File di dati del catalogo

I file di dati del catalogo possono avere qualsiasi nome e suffisso file (eccetto .ini).

I file di dati del catalogo possono essere mantenuti rapidamente utilizzando applicazioni che supportano file di dati di testo delimitati da tabulazioni, come Microsoft Excel e Access.

Essenzialmente una tabella bidimensionale, un file di dati del catalogo è costituito da un record di intestazione che identifica le colonne di dati e qualsiasi numero di record di dati (righe). I campi sia nell'intestazione che nei record di dati sono separati da caratteri <TAB> singoli. I record sono separati da una singola <CR> (codice ASCII 0xD), una singola <LF> (codice ASCII 0xA) o una coppia <CR><LF>.

Il record di intestazione deve contenere i nomi esatti per ciascun campo di dati. I campi vuoti non sono consentiti nella riga di intestazione. I nomi dei campi dati non fanno distinzione tra maiuscole e minuscole. Tutti i nomi dei campi devono essere univoci.

Nei record di intestazione e dati non è consentito spazio vuoto diverso dai separatori di campo <TAB>.

Nei record di dati, due caratteri <TAB> adiacenti indicano un campo vuoto. I campi vuoti erediteranno i valori predefiniti dagli attributi del catalogo o dalle impostazioni predefinite del server.

I campi dati non devono contenere caratteri <CR>, <LF> o <TAB>, a meno che il valore dei dati non sia di tipo testo e sia racchiuso tra virgolette singole o doppie. I campi dati non devono essere codificati tramite HTTP.

Più valori di dati nello stesso campo sono separati da virgole (','), salvo diversa indicazione.

Colonne i cui nomi iniziano con '.' sono ignorate; questo consente di memorizzare i dati nei cataloghi dei materiali che non interessano il rendering delle immagini. Le colonne con nomi di intestazione sconosciuti vengono ignorate e nel file di registro viene scritto un avviso.

I nomi dei campi possono essere composti da qualsiasi combinazione di lettere ASCII, numeri, nonché "-" e "_".

È possibile utilizzare una o più colonne come chiavi di indice. Se la stessa chiave si verifica più volte nello stesso file di dati, prevarrà l'istanza successiva.

In questa pagina