Personalizzazione di un flusso di lavoro con parametri esterni

Una volta attivato il flusso di lavoro, i parametri vengono acquisiti nelle variabili degli eventi e possono essere utilizzati per personalizzare le attività del flusso di lavoro.

Possono, ad esempio, essere utilizzati per definire quale pubblico leggere nell'attività Read audience, il nome del file da trasferire nell'attività Transfer file, ecc. (vedere questa pagina).

Utilizzo delle variabili di eventi

Le variabili degli eventi vengono utilizzate all'interno di un'espressione che deve rispettare la sintassi Standard.

La sintassi per utilizzare le variabili evento deve seguire il formato seguente e utilizzare il nome del parametro definito nell'attività External signal (consulta Dichiarazione dei parametri nell'attività del segnale esterno):

$(vars/@parameterName)

In questa sintassi, la funzione $ restituisce il tipo di dati string. Per specificare un altro tipo di dati, utilizzare le seguenti funzioni:

  • $long: numero intero.
  • $float: numero decimale.
  • $booleano: true/false.
  • $datetime: timestamp.

Quando utilizzi una variabile in un’attività , l’interfaccia fornisce aiuto per richiamarla.

  • : seleziona la variabile degli eventi tra tutte le variabili disponibili nel flusso di lavoro.

  • : modifica le espressioni combinando variabili e funzioni (consulta questa pagina).

    Questo elenco fornisce funzioni che consentono di eseguire filtri complessi. Queste funzioni sono descritte in questa sezione.

    Inoltre, puoi utilizzare le funzioni seguenti, disponibili in tutte le attività che ti consentono di utilizzare variabili di eventi dopo aver chiamato un flusso di lavoro con parametri esterni (consulta questa sezione):

    Nome Descrizione Sintassi
    EndWith Indica se una stringa (primo parametro) termina con una stringa specifica (secondo parametro). EndWith(<Stringa>,<Stringa>)
    startWith Indica se una stringa (primo parametro) inizia con una stringa specifica (secondo parametro). startWith(<Stringa>,<Stringa>)
    Extract Restituisce i primi caratteri di una stringa utilizzando un separatore. Extract(<Stringa>,<Separatore>)
    ExtractRight Restituisce gli ultimi caratteri di una stringa utilizzando un separatore. ExtractRight(<Stringa>,<Separatore>)
    Formato data Formatta una data utilizzando il formato specificato nel secondo parametro (esempio: '%4Y%2M%2D') DateFormat(<Data>,<Formato>)
    NomeFile Restituisce il nome di un percorso di file. FileName(<Stringa>)
    FileExt Restituisce l'estensione di un percorso di file. FileExt(<Stringa>)
    GetOption Restituisce il valore della funzione specificata. GetOption(<nomeOpzione>)
    IsNull Indica se una stringa o una data è null. IsNull(<Stringa/data>)
    UrlUtf8Encode Codifica un URL in UTF8. UrlUtf8Encode(<Stringa>)

Personalizzazione delle attività con variabili di eventi

Le variabili di eventi possono essere utilizzate per personalizzare diverse attività, elencate nella sezione seguente. Per ulteriori informazioni su come chiamare una variabile da un'attività, consulta questa sezione.

Read audience attività: definisci il pubblico di cui eseguire il targeting in base alle variabili di eventi. Per ulteriori informazioni su come utilizzare l'attività, consulta questa sezione.

Test attività: crea condizioni in base alle variabili di eventi. Per ulteriori informazioni su come utilizzare l'attività, consulta questa sezione.

Transfer file attività: personalizzare il file da trasferire in base a variabili di eventi. Per ulteriori informazioni su come utilizzare l'attività, consulta questa sezione.

Query attività: è possibile fare riferimento ai parametri in una query utilizzando espressioni che combinano variabili di eventi e funzioni. A questo scopo, aggiungi una regola e fai clic sul collegamento Advanced mode per accedere alla finestra di modifica delle espressioni (consulta Modifica avanzata delle espressioni).

Per ulteriori informazioni su come utilizzare l'attività, consulta questa sezione.

Channels attività: personalizzare le consegne in base alle variabili degli eventi.

NOTA

I valori dei parametri di consegna vengono recuperati ogni volta che la consegna viene preparata.

La preparazione delle consegne ricorrenti si basa sul periodo di aggregazione consegna. Ad esempio, se il periodo di aggregazione è "per giorno", la consegna verrà preparata nuovamente solo una volta al giorno. Se il valore di un parametro di consegna viene modificato durante il giorno, non verrà aggiornato nella consegna, come è già stato preparato una volta.

Se prevedi di chiamare il flusso di lavoro più volte al giorno, utilizza l’opzione No aggregation in modo che i parametri di consegna vengano aggiornati ogni volta. Per ulteriori informazioni sulla configurazione delle consegne ricorrenti, consulta questa sezione.

Per personalizzare una consegna basata su variabili di eventi, devi prima dichiarare nell’attività di consegna le variabili che desideri utilizzare:

  1. Seleziona l’attività, quindi fai clic sul pulsante per accedere alle impostazioni.

  2. Seleziona la scheda General , quindi aggiungi le variabili di eventi che saranno disponibili come campi di personalizzazione nella consegna.

  3. Fai clic sul pulsante Confirm.

Le variabili di eventi dichiarati sono ora disponibili nell’elenco dei campi di personalizzazione. Puoi utilizzarli nella consegna per eseguire le azioni seguenti:

  • Definisci il nome del modello da utilizzare per la consegna.

    NOTA

    Questa azione è disponibile solo per le consegne ricorrenti .

  • Personalizza la consegna: quando selezioni un campo di personalizzazione per configurare una consegna, le variabili evento sono disponibili nell’elemento Workflow parameters . Puoi utilizzarli come qualsiasi campo di personalizzazione, ad esempio per definire l’oggetto della consegna, il mittente e così via.

    La personalizzazione della consegna è descritta in questa sezione.

Codici del segmento: definisci il codice del segmento in base alle variabili degli eventi.

NOTA

Questa azione può essere eseguita da qualsiasi attività che ti consente di definire un codice di segmento come, ad esempio, le attività Query o Segmentation.

Etichetta di consegna: definisci l’etichetta di consegna in base alle variabili degli eventi.

In questa pagina