema rimanga protetto.
  • Esaminate l'elenco degli utenti e dei gruppi predefiniti installati con AEM WCM. Per ulteriori informazioni, consulta Sicurezza e amministrazione utenti.

Accesso a CRXDE Lite e console Web

Una volta avviato AEM WCM, potete accedere anche a:

  • CRXDE Lite : utilizzato per accedere e gestire l'archivio
  • Console Web: utilizzata per gestire o configurare i bundle OSGi (detta anche console OSGi)

Accesso a CRXDE Lite

Per aprire il CRXDE Lite, potete selezionare il CRXDE Lite dalla schermata di benvenuto o utilizzare il browser per passare a

 https://<<i>host</i>>:<<i>port</i>>/crx/de/index.jsp

Ad esempio:
http://localhost:4502/crx/de/index.jsp ``

installcq_crxdelite

Accesso alla console Web

Per accedere alla console Web di Adobe CQ potete selezionare Console ​OSGi dalla schermata introduttiva oppure utilizzare il browser per accedere a

 https://<<i>host</i>>:<<i>port</i>>/system/console

Ad esempio:
http://localhost:4502/system/console
o per la pagina Bundle
http://localhost:4502/system/console/bundles

chlimage_1-74

Per ulteriori informazioni, consulta Configurazione OSGi con la console Web.

Risoluzione dei problemi

Per informazioni su come risolvere i problemi che possono verificarsi durante l'installazione, vedete:

Uninstalling Adobe Experience Manager

Poiché AEM installato in una singola directory, non è necessario installare un'utilità di disinstallazione. La disinstallazione può essere semplice come l'eliminazione dell'intera directory di installazione, anche se la modalità di disinstallazione AEM dipende da ciò che si desidera ottenere e da quale archivio permanente si utilizza.

Se la memorizzazione persistente è incorporata nella directory di installazione, ad esempio, nell'installazione predefinita di TarPM, l'eliminazione di cartelle rimuove anche i dati.

Nota

Adobe consiglia vivamente di eseguire il backup del repository prima di eliminare AEM. Se si elimina l'intero <cq-install-directory>, si elimina il repository. Per conservare i dati del repository prima di eliminare, spostare o copiare la cartella <cq-install-directory>/crx-quickstart/repository altrove prima di eliminare le altre cartelle.

Se l'installazione di AEM utilizza un archivio esterno, ad esempio un server di database, la rimozione della cartella non rimuove automaticamente i dati, ma rimuove la configurazione di storage, il che rende difficile il ripristino del contenuto JCR.

In questa pagina