Sincronizzazione dei dati tra Campaign e CRM

La sincronizzazione dei dati tra Adobe Campaign e il CRM viene eseguita tramite un’attività di flusso di lavoro dedicata: Connettore CRM.

Ad esempio, per importare i dati di Microsoft Dynamics in Adobe Campaign, crea il seguente tipo di flusso di lavoro:

Questo flusso di lavoro importa i contatti tramite Microsoft Dynamics, li sincronizza con i dati esistenti di Adobe Campaign, elimina i contatti duplicati e aggiorna il database di Adobe Campaign.

Per sincronizzare i dati è necessario configurare l’attività CRM Connector .

Con questa attività puoi:

Seleziona l'account esterno che corrisponde al CRM con cui desideri configurare la sincronizzazione, quindi seleziona l'oggetto da sincronizzare: account, opportunità, lead, contatti, ecc.

La configurazione di questa attività dipende dal processo da eseguire. Di seguito sono descritte diverse configurazioni.

Importazione da CRM

Per importare dati tramite il CRM in Adobe Campaign, devi creare il seguente tipo di flusso di lavoro:

Per un’attività di importazione, i passaggi di configurazione dell’attività CRM Connector sono i seguenti:

  1. Selezionare un'operazione Import from the CRM.

  2. Vai all'elenco a discesa Remote object e seleziona l'oggetto interessato dal processo. Questo oggetto coincide con una delle tabelle create in Adobe Campaign durante la configurazione del connettore.

  3. Vai alla sezione Remote fields e immetti i campi da importare.

    Per aggiungere un campo, fai clic sul pulsante Add nella barra degli strumenti, quindi fai clic sull'icona Edit expression .

    Se necessario, modifica il formato dei dati tramite l’elenco a discesa delle colonne Conversion . I possibili tipi di conversione sono descritti in Formato dati.

    IMPORTANTE

    L'identificatore del record nel CRM è obbligatorio per il collegamento di oggetti in CRM e in Adobe Campaign. Viene aggiunto automaticamente quando la casella viene approvata.

    Anche l’ultima data di modifica sul lato CRM è obbligatoria per le importazioni di dati incrementali.

  4. Puoi anche filtrare i dati da importare in base alle tue esigenze. A questo scopo, fai clic sul collegamento Edit the filter… .

    Nell’esempio seguente, Adobe Campaign importa solo i contatti per i quali è stata registrata una certa attività dal 1° novembre 2012.

    IMPORTANTE

    Le limitazioni collegate alle modalità di filtraggio dei dati sono descritte in Filtro dei dati.

  5. L'opzione Use automatic index… ti consente di gestire automaticamente la sincronizzazione incrementale degli oggetti tra CRM e Adobe Campaign, a seconda della data e dell'ultima modifica.

    Per ulteriori informazioni, consulta Gestione delle variabili.

Gestire le variabili

Abilita l’opzione Automatic index per raccogliere solo gli oggetti modificati dall’ultima importazione.

Per impostazione predefinita, la data dell'ultima sincronizzazione viene memorizzata in un'opzione specificata nella finestra di configurazione: LASTIMPORT_<%=instance.internalName%>_<%=activityName%>.

NOTA

Questa nota si applica solo all'attività generica CRM Connector. Per altre attività CRM, il processo è automatico.

Questa opzione deve essere creata e compilata manualmente in Administration > Platform > Options. Deve essere un’opzione di testo e il suo valore deve corrispondere al seguente formato: aaaa/MM/gg hh:mm:ss.

È necessario aggiornare manualmente questa opzione per qualsiasi ulteriore importazione.

Puoi specificare il campo CRM remoto da prendere in considerazione per identificare le modifiche più recenti.

Per impostazione predefinita, vengono utilizzati i campi seguenti (nell’ordine specificato):

  • Per Microsoft Dynamics: modificato,
  • Per Salesforce.com: LastModifiedDate, SystemModestamp.

L’attivazione dell’opzione Automatic index genera tre variabili che possono essere utilizzate nel flusso di lavoro di sincronizzazione tramite un’attività di tipo JavaScript code . Queste attività sono:

  • vars.crmOptionName: rappresenta il nome dell’opzione che contiene l’ultima data di importazione.

  • vars.crmStartImport: rappresenta la data di inizio (inclusa) dell'ultimo recupero dati.

  • vars.crmEndDate: rappresenta la data di fine (esclusa) dell’ultimo recupero dati.

    NOTA

    Queste date vengono visualizzate nel seguente formato: aaaa/MM/gg hh:mm:ss.

Filtrare i dati

Per garantire un funzionamento efficiente con le varie CRM, è necessario creare i filtri utilizzando le seguenti regole:

  • Ogni livello di filtro può utilizzare un solo tipo di operatore.
  • Operatore AND NOT non supportato.
  • I confronti possono riguardare solo valori nulli ("è vuoto"/"non è vuoto") o numeri. Ciò significa che il valore (colonna a destra) è valutato e il risultato di tale valutazione deve essere un numero. I confronti tra tipi JOIN non sono pertanto supportati.
  • Il valore contenuto nella colonna di destra viene valutato in JavaScript.
  • I confronti JOIN non sono supportati.
  • L’espressione nella colonna a sinistra deve essere un campo. Non può essere una combinazione di più espressioni, un numero, ecc.

Ad esempio, le seguenti condizioni di filtro NON saranno valide per un'importazione CRM, perché l'operatore OR è posizionato allo stesso livello degli operatori AND:

  • L’operatore OR viene posizionato allo stesso livello degli operatori AND
  • I confronti vengono eseguiti sulle stringhe di testo

Ordina per

In Microsoft Dynamics e Salesforce.com è possibile ordinare i campi remoti da importare in ordine crescente o decrescente.

A questo scopo, fai clic sul collegamento Order by e aggiungi le colonne all’elenco.

L’ordine delle colonne nell’elenco è l’ordinamento:

Identificazione del record

Invece di importare gli elementi inclusi (e possibilmente filtrati) nel CRM, puoi utilizzare una popolazione calcolata in precedenza nel flusso di lavoro.

A questo scopo, seleziona l’opzione Use the population calculated upstream e specifica il campo contenente l’identificatore remoto.

Quindi seleziona i campi della popolazione in entrata che desideri importare, come illustrato di seguito:

Esportazione in CRM in corso

L'esportazione di dati Adobe Campaign in CRM ti consente di copiare l'intero contenuto in un database CRM.

Per esportare i dati verso il CRM, devi creare il seguente tipo di flusso di lavoro:

Per un’esportazione, applica la seguente configurazione all’attività CRM Connector :

  1. Selezionare un'operazione Export to CRM.

  2. Vai all'elenco a discesa Remote object e seleziona l'oggetto interessato dal processo. Questo oggetto coincide con una delle tabelle create in Adobe Campaign durante la configurazione del connettore.

    IMPORTANTE

    La funzione di esportazione dell’ attività CRM Connector può inserire o aggiornare campi sul lato CRM. Per abilitare gli aggiornamenti dei campi nel CRM, devi specificare la chiave primaria della tabella remota. Se la chiave è mancante, i dati verranno inseriti (anziché essere aggiornati).

  3. Nella sezione Mapping , specifica i campi da esportare e la relativa mappatura nel CRM.

    Per aggiungere un campo, fai clic sul pulsante Add nella barra degli strumenti, quindi fai clic sull'icona Edit expression .

    NOTA

    Per un dato campo, se non è definita alcuna corrispondenza sul lato CRM, i valori non possono essere aggiornati: sono inseriti direttamente nel CRM.

    Se necessario, modifica il formato dei dati tramite l’elenco a discesa delle colonne Conversion . I possibili tipi di conversione sono descritti in Formato dati.

    NOTA

    L’elenco dei record da esportare e il risultato dell’esportazione vengono salvati in un file temporaneo che rimane accessibile finché il flusso di lavoro non viene completato o riavviato. Questo consente di riavviare il processo in caso di errori senza correre il rischio di esportare più volte lo stesso record o di perdere dati.

Configurazioni aggiuntive

Formato dati

Puoi convertire al volo il formato dei dati quando li importi in o dal CRM.

A questo scopo, seleziona la conversione da applicare nella colonna corrispondente.

La modalità Default applica la conversione automatica dei dati, che nella maggior parte dei casi è uguale a una copia/incolla dei dati. Tuttavia, viene applicata la gestione del fuso orario.

Altre possibili conversioni sono:

  • Date only: in questa modalità vengono eliminati i campi tipo data + ora .
  • Without time offset: questa modalità annulla la gestione del fuso orario applicata nella modalità predefinita.
  • Copy/Paste: questa modalità utilizza dati non elaborati come le stringhe (nessuna conversione).

Elaborazione errore

Nel quadro delle importazioni o delle esportazioni di dati, puoi applicare un processo specifico a errori e rifiuti. A questo scopo, seleziona le opzioni Process rejects e Process errors nella scheda Behavior .

Queste opzioni posizionano le transizioni di output corrispondenti.

Quindi inserisci le attività pertinenti ai processi che desideri applicare.

Per elaborare gli errori, ad esempio, è possibile aggiungere una casella di attesa e pianificare nuovi tentativi.

I rifiuti vengono raccolti con il loro codice di errore e il relativo messaggio, il che significa che puoi impostare il tracciamento dei rifiuti per ottimizzare il processo di sincronizzazione.

NOTA

Anche quando l’opzione Process rejects non è abilitata, viene generato un avviso per ogni colonna rifiutata con un codice di errore e un messaggio.

La transizione di output Reject consente di accedere allo schema di output contenente le colonne specifiche relative ai messaggi di errore e ai codici. Per Salesforce.com, questa colonna è errorSymbol (simbolo di errore diverso dal codice di errore), errorMessage (descrizione del contesto dell'errore).

Importa oggetti eliminati nel CRM

Per abilitare l’impostazione di un ampio processo di sincronizzazione dei dati, puoi importare in Adobe Campaign gli oggetti eliminati nel CRM.

A questo scopo, esegui i seguenti passaggi:

  1. Selezionare un'operazione Import objects deleted in the CRM.

  2. Vai all'elenco a discesa Remote object e seleziona l'oggetto interessato dal processo. Questo oggetto coincide con una delle tabelle create in Adobe Campaign durante la configurazione del connettore.

  3. Specifica il periodo di eliminazione da prendere in considerazione nei campi Start date e End date . Queste date saranno incluse nel periodo.

    IMPORTANTE

    Il periodo di eliminazione degli elementi deve coincidere con le limitazioni specifiche del CRM. Ciò significa che per Salesforce.com, ad esempio, gli elementi cancellati più di 30 giorni fa non possono essere recuperati.

Eliminare gli oggetti nel CRM

Per eliminare gli oggetti dal lato CRM, è necessario specificare la chiave primaria degli elementi remoti da eliminare.

La scheda Behavior ti consente di abilitare l’elaborazione dei rifiuti. Questa opzione genera una seconda transizione di output per l’attività CRM connector . Per ulteriori informazioni, consulta Elaborazione degli errori.

NOTA

Anche quando l’opzione Process rejects è disabilitata, viene generato un avviso per ogni colonna rifiutata.

In questa pagina