Abilitazione di Asset Insights tramite DTM

Adobe Dynamic Tag Management è uno strumento che attiva i tuoi strumenti di marketing digitale. È disponibile gratuitamente per i clienti Adobe Analytics. Puoi personalizzare il codice di tracciamento per abilitare soluzioni CMS di terze parti all’utilizzo di Asset Insights oppure puoi utilizzare DTM per inserire i tag Asset Insights. Gli approfondimenti sono supportati e forniti solo per le immagini.

ATTENZIONE

Adobe DTM è obsoleto a favore di Adobe Experience Platform Launch e raggiungerà presto la fine del ciclo di vita. Adobe consiglia di utilizzare Launch per informazioni sulle risorse.

Esegui questi passaggi per abilitare Asset Insights tramite DTM:

  1. Tocca/fai clic sul logo AEM e vai a Strumenti > Risorse > Configurazione approfondimenti.

  2. Configurare AEM'istanza con il Cloud Service DTM

    Il token API deve essere disponibile una volta effettuato l'accesso a https://dtm.adobe.com e visita Impostazioni account dall'icona Profilo. Questo passaggio non è necessario dal punto di vista di Asset Insights, perché l’integrazione di AEM Sites con Asset Insights è ancora in corso.

  3. Accedi a https://dtm.adobe.com e seleziona una Società, a seconda dei casi.

  4. Creare/aprire una proprietà Web esistente

    • Seleziona la scheda Proprietà web , quindi tocca o fai clic su Aggiungi proprietà.
    • Aggiorna i campi come appropriato e tocca o fai clic su Crea proprietà (consulta documentazione).

    chlimage_1-193

  5. Nella scheda Regole , seleziona Regole di caricamento pagina dal riquadro di navigazione e tocca o fai clic su Crea nuova regola.

    chlimage_1-194

  6. Espandi Javascript /Tag di terze parti. Quindi tocca/fai clic su Aggiungi nuovo script nella scheda HTML sequenziale per aprire la finestra di dialogo Script.

    chlimage_1-195

  7. Tocca/fai clic sul logo AEM e vai a Strumenti > Risorse.

  8. Tocca o fai clic su Tracciamento pagina approfondimenti, copia il codice di tracciamento, quindi incollalo nella finestra di dialogo Script aperta al passaggio 6. Salva le modifiche.

    NOTA
    • AppMeasurement.js è stato rimosso. È previsto che sia disponibile tramite lo strumento Adobe Analytics di DTM.
    • La chiamata a assetAnalytics.dispatcher.init() viene rimossa. La funzione deve essere chiamata una volta terminato il caricamento dello strumento Adobe Analytics di DTM.
    • A seconda della posizione in cui è ospitato Asset Insights Page Tracker (ad esempio AEM, CDN e così via), l’origine dell’origine dello script potrebbe richiedere modifiche.
    • Per il tracciamento pagina ospitato da AEM, l'origine deve puntare a un'istanza di pubblicazione utilizzando il nome host dell'istanza del dispatcher.
  9. Apri https://dtm.adobe.com. Fai clic su Panoramica nella proprietà web e fai clic su Aggiungi strumento o apri uno strumento Adobe Analytics esistente. Durante la creazione dello strumento, è possibile impostare il metodo di configurazione su Automatico.

    chlimage_1-196

    Seleziona le suite di rapporti Staging/Produzione , a seconda dei casi.

  10. Espandi Library Management e assicurati che Load Library at sia impostato su Page Top.

    chlimage_1-197

  11. Espandi Personalizza codice pagina e tocca o fai clic su Apri editor.

    chlimage_1-198

  12. Incolla il seguente codice nella finestra:

    var sObj;
    
    if (arguments.length > 0) {
      sObj = arguments[0];
    } else {
      sObj = _satellite.getToolsByType('sc')[0].getS();
    }
    _satellite.notify('in assetAnalytics customInit');
    (function initializeAssetAnalytics() {
      if ((!!window.assetAnalytics) && (!!assetAnalytics.dispatcher)) {
        _satellite.notify('assetAnalytics ready');
        /** NOTE:
            Copy over the call to 'assetAnalytics.dispatcher.init()' from Assets Pagetracker
            Be mindful about changing the AppMeasurement object as retrieved above.
        */
        assetAnalytics.dispatcher.init(
              "",  /** RSID to send tracking-call to */
              "",  /** Tracking Server to send tracking-call to */
              "",  /** Visitor Namespace to send tracking-call to */
              "",  /** listVar to put comma-separated-list of Asset IDs for Asset Impression Events in tracking-call, e.g. 'listVar1' */
              "",  /** eVar to put Asset ID for Asset Click Events in, e.g. 'eVar3' */
              "",  /** event to include in tracking-calls for Asset Impression Events, e.g. 'event8' */
              "",  /** event to include in tracking-calls for Asset Click Events, e.g. 'event7' */
              sObj  /** [OPTIONAL] if the webpage already has an AppMeasurement object, please include the object here. If unspecified, Pagetracker Core shall create its own AppMeasurement object */
              );
        sObj.usePlugins = true;
        sObj.doPlugins = assetAnalytics.core.updateContextData;
        assetAnalytics.core.optimizedAssetInsights();
      }
      else {
        _satellite.notify('assetAnalytics not available. Consider updating the Custom Page Code', 4);
      }
    })();
    
    • La regola di caricamento della pagina in DTM include solo il codice pagetracker.js . Tutti i campi assetAnalytics sono considerati sostituzioni per i valori predefiniti. Non sono richieste per impostazione predefinita.

    • Il codice chiama assetAnalytics.dispatcher.init() dopo aver verificato che _satellite.getToolsByType('sc')[0].getS() sia inizializzato e che assetAnalytics,dispatcher.init sia disponibile. Pertanto, puoi saltare l’aggiunta al passaggio 11.

    • Come indicato nei commenti all'interno del codice di tracciamento pagina approfondimenti (Strumenti > Risorse > Tracciamento pagina approfondimenti), quando il tracciatore pagina non crea un oggetto AppMeasurement, i primi tre argomenti (RSID, Server di tracciamento e Spazio dei nomi dei visitatori) sono irrilevanti. Vengono invece passate stringhe vuote per evidenziarle.

      Gli argomenti rimanenti corrispondono a ciò che è configurato nella pagina Configurazione approfondimenti (Strumenti > Risorse > Configurazione approfondimenti).

    • L'oggetto AppMeasurement viene recuperato eseguendo una query su satelliteLib per tutti i motori di SiteCatalyst disponibili. Se sono configurati più tag, modificare opportunamente l’indice del selettore dell’array. Le voci dell'array sono ordinate in base agli strumenti di SiteCatalyst disponibili nell'interfaccia DTM.

  13. Salvare e chiudere la finestra Editor di codice, quindi salvare le modifiche nella configurazione dello strumento.

  14. Nella scheda Approvazioni , approva entrambe le approvazioni in sospeso. Il tag DTM è pronto per essere inserito nella pagina web. Per informazioni dettagliate su come inserire tag DTM nelle pagine web, consulta Integrazione di DTM nei modelli di pagina personalizzati.

In questa pagina