v7

Processo automatico di richiesta di accesso a dati personali

Ultimo aggiornamento: 2023-08-01
  • Argomenti:
  • Privacy
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento
  • Privacy Tools
    Visualizza ulteriori informazioni su questo argomento

Adobe Campaign fornisce un’API che consente di impostare un processo automatico di richiesta di accesso a dati personali.

Con l’API, il processo generale di accesso a dati personali è uguale al processo che si segue quando si utilizza l’interfaccia. L’unica differenza consiste nella creazione della richiesta di accesso a dati personali. Invece di creare la richiesta in Adobe Campaign, viene inviato a Campaign un POST contenente le informazioni sulla richiesta. Per ogni richiesta, viene aggiunta una nuova voce nella schermata Privacy Requests. I flussi di lavoro tecnici per la privacy elaborano quindi la richiesta, come per una richiesta aggiunta utilizzando l’interfaccia.

Se utilizzi l’API per inviare richieste di accesso a dati personali, ti consigliamo di lasciare attivato il processo in 2 fasi per le prime richieste di eliminazione, per poter verificare i dati restituiti. Al termine dei test, puoi disattivare il processo in due fasi in modo che il processo di richiesta di eliminazione possa essere eseguito automaticamente.

L’API JS CreateRequestByName è definita come segue.

NOTA

Se utilizzavi già l’API gdprRequest, puoi continuare a utilizzarla ma è consigliabile usare la nuova API privacyRequest.

IMPORTANTE

Per utilizzare l’API è necessario disporre dell’autorizzazione denominata Privacy Data Right.

<method library="nms:gdpr.js" name="CreateRequestByName" static="true">
 <help>Create a new GDPR Request using namespace internal name</help>
 <parameters>
  <param name="namespaceName" type="string" desc="Namespace internal name"/>
  <param name="reconciliationValue" type="string" desc="Reconciliation value"/>
  <param name="type" type="long" desc="Reconciliation value"/>
  <param name="confirmDeletePending" type="boolean" desc="Request confirm before deleting data"/>
  <param name="regulation" type="long" desc="regulation of newly created request"/>
  <param name="id" type="long" inout="out" desc="ID of newly created request"/>
 </parameters>
</method>
NOTA

Il campo “regulation” è disponibile solo se si utilizza Campaign Classic 20.2 (build 9178+).

Se stai eseguendo la migrazione alla versione 20.2 e stavi già utilizzando l’API, devi aggiungere il campo “regulation” come mostrato in precedenza. Se utilizzi una build precedente, puoi continuare a utilizzare l’API senza il campo “regulation”.

Richiamare l’API esternamente

Ecco un esempio di come richiamare l’API esternamente (autenticazione tramite l’API e dettagli specifici sull’API Privacy). Per ulteriori informazioni sull'API Privacy, consulta la documentazione API. È inoltre possibile consultare la documentazione sulle chiamate al servizio web.

Innanzitutto, devi eseguire l’autenticazione tramite l’API:

  1. Scarica il file WSDL xtk:session tramite questo URL: <server url>/nl/jsp/schemawsdl.jsp?schema=xtk:session.

  2. Utilizza il metodo “Logon” e passa un nome utente e una password come parametri nella richiesta. Riceverai una risposta contenente un token di sessione. Ecco un esempio che utilizza SoapUI.

  3. Utilizza il Token di sessione restituito come autenticazione per tutte le chiamate API successive. Scade dopo 24 ore.

Quindi invoca l’API Privacy:

  1. Scarica il file WSDL da questo URL: <server url>/nl/jsp/schemawsdl.jsp?schema=nms:privacyRequest.

  2. Utilizza CreateRequestByName per creare una richiesta di accesso a dati personali specifica.

    Di seguito è riportato un esempio che utilizza CreateRequestByName. Osserva come viene utilizzato il token di sessione fornito in precedenza come autenticazione. La risposta è l’ID della richiesta creata.

    Per aiutarti a eseguire i passaggi precedenti, considera quanto segue:

    • È possibile utilizzare queryDef nello schema nms:gdprRequest per controllare lo stato della richiesta di accesso.
    • È possibile utilizzare queryDef nello schema nms:gdprRequestData per ottenere il risultato della richiesta di accesso.
    • Per scaricare il file XML da “$(serverUrl)'/nms/gdpr.jssp?id='@id”, è necessario aver effettuato l’accesso e accedervi da un IP inserito nell’elenco Consentiti. A questo scopo, crea un’applicazione web che ti consenta di accedere al file generato da JSSP.

Richiamare l’API da un JS

Ecco un esempio di come richiamare l’API da un JS all’interno di Campaign Classic.

NOTA

Il campo “regulation” è disponibile solo se si utilizza Campaign Classic 20.2 (build 9178+).

Se stai eseguendo la migrazione alla versione 20.2 e stavi già utilizzando l’API, devi aggiungere il campo “regulation”. Se utilizzi una build precedente, puoi continuare a utilizzare l’API senza il campo “regulation”.

  • Se utilizzi una build precedente (con pacchetto GDPR), puoi continuare a utilizzare l’API senza il campo “regulation” come mostrato di seguito:

    loadLibrary("nms:gdpr.js");
    /****************************
    This code calls an API to create new Privacy request on the DB.
    It requires 4 parameters below.
    Feel free to change parameter values.
    ****************************/
    // 1. Namespace internal name
    var namespaceName = "defaultNamespace1";
    // 2. Reconciliation value for privacy request
    var reconciliationValue = "example@adobe.com";
    // 3. Privacy request type
    // GDPR_REQUEST_TYPE_ACCESS = 1;
    // GDPR_REQUEST_TYPE_DELETE = 2;
    var requestType = GDPR_REQUEST_TYPE_ACCESS;
    // 4. Confirm deleting data required.
    // value : true or false
    var ConfirmDeletePending = true;
    // BEGIN
    var requestId = nms.privacyRequest.CreateRequestByName(namespaceName, reconciliationValue, requestType, ConfirmDeletePending);
    // User can use a simple queryDef with requestID as a parameter to check request status.
    
  • Se stai eseguendo la migrazione a 20.2 e stavi già utilizzando l’API, devi aggiungere il campo “regulation” come mostrato di seguito:

    loadLibrary("nms:gdpr.js");
    /****************************
    This code calls an API to create new Privacy request on the DB.
    It requires 5 parameters below.
    Feel free to change parameter values.
    ****************************/
    // 1. Namespace internal name
    var namespaceName = "defaultNamespace1";
    // 2. Reconciliation value for privacy request
    var reconciliationValue = "example@adobe.com";
    // 3. Privacy request type
    // PRIVACY_REQUEST_TYPE_ACCESS = 1;
    // PRIVACY_REQUEST_TYPE_DELETE = 2;
    var requestType = PRIVACY_REQUEST_TYPE_ACCESS;
    // 4. Confirm deleting data required.
    // value : true or false
    var ConfirmDeletePending = true;
    // 5. Specify which regulation applies to newly created request. This is mandatory parameter.
    // GDPR = 1
    // CCPA = 2
    // PDPA = 3
    // LGPD = 4
    var regulation = 1;
    // BEGIN
    var requestId = nms.privacyRequest.CreateRequestByName(namespaceName, reconciliationValue, requestType, ConfirmDeletePending, regulation);
    // User can use a simple queryDef with requestID as a parameter to check request status.
    
  • Se utilizzi Campaign Classic 20.2 (build 9178+) o versione successiva, il campo “regulation” è facoltativo, come illustrato di seguito:

    loadLibrary("nms:gdpr.js");
    /****************************
    This code calls an API to create new Privacy request on the DB.
    It requires 5 parameters below.
    Feel free to change parameter values
    ****************************/
    // 1. Namespace internal name
    var namespaceName = "defaultNamespace1";
    // 2. Reconciliation value for privacy request
    var reconciliationValue = "example@adobe.com";
    // 3. Privacy request type
    // PRIVACY_REQUEST_TYPE_ACCESS = 1;
    // PRIVACY_REQUEST_TYPE_DELETE = 2;
    var requestType = PRIVACY_REQUEST_TYPE_ACCESS;
    // 4. Confirm deleting data required.
    // value : true or false
    var ConfirmDeletePending = true;
    // 5. Specify which regulation applies to newly created request. This is optional parameter.
    // GDPR = 1
    // CCPA = 2
    // PDPA = 3
    // LGPD = 4
    var regulation = 1;
    // BEGIN
    var requestId = nms.privacyRequest.CreateRequestByName(namespaceName, reconciliationValue, requestType, ConfirmDeletePending, regulation);
    // User can use a simple queryDef with requestID as a parameter to check request status.
    

In questa pagina