Limitazioni della messaggistica transazionale

La sezione seguente elenca i limiti di cui dovreste essere consapevoli prima di iniziare a creare messaggi transazionali.

Per ulteriori informazioni sui messaggi transazionali, ad esempio su come configurarli e crearli, consulta Guida introduttiva ai messaggitransazionali.

IMPORTANTE

Per accedere ai messaggi transazionali, devi disporre di diritti di amministrazione.

Progettazione e pubblicazione

Durante la progettazione e la pubblicazione dei messaggi transazionali, non è possibile ripristinare alcuni dei passaggi da eseguire. Devi conoscere i seguenti limiti:

  • Puoi utilizzare un solo canale per ogni configurazione dell’evento. Vedi Creazione di un evento.
  • Dopo la creazione dell’evento, non puoi più cambiare il canale. Pertanto, se un messaggio non viene inviato correttamente, devi progettare il meccanismo che consenta di inviarlo da un altro canale utilizzando un flusso di lavoro. Vedi Dati e processi del flusso di lavoro.
  • Non puoi modificare la dimensione di targeting (Real-time event o Profile) dopo la creazione dell’evento. Vedi Creazione di un evento.
  • Non puoi ripristinare una pubblicazione, ma puoi annullare la pubblicazione di un evento: questa operazione rende inaccessibili l’evento e il messaggio transazionale associato. Vedi Annullamento della pubblicazione di un evento.
  • L’unico messaggio transazionale associabile a un evento è il messaggio creato automaticamente durante la pubblicazione dell’evento. Vedi Anteprima e pubblicazione dell’evento.

Personalizzazione

La modalità di personalizzazione del contenuto di un messaggio dipende dal tipo di messaggio transazionale. Le specifiche sono elencate di seguito.

Messaggi transazionali basati su eventi

  • Le informazioni sulla personalizzazione provengono dai dati contenuti nell’evento. Vedi Messaggi transazionali di evento.
  • You cannot use Unsubscription link content blocks in an event transactional message.
  • La messaggistica transazionale basata su eventi dovrebbe utilizzare solo i dati presenti nell’evento inviato per definire il destinatario e la personalizzazione del contenuto del messaggio. Tuttavia, puoi arricchire il contenuto del messaggio transazionale utilizzando le informazioni contenute nel database di Adobe Campaign. Consulta Arricchimento del contenuto dei messaggi transazionali.
  • Poiché i messaggi transazionali di evento non contengono informazioni sul profilo, non sono compatibili con le regole di affaticamento, nemmeno nel caso di un arricchimento tramite profili. Consulta Regole di affaticamento.

Messaggi transazionali basati su profili

Gli elenchi di prodotti sono disponibili solo nei messaggi e-mail transazionali. Vedi Utilizzo degli elenchi dei prodotti in un messaggio transazionale.

Autorizzazioni e branding

Per quanto riguarda la gestione del branding, la messaggistica transazionale offre una flessibilità inferiore rispetto a quella standard. Adobe consiglia di collegare tutti i brand utilizzati nei messaggi transazionali all’unità organizzativa All. Per ulteriori informazioni, consulta la spiegazione dettagliata qui di seguito.

Quando modifichi un messaggio transazionale, puoi collegarlo a un brand per applicare automaticamente alcuni parametri, ad esempio il nome o il logo del brand. L’opzione Default brand è selezionata per impostazione predefinita nelle proprietà dei messaggi transazionali.

Tutti gli oggetti (compreso il branding) utilizzati in un messaggio transazionale devono essere visibili dall’unità organizzativa Message Center, il che significa che questi oggetti devono trovarsi nelle unità organizzative Message Center o All.

Tuttavia, se il brand selezionato nelle proprietà del messaggio è collegato a un’unità organizzativa diversa da Message Center o All, si verifica un errore ed è impossibile inviare il messaggio transazionale.

Pertanto, se desideri utilizzare il multi-branding nel contesto dei messaggi transazionali, dovresti collegare tutti i brand all’unità organizzativa Message Center o all’unità organizzativa All.

Esportazione e importazione dei messaggi transazionali

In questa pagina