Best practice

Di seguito sono riportate alcune best practice per l’elaborazione e la distribuzione dei feed di dati.

  • Assicurati di comunicare anticipatamente eventuali picchi di traffico previsti. La latenza influisce direttamente sul tempo di elaborazione dei feed di dati. Consulta Pianificare un picco di traffico nella guida utente Admin.

  • I feed di dati non contengono un accordo a livello di servizio, a meno che non sia esplicitamente indicato nel contratto con l’Adobe. In genere i feed vengono consegnati entro diverse ore dal passaggio dell’intervallo di reporting, ma occasionalmente possono richiedere fino a 12 ore o più.

  • Assicurati di avere ampio spazio sul tuo sito FTP. Rimuovi regolarmente i file dalla destinazione in modo da non esaurire inavvertitamente lo spazio su disco.

  • I feed orari utilizzano il processo di consegna di più file più veloce. Considera l’utilizzo di più feed di file orari se una consegna tempestiva è una priorità elevata per la tua organizzazione.

  • Se utilizzi sFTP, non leggere o eliminare file con un suffisso .part . Il suffisso .part indica che il file è parzialmente trasferito. Una volta trasferito il file, il suffisso .part scompare.

  • Se automatizza il processo di inserimento dei feed, considera la possibilità che gli hit e i file possano essere trasferiti più di una volta. Il processo di acquisizione dei feed deve gestire hit duplicati e file duplicati senza errori o duplicazioni dei dati. È consigliabile utilizzare la combinazione delle colonne hitid_high e hitid_low per identificare in modo univoco un hit.

    In rari casi, è possibile che siano presenti valori duplicati hitid_high e hitid_low. In questo caso, conferma che il file non è stato inviato ed elaborato in precedenza. Se solo alcune righe di un file sono duplicate, è consigliabile aggiungere visit_num e visit_page_num` per determinare l’univocità.

In questa pagina