Funzionamento delle regole di elaborazione

Le regole di elaborazione consentono di apportare modifiche ai dati in base a condizioni definite. Quando gli attributi o i valori corrispondono alle condizioni definite, è possibile impostare ed eliminare i valori e impostare gli eventi.

Le regole di elaborazione vengono applicate ai dati durante la raccolta e a tutti i dati che provengono dalle librerie AppMeasurement e dall’API di inserimento dati. Le regole di elaborazione si applicano anche alle origini dati complete e di registro. Queste origini contengono dati che rappresentano un hit o un’azione eseguita da un utente. Le regole di elaborazione non si applicano ad altre origini dati.

Concetti importanti

La tabella seguente contiene concetti chiave da considerare quando si utilizzano le regole di elaborazione:

Concetto

Dettagli

Le regole si applicano a una singola suite di rapporti.

Copiare le regole di elaborazione in un’altra suite di rapporti

Le regole di elaborazione vengono applicate nell’ordine in cui sono elencate.

Se un’azione modifica un valore, le condizioni successive utilizzano il nuovo valore.

Le regole di elaborazione vengono applicate alla suite di rapporti immediatamente dopo il salvataggio.

Le modifiche apportate alle regole di elaborazione diventano visibili nella suite di rapporti entro pochi minuti dal salvataggio. Durante il test delle regole di elaborazione, è consigliabile configurare rapporti in tempo reale nella suite di rapporti di test, per vedere rapidamente i risultati di una regola di elaborazione.

Le regole di elaborazione rappresentano l’unico modo per poter accedere alle variabili di dati di contesto.

Copiare una variabile di dati di contesto in una eVar

Le regole di elaborazione vengono applicate prima delle regole VISTA e del canale di marketing.

Ordine di elaborazione

Gli hit non possono essere esclusi.

Puoi utilizzare le regole VISTA per escludere gli hit.

Non è possibile modificare la stringa di prodotto, l’URL di provenienza (referrer) e l’agente utente.

Il referrer e l’agente utente sono di sola lettura. La stringa di prodotto non è disponibile.

Gli attributi e le classificazioni dei dispositivi mobili non sono disponibili.

La ricerca per dispositivi mobili viene eseguita prima delle regole di elaborazione, ma gli attributi non sono disponibili nelle regole di elaborazione.

I parametri della stringa di query non possono essere letti oltre i primi 255 caratteri di un URL se si esegue JavaScript AppMeasurement H.25.2 o versioni precedenti. JavaScript AppMeasurement H.25.3 e versioni successive forniscono alle regole di elaborazione l’URL completo, inclusi tutti i parametri delle stringhe di query.

Effettua l’aggiornamento alla versione H.25.3 o successiva, oppure leggi i parametri della stringa di query da URL lunghi lato client e salvane i valori nelle variabili di dati di contesto.

I valori della stringa di query devono essere codificati in Unicode o UTF-8 per essere letti dalle regole di elaborazione.

Questo requisito potrebbe incidere sui caratteri multibyte passati mediante stringhe di query.

Ogni suite di rapporti può avere un massimo di 150 regole, con un massimo di 30 condizioni ciascuna.

I limiti delle regole di elaborazione si riferiscono alle singole suite di rapporti, non all’intera società.

Le regole di elaborazione devono essere impostate in modo da recuperare le variabili dei dati di contesto prima dell’invio dei dati.

Le regole di elaborazione vengono applicate al momento dell’invio delle chiamate al server. I valori memorizzati nelle variabili di dati di contesto vengono scartati se non vengono copiati mediante le regole di elaborazione.

I confronti di valori nell’interfaccia utente non distinguono tra maiuscole e minuscole.

Pulire i valori in un rapporto .

I nomi delle variabili di dati di contesto possono contenere solo caratteri alfanumerici, trattini bassi e punti. Eventuali altri caratteri vengono eliminati.

Ad esempio, la variabile di dati di contesto login_page-home diventa automaticamente login_pagehome. Tutti i dati inviati alla variabile login_page-home vengono assegnati a login_pagehome.

Le variabili di dati di contesto che contengono caratteri non supportati non possono essere aggiunte nell’interfaccia delle regole di elaborazione.

L’accento circonflesso o caret (^) è un carattere speciale nel sistema delle regole di elaborazione.

Per indicare un singolo carattere caret, utilizza due caratteri caret (^^).

Condizioni della regola di elaborazione

Le condizioni verificano la presenza di un valore corrispondente nelle variabili di pagina. È possibile aggiungere più condizioni e selezionare se tutte devono essere soddisfatte.

Puoi creare una regola senza condizioni per eseguire sempre le azioni definite.

Prima dell’esecuzione delle azioni, i valori delle variabili non vengono controllati automaticamente. Ad esempio, Prop1 contiene un valore “something” ed eVar1 è vuoto. Se si imposta Prop1 su uguale a eVar1, entrambi i valori saranno vuoti. Per evitare che questo accada, aggiungi una condizione per verificare la presenza di un valore.

Azioni delle regole di elaborazione

Le azioni impostano o eliminano le variabili di pagina, oppure attivano gli eventi. Le azioni possono anche concatenare i valori da visualizzare in un rapporto.

Ad esempio, potrebbe essere utile visualizzare category:product concatenando due variabili.

In questa pagina