Localizzazione della stringa di testo

La localizzazione delle stringhe di testo consente ai cataloghi di immagini di contenere più rappresentazioni specifiche delle impostazioni internazionali per lo stesso valore stringa.

Il server restituisce al client la rappresentazione che corrisponde alle impostazioni internazionali specificate con locale=, evitando così la localizzazione lato client e consentendo alle applicazioni di cambiare impostazioni internazionali semplicemente inviando il valore locale= appropriato con le richieste di testo IS.

Ambito

La localizzazione delle stringhe di testo viene applicata a tutti gli elementi stringa che includono il token di localizzazione ^loc= *locId*^ nei seguenti campi di catalogo:

Campo catalogo Elemento stringa nel campo

catalogo::ImageSet

Qualsiasi sottoelemento contenente una stringa traducibile (delimitata da qualsiasi combinazione di separatori ',' ';' ':' e/o l'inizio/fine del campo).

Un valore di colore 0xrggbb all'inizio di un campo localizzabile è escluso dalla localizzazione e trasmesso senza modifiche.

catalogo::Mappa

Qualsiasi valore di attributo tra virgolette singole o doppie, ad eccezione dei valori degli attributi coords= e shape= .

catalogo::Target

Il valore di qualsiasi destinazione .*.label e target.*.userdata proprietà .

catalogo::UserData

Il valore di qualsiasi proprietà.

Sintassi stringa

Gli elementi string abilitati per la localizzazione nel catalogo immagini sono costituiti da una o più stringhe localizzate, ciascuna precedute da un token di localizzazione.

stringElement

[ defaultString ]*{ localizationToken localizedString }

localizationToken

^loc= locStr ^

locId

ID locale interno per localizedString dopo questo localizationToken .

localizedString

Stringa localizzata.

defaultString

Stringa da utilizzare per le impostazioni internazionali sconosciute.

locId deve essere ASCII e non può includere '^'.

'^' può trovarsi in qualsiasi punto delle sottostringhe con o senza codifica HTTP. Il server corrisponde all’intero pattern localizationToken ^loc=locId^ per separare le sottostringhe.

stringElements che non includono almeno uno non localizationToken sono considerati per la localizzazione.

La mappa di traduzione

attribute::LocaleStrMap definisce le regole utilizzate dal server per determinare quali localizedStrings restituire al client. È costituito da un elenco di input locales (che corrisponde ai valori specificati con locale=), ciascuno con nessuno o più ID locali interni ( locId). Ad esempio:

attribute::LocaleStrMap= en,E|nl,N|de,D|,

I valori vuoti locId indicano che deve essere restituito defaultString, se disponibile.

Per ulteriori informazioni, fare riferimento alla descrizione di attribute::LocaleStrMap .

Il processo di traduzione

Data la mappa di traduzione di esempio sopra e la richiesta /is/image/myCat/myItem?req=&locale=nl, il server cerca prima " nl" nella mappa delle impostazioni locali. La voce corrispondente nl,N indica che per ogni stringElement deve essere restituito il localizedString contrassegnato con ^loc=N^. Se questo localizationToken non è presente nel stringElement, viene restituito un valore vuoto.

Supponiamo che catalog::UserData per myCat/myItem contenga quanto segue (per chiarezza vengono inserite le interruzioni di riga):

val1=111?? str1=Default1^loc=N^Dutch1^loc=D^German1?? val2=value2?? str2=^loc=E^English2^loc=N^Dutch2^loc=D^German2?? str3=Default3^loc=N^Dutch3^loc=D^German3

Il server restituirà quanto segue in risposta alla nostra richiesta di esempio:

val1=111 str1=Dutch1 val2=value2 str2=Dutch2 str3=Dutch3

Impostazioni internazionali sconosciute

Nell'esempio precedente, attribute::LocaleStrMap ha una voce con un valore locale vuoto. Il server utilizza questa voce per gestire tutti i valori locale= che non sono specificati in modo esplicito nel mapping di traduzione.

La mappa di traduzione di esempio specifica che in questo caso il valore defaultString deve essere restituito se disponibile. Pertanto, se questa mappa di traduzione fosse applicata alla richiesta /is/image/myCat/myItem?req=&locale=ja, verrebbe restituito quanto segue:

val1=111 str1=Default1 val2=value2 str2= str3=Default3

Esempi

Famiglie di lingue

Più valori locId possono essere associati a ciascun locale nella mappa di traduzione. Questo consente di supportare varianti specifiche per paese o regione (ad esempio Inglese USA e Inglese Regno Unito) per selezionare stringElements mentre si gestiscono la maggior parte dei contenuti con impostazioni internazionali di base comuni (ad esempio Inglese Internazionale).

Per il nostro esempio, vogliamo aggiungere il supporto per l’inglese specifico per gli Stati Uniti ( *locId* EUS) e per l’inglese specifico per il Regno Unito ( *locId* EUK), per supportare l’ortografia alternativa occasionale. Se EUK o EUS non esistono, torneremo a E. Allo stesso modo, le varianti tedesche specifiche austriache ( DAT) potrebbero essere rese disponibili quando necessario, mentre restituiscono il tedesco comune localizedStrings (contrassegnato con D) la maggior parte del tempo.

attribute::LocaleStrMap dovrebbe essere così:

en,E|en_us,EUS,E|en_uk,EUK,E|de,D|de_at,DAT,D|de_de,D

La tabella seguente descrive l’output di alcune combinazioni rappresentative stringElement e locale :

stringElement locale

Stringa di output

^loc=E^Inglese^loc=D^Tedesco

en,en_us, en_uk

de, de_at, de_de

tutti gli altri

Inglese

Tedesco

-

^loc=E^Inglese^loc=UKE^Inglese UK^loc=D^Tedesco^loc=DAT^Austriaco

en_us

en_uk

de, de_de

de_at

tutti gli altri

Inglese

Inglese (Regno Unito)

Tedesco

austriaco

-

^ loc=en^English^loc=USE^US-English^loc=D^German^loc=DDE^Deutsch

Per questo esempio, il codice locId DDE non esiste nell'attributo ::LocaleStrMap e quindi la sottostringa associata a questo locId non viene mai restituita.

en_uk

en_us

de, de_at, de_de

tutti gli altri

Inglese

Inglese USA

Tedesco

-

In questa pagina

Adobe Summit Banner

A virtual event April 27-28.

Expand your skills and get inspired.

Register for free
Adobe Summit Banner

A virtual event April 27-28.

Expand your skills and get inspired.

Register for free
Adobe Maker Awards Banner

Time to shine!

Apply now for the 2021 Adobe Experience Maker Awards.

Apply now
Adobe Maker Awards Banner

Time to shine!

Apply now for the 2021 Adobe Experience Maker Awards.

Apply now